Ritardi aerei: Avianca risarcisce passeggero bolognese dopo sentenza del GdP

7

emilia-romagna-news-24BOLOGNA – Davvero un viaggio della speranza quello subito da un passeggero bolognese, R. G. che, il 29 agosto 2019, all’aeroporto di Londra, si è visto inspiegabilmente negare dalla compagnia aerea Avianca (compagnia aerea colombiana) l’imbarco sul volo AV121 diretto a Bogotà, in Colombia, in coincidenza con il volo della British Airways BA545 da Bologna a Londra.

Il vettore colombiano ha dal primo momento ignorato la richiesta risarcitoria del passeggero che ha trovato assistenza legale presso la claim company Italia Rimborso.

Dopo quasi due anni, una recente sentenza del Giudice di Pace di Bologna del 6 ottobre 2020, ha fatto giustizia ed il passeggero, assistito dall’Avv. Salvatore D’Angelo (rappresentante legale di Italia Rimborso), ha avuto riconosciuto il diritto alla compensazione pecuniaria.

“La domanda di parte attrice appare fondata – scrive il Giudice di Pace nella sentenza -. Infatti, a fronte delle precise e documentate argomentazioni proposte dall’attrice, parte convenuta nulla ha replicato. Deve pertanto essere affermato l’obbligo di parte convenuta di risarcire i danni causati al viaggiatore per i fatti di cui è causa, posta la grave inadempienza commessa dalla Compagnia”.

Quindi viene riconosciuta al passeggero la piena Compensazione Pecuniaria,  prevista dal regolamento comunitario 261/2004, il passeggero ha avuto riconosciuti ben 600 euro.

Si tratta di un risarcimento forfettario del disagio subito, addebitati ad Avianca disagio aereo provocato.

“La sentenza conferma ancora una volta che i diritti del passeggero aereo possono e devono essere tutelati – afferma l’avvocato D’Angelo -.

ItaliaRimborso ha fortemente creduto nel fatto che al passeggero fosse stato ingiustamente negato l’imbarco e, infatti, nel pieno rispetto delle normative in vigore, seppur a distanza di quasi due anni, la giustizia ha fatto il suo corso nel migliore dei modi”.