Ramin Bahrami oggi pomeriggio in concerto a Vignola

VIGNOLA (MO) – La chiusura del 19esimo Emilia Romagna Festivalsabato 7 settembre – è affidata a una doppia tappa, tra Vignola (Mo) e Sasso Morelli (Bo). Nella suggestiva Rocca di Vignola, dove il festival arriva la per la prima volta, andrà in scena (ore 17) il grande pianista Ramin Bahrami, uno dei più celebrati interpreti bachiani al mondo, con le “Variazioni Goldberg”, opera fra le più straordinarie di Johann Sebastian Bach. A seguire (ore 21) la seconda tappa a Villa La Babina di Sasso Morelli, con un concerto dedicato alla Grande Lirica affidato alla bravura di due stelle internazionali: il soprano Cinzia Forte e il baritono Giovanni Meoni accompagnati al pianoforte da Marco Scolastra.

Le “Variazioni Goldberg” sono una partitura da togliere il fiato, strutturata in una successione di trenta variazioni sopra un’aria di superba bellezza che apre e chiude l’opera in un unicum circolare. Numerosissime sono le incisioni, insieme a libri ma anche utilizzatissima da molteplici colonne sonore da Il Silenzio degli innocenti, a Shame e Hannibal, per citare solo alcuni dei film che hanno utilizzato queste note come commento alle immagini. Ciò ha contribuito a renderle uno dei pezzi più apprezzati e noti sia da molti appassionati di musica classica ma anche dal grande pubblico.

Furono composte da Bach fra il 1741 e il 1745 per allietare l’insonnia del conte von Brühl, il quale riuscì infine a spremerne un balsamo adatto ad allietare le lunghe ore notturne, grazie all’ascolto dell’opera eseguita dal mirabile Johann Gottlieb Goldberg, l’unico che sapesse affrontare le difficoltà della composizione con la dovuta maestria. Vertice della sperimentazione compiuta da Bach nell’intero corso della sua vita, le “Variazioni Goldberg” saranno eseguite da Ramin Bahrami, vero “poeta della tastiera” – come definito dal Leipziger volkszeitung, uno dei pochi al mondo capace di affrontare la complessità di quest’opera, al pari di un moderno Goldberg.

Dopo l’esecuzione dei Concerti di J.S. Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly la critica tedesca considererà Ramin Bahrami “un mago del suono”. Si diploma a Milano con Piero Rattalino, il quale spese per l’allievo sempre parole di lode, paragonandolo a Glenn Gould. Nativo di Teheran, la sua ricerca interpretativa dirige ogni sforzo su Bach, facendo delle proprie radici tedesche, russe, turche e persiane un punto di forza, riuscendo a percepire l’universalità di ogni opera di cui tocca i tasti attraverso la sua sensibilità cosmopolita. Incide esclusivamente per Decca-Universal; i suoi CD sono bestseller e riscuotono sempre molto successo di pubblico e critica, tanto da aver indotto il Corriere della Sera a dedicargli una collana apposita per 13 settimane consecutive. È stato insignito del premio Mozart Box per l’appassionata e coinvolgente opera di divulgazione della musica, bachiana e non solo.

Già entrato cinque volte nella classifica top 100 dei dischi pop più venduti di Gfk, il New York Times ha definito il suo stile “forte e fluido”, mentre il Los Angeles Times ha sottolineato la ritmicità delle sue interpretazioni, che evocano nell’orecchio dell’ascoltatore la gioia del ballo. Reduce da un concerto trionfale alla Sala Grande dell’Accademia Liszt a Budapest e alla Tonhalle di Zurigo, recentemente si è esibito con Yuri Bashmet e I Solisti di Mosca e ha avuto il privilegio di suonare in una gala di beneficenza con Sabine Meyer. Tra i suoi prossimi impegni, è da menzionare la tournée in Estremo Oriente con Danilo Rea, con il concerto “Bach is in the air”.

Ingresso
Intero € 13
Ridotto A € 10
(oltre i 65 anni, soci Associazione Musicale Estense, possessori YoungerCard, disoccupati documentati)
Ridotto B € 5
(dai 15 ai 25 anni, studenti universitari, allievi Istituto Vecchi-Tonelli, allievi del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara)
Gratuito: fino a 14 anni
Info sulle prevendite: https://www.emiliaromagnafestival.it/programma-summer-2/

Info Concerto
Grandezze & Meraviglie tel. 059 214333 / +39 345 8450413

IN COLLABORAZIONE CON
G&M Grandezze e Meraviglie – Festival Musicale Estense

PROGRAMMA
Johann Sebastian Bach
Aria con 30 variazioni, in sol maggiore per clavicembalo, BWV 988 “Variazioni Goldberg”

CURRICULUM ARTISTI
“Ramin Bahrami scompone la musica di Bach e la ricompone in modi che risentono di un modello, Glenn Gould, senza veramente assomigliare al modello. Io gli ho insegnato a sopportare il morso, ma non l’ho domato; e spero che continui ad essere com’è”. Piero Rattalino

Ramin Bahrami è considerato uno dei più interessanti interpreti di Bach al pianoforte. Dopo l’esecuzione dei Concerti di Johann Sebastian Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly, la critica tedesca lo considererà: “un mago del suono, un poeta della tastiera; artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale”. (Leipziger volkszeitung).
La ricerca interpretativa del pianista iraniano è rivolta alla monumentale produzione tastieristica di Johann Sebastian Bach, che Bahrami affronta con il rispetto e la sensibilità cosmopolita della quale è intrisa la sua cultura e la sua formazione. Le influenze tedesche, russe, turche e naturalmente persiane che hanno caratterizzato la sua infanzia, gli permettono di accostarsi alla musica di Bach esaltandone il senso di universalità che la caratterizza.
Bahrami si è esibito in importanti festival pianistici tra cui “La Roque d’Anthéron”, Festival di Uzés, il Festival “Piano aux Jacobins” di Toulose, il Tallin Baroque Music Festival in Estonia e il Beijing Piano Festival in Cina, Festival di Brescia e Bergamo, Ravello Festival ed in prestigiose sedi italiane come il Teatro alla Scala di Milano, la Fenice di Venezia, l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, etc..
Nato a Teheran si diploma con Piero Rattalino al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, approfondisce gli studi all’Accademia Pianistica di Imola e con Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda.
Si perfeziona con Alexis Weissenberg, Charles Rosen, András Schiff, Robert Levin e Rosalyn Tureck.
Ramin Bahrami incide in esclusiva per Decca-Universal. I suoi CD sono dei best seller e riscuotono sempre molto successo di pubblico e di critica tanto da indurre il Corriere della Sera a dedicargli una collana apposita per 13 settimane consecutive. È entrato cinque volte nella classifica top 100 dei dischi più venduti pop di Gfk.
Le sue registrazioni vengono regolarmente trasmesse dalle maggiori emittenti internazionali.
Ramin Bahrami ha scritto due libri per Mondadori e un terzo edito da Bompiani dal titolo “Nonno Bach”. Recentemente ha avuto il privilegio di inaugurare la stagione di musica da camera di Santa Cecilia a Roma e al Beethoven Festival di Varsavia in collaborazione con il flautista Massimo Mercelli, con cui ha registrato le sonate per flauto e piano per Decca.
Reduce da un concerto trionfale alla Sala Grande dell’Accademia Liszt a Budapest e alla Tonhalle di Zurigo, recentemente si è esibito con Yuri Bashmet e I Solisti di Mosca e ha avuto il privilegio di suonare in una gala di beneficenza con Sabine Meyer.
Ha inciso l’Offerta Musicale di J.S. Bach con le prime parti di Santa Cecilia.
È stato insignito del premio “Mozart Box” per l’appassionata e coinvolgente opera di divulgazione della musica, gli è stato conferito il Premio “Città di Piacenza Giuseppe Verdi” dedicato ai grandi protagonisti della scena musicale, riconoscimento assegnato prima di lui a Riccardo Muti, José Cura, Leo Nucci e Pier Luigi Pizzi.
Ha inoltre ricevuto la cittadinanza onoraria dalle città di Catania e Palermo e il sigillo dall’Università di Sassari.
Fra i suoi prossimi impegni una tournée in Estremo Oriente (fra cui Tokyo, Osaka, Pechino e Shangai) col programma “Bach is in the air” in duo con Danilo Rea.
“The performances are both life – enchancing fun, and breathtakingly and movingly beautiful” (Musicweb international)
“Bahrami shows fine technique and crisp articulation in the fast passage work” (BBC Music Magazine)
“Bahrami´s playing is everywhere strong and fluent” (New York Times)
“The performances have a rhythmic litheness that makes you want to get up and dance”. (Los Angeles Times).

XIX EMILIA ROMAGNA FESTIVAL – ERF
dal 6 luglio al 7 settembre 2019

LE VARIAZIONI GOLDBERG
RAMIN BAHRAMI pianoforte

Musiche di Johann Sebastian Bach

Sabato 7 settembre, ore 17.00
VIGNOLA La Rocca

WWW.EMILIAROMAGNAFESTIVAL.IT