Relazione annuale dei Consiglieri incaricati del Comune di Parma Spadi e Pizzigalli

PARMA – 2018-2019 Relazioni annuali del Consigliere Incaricato al welfare dello studente universitario, ai rapporti con le rappresentanze studentesche e alla partecipazione giovanile e del Consigliere Incaricato alle Politiche Agricole e relativi rapporti con il territorio Sebastiano Pizzigalli.

Ad un anno dalla loro investitura e accompagnati dal Sindaco Federico Pizzarotti, i due consiglieri Incaricati del Comune di Parma, hanno voluto restituire pubblicamente il racconto delle loro attività nei rispetti settori di competenza e a supporto dei lavori della Giunta.

“Abbiamo voluto creare figure di riferimento in merito a determinate materie, che ne conoscano e seguano l’evoluzione, al pari dei delegati che sono stati nominati al decoro, alla disabilità e all’integrazione, dedicati i Consiglieri Incaricati Leonardo Spadi e Sebastiano Pizzigali si sono dedicati a tematiche specifiche e sono divenuti un interlocutore necessario che, come nell’auspicio iniziale, è riuscito a valorizzare il ruolo del Comune e delle associazioni dei loro ambiti di lavoro”.

Il primo anno del mandato del Consigliere Spadi, si è concentrato su un percorso di analisi e studio delle criticità della popolazione di 45mila studenti presenti in città emerse dal costante dialogo con tutti i soggetti interessati: scuole, Università, istituzioni, associazioni studentesche, associazioni giovanili e studenti.

Parallelamente l’obiettivo è stato quello di mettere a sistema i servizi e le opportunità già presenti al fine di rendere Parma sempre più una città a misura di studenti; proprio a tal fine è stato ideato da Comune e Università il progetto “Parma Città Universitaria”.

Primo passo di “Parma Città Universitaria” è stata la rassegna “Parma prende la laurea”, un ciclo di sei incontri di discussione, per illustrare a tutti, studenti in primis, le iniziative e i servizi che l’Ateneo e il Comune stanno organizzando in modo congiunto per raggiungere l’obiettivo di una Città universitaria a 360 gradi, e per raccogliere in modo dialettico suggerimenti ed esigenze segnalate dai partecipanti.

In seguito ai tanti spunti raccolti grazie alla rassegna si sono focalizzate quattro tematiche: alloggi, trasporti, spazi per lo studio e internazionalizzazione. Di seguito alcune delle azioni intraprese negli ultimi mesi.

  • Alloggi: è stata confermata l’aliquota IMU agevolata per chi affitta agli studenti universitari e inoltre, si è costituito un tavolo di lavoro tra Comune e Università con il compito ioni e progetti, da mettere in campo nei prossimi anni.
  • Trasporti: su richiesta degli studenti, è stato abbassato del 20% l’abbonamento annuale TEP riservato agli studenti, includendo inoltre un carnet di biglietti gratuiti per il pronto bus.
  • Spazi per lo studio: grazie al nuovo contratto di gestione, le biblioteche comunali avranno orari di apertura estesi anche ai weekend.
  • Internazionalizzazione: la città di Parma è diventata capofila della rete Eunivercities; le città della rete, lavorando in tandem (Città-Università), si pongono l’obiettivo di migliorare la cooperazione Città-Università nell’Europa urbana dei nostri giorni. Inoltre, il Comune di Parma, ha aderito al progetto URBACT “Welcoming Internazional Talent” che si pone l’obiettivo di migliore l’attrattiva e l’inclusone dei talenti internazionali nei prossimi anni.

Il costante e proficuo dialogo con le rappresentanze studentesche e le varie realtà giovanili ha portato alla realizzazione di diversi eventi e iniziative; le principali: Giornata dell’Arte e della Creatività Studentesca, Consegna delle Costituzioni, inaugurazione della Music Factory e la nomina della città di Parma all’interno del Consiglio di Presidenza del GAI – Circuito Giovani Artisti Italiani.

Il Consigliere Sebastiano Pizzigalli sottolinea come i comuni possono intercettare il tema dell’agricoltura nel loro ruolo di enti locali, ovvero attraverso la pianificazione territoriale, i regolamenti urbanistici, il marketing territoriale e lo sviluppo di mercati sia di prossimità che logistici. Il Consigliere Incaricato alle Politiche agricole ha voluto fin da subito rapportarsi con le associazioni di categoria del settore riconoscendo il loro ruolo di rappresentanza e cercando di fare sinergia su determinati argomenti:

– la struttura del Centro Agroalimentare e logistica di Parma che ad oggi movimenta circa 500 mila quintali all’anno di prodotti ortofrutticoli ;

– l’importante appuntamento di Parma 2020 Capitale della cultura divulgando la possibilità di presentare progetti e aderire al comitato organizzatore;

– il Km Verde spiegando il progetto e offrendo loro la possibilità di aderire al protocollo d’intesa già firmato da Comune, Regione, Unione Industriali e “Parma io ci sto”.

Uno dei temi a cui si è dedicato il Consigliere Pizzigalli è stato quello del Centro Agroalimentare di Parma, società in cui il Comune ha la maggioranza delle quote e che ospita grossisti e aziende agricole che commerciano prodotti ortofrutticoli. Uno dei risultati più importanti è stato quello di aver trovato un accordo con i centri di Bologna e Rimini al fine di perseguire i seguenti obiettivi:

– Favorire la cooperazione e l’integrazione delle strategie sul piano commerciale e di organizzazione;

– Perseguire economie di scala e di scopo;

– Promuovere iniziative comuni per lo sviluppo sui mercati esteri;

Di fatto, con questo accordo, la Regione ha anche riconosciuto la strategicità delle proprie quote all’interno dei centri evitando così la dismissione delle stesse.

All’interno di CAL è stato inoltre promosso un dibattito riguardante lo sviluppo di un mercato diurno e non più notturno con l’obiettivo di implementare le tipologie di clienti, migliorare le condizioni di benessere degli operatori e infine risultare pronti nel caso mercati importanti del Veneto e della Lombardia facessero questa scelta creando così una forte concorrenza. A portare la propria esperienza sono stati i vertici di ANDMI l’Associazione Nazionale Direttori Mercati all’Ingrosso che hanno affrontato il tema con successo in altre parti d’Italia.

I buoni rapporti intrapresi tra CAL e ANDMI hanno fatto si che si svolgesse a Parma il primo appuntamento in Italia a seguito del protocollo firmato tra l’unione dei centri italiani (ANDMI) e quelli tedeschi (GFI) avvenuto a fine 2018. Hanno partecipato all’incontro svoltosi a fine marzo i vertici di GFI e ANDMI, oltre a importanti professori universitari ed esperti del settore con un contributo da remoto del sottosegretario all’agricoltura. Questo protocollo si articola in diversi punti:

– Sviluppo di iniziative specifiche in alcuni mercati all’ingrosso;

– Sviluppo di sinergie sulla consegna nei centri urbani;

– Sviluppo di sinergie sui mercati all’ingrosso per quanto riguarda i seguenti settori: economia, logistica, infrastrutture, servizi, garanzie di qualità, sicurezza alimentare e marketing.

Un altro tema a cui Pizzigalli si è dedicato è stato quello della Fondazione Bizzozero. Il Sindaco Pizzarotti lo ha nominato Consigliere della Fondazione ad agosto 2018. L’ente nasce nel 1926, si ispira all’agronomo Antonio Bizzozero e si propone di favorire il progresso agricolo e la valorizzazione della produzione agraria, zootecnica ed agroalimentare della provincia di Parma. La sua attività in questi mesi è consistita nell’agevolare i rapporti tra Comune e Fondazione. Un risultato su tutti è stato quello di aver promosso un tavolo di lavoro tra la fondazione e suoi collaboratori che ha portato alla presentazione di un progetto per Parma2020 con al centro il tema di una risorsa fondamentale per l’uomo e il suo sviluppo, ovvero quello dell’acqua.