Question Time, chiarimenti su assembramenti al Parco della Zucca

31

BOLOGNA – L’assessore Alberto Aitini ha risposto, in seduta di Question Time, alla domanda d’attualità del consigliere Umberto Bosco (Lega nord) su assembramenti al Parco della Zucca.

La domanda del consigliere Bosco
“Assembramenti Parco della Zucca. Alla luce dell’articolo di stampa chiedo al Sindaco ed alla Giunta un parere politico-amministrativo nel merito. Chiedo, in particolare, per quale ragione e per decisione di chi, non si è intervenuti a prevenzione o repressione degli assembramenti”.

La risposta dell’assessore Aitini
“Grazie consigliere,
per quanto ci riguarda noi non eravamo a conoscenza di questo evento prima che si verificasse e quindi abbiamo segnalato gli assembramenti conseguenti durante l’evento in corso. Abbiamo segnalato alle forze dell’ordine il problema e abbiamo chiesto di intervenire, a quel punto nel Parco della Zucca è intervenuto personale specializzato della Polizia di Stato, come avviene in tutte le circostanze in cui si verificano episodi analoghi. È, infatti, del tutto evidente la particolarità della situazione, nel senso che era un evento prettamente di connotazione politica e quindi una questione di ordine pubblico, e come il consigliere sa benissimo di competenza dell’autorità di pubblica sicurezza. Ed è per questo che una volta che c’è stato segnalato l’assembramento, abbiamo subito informato le forze dell’ordine e chiesto loro di intervenire. Come vi dicevo, è intervenuto personale specializzato della Polizia di Stato, che poi ha deciso di gestire la situazione nei modi e nei termini che appunto hanno ritenuto più idonei per intervenire. È chiaro che, come diceva giustamente lei, in queste situazioni non è sempre facile intervenire, è sempre meglio prevenire, abbiamo comunque ribadito alle forze dell’ordine la necessità di fare il possibile, fare di tutto, per non lasciare che questo genere di situazioni rimangano senza intervento e quindi abbiamo chiesto un’altra volta la massima attenzione per far sì che si cerchi di prevenire questo genere di situazioni ma, in generale, anche se non si potesse prevenire, di fare in modo che ci sia sempre un intervento da parte delle forze dell’ordine per disperdere l’assembramento, ma anche per sanzionare le persone che si sono assembrate e denunciare gli organizzatori di questi eventi”.