Progetto “Pe-Tra”

12
Da sinistra: Evelina Cattadori, direttrice dell’Unità operativa Processi Clinici e Strutture Accreditate dell’Azienda Usl, Emanuele Maffi per il consiglio direttivo di Federfarma, l’assessore ai Servizi Sociali e Pari Opportunità Federica Sgorbati, la presidente di Telefono Rosa – Centro Antiviolenza di Piacenza Donatella Scardi e Ilaria Egeste, referente e coordinatrice del progetto per Telefono Rosa

PIACENZA –  Lunedì 8 novembre nel corso di una conferenza stampa tenutasi stamani in Municipio è stato presentato il progetto “Pe-Tra”

Progetto PE-TRA percorsi trasversali
Soggetto capofila è il Centro Antiviolenza di Piacenza: Telefono Rosa Piacenza-Associazione “La città delle donne O.d.V.”
Progetto finanziato all’80% (massimo importo erogabile) dalla Regione Emilia Romagna, con Delibera della Giunta regionale n.673 del 10/05/2021
Costo complessivo: 46.400 euro, di cui il restante 20% rispetto ai fondi regionali è a carico di Telefono Rosa Piacenza.

Obiettivo principale:
prevenire e contrastare i fenomeni di violenza di genere e di discriminazione cui sono o possono essere soggette donne che vivono in condizioni di fragilità, donne che si trovano a rischio di emarginazione sociale, discriminazione e violenza per la loro condizione di migranti, richiedenti e titolari di protezione internazionale, neo arrivate, vittime di pratiche lesive.

Obiettivi specifici:
-Attivare e divulgare la rete attivata con il progetto “altri passi” per raggiungere donne straniere domiciliate nelle zone montane e pedo montane partendo da medici di medicina generale, farmacisti, operatori scolastici divulgando materiali informativi
-Diffondere materiali informativi per un’immediata comprensione delle modalità di richiesta di aiuto presenti sul territorio attraverso l’affissione di volantini e l’utilizzo di QR code sugli autobus di linea urbana ed extraurbana
-Offrire momenti di confronto aperto in spazi neutri e anonimi alle donne straniere e rifugiate a rischio di emarginazione e violenza
-Produrre un video ad hoc che illustri le realtà spesso sconosciute delle donne immigrate vittime di tratta, prostituzione, rifugiate prolifiche
-Creare un protocollo di accoglienza in collaborazione con il PS di Piacenza che preveda modalità condivise e percorsi specifici per donne a rischio di discriminazione
-Attivare uno sportello presso i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti nelle sedi di Piacenza, Distretto di Ponente e Distretto di Levante, al fine di intercettare i bisogni delle donne straniere e indirizzarle verso la scelta consapevole di tutte le opportunità offerte dal territorio.

Durata:
Dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2022

Partner:
Azienda Sanitaria Locale Piacenza
Comune di Piacenza
Comune di Castel San Giovanni
Comune di Fiorenzuola d’Arda
Comune di Rivergaro
Arcigay Piacenza Lambda APS
Federfarma
CPIA
Ippogrifo

Da sinistra: Evelina Cattadori, direttrice dell’Unità operativa Processi Clinici e Strutture Accreditate dell’Azienda Usl, Emanuele Maffi per il consiglio direttivo di Federfarma, l’assessore ai Servizi Sociali e Pari Opportunità Federica Sgorbati, la presidente di Telefono Rosa – Centro Antiviolenza di Piacenza Donatella Scardi e Ilaria Egeste, referente e coordinatrice del progetto per Telefono Rosa.