Presto segnali lampeggianti all’incrocio Morane-Arquà

18

In settimana i lavori relativi alla segnaletica verticale. L’attraversamento in corrispondenza della ciclabile sarà indicato anche con occhi di gatto e rallentatori ottici

MODENA – Saranno posizionati in settimana i dispositivi lampeggianti e gli occhi di gatto catarinfrangenti nei pressi dell’incrocio tra strada Morane, via Arquà e via Brescia a Modena, teatro di alcuni incidenti.

L’intervento, che prevede il potenziamento della segnaletica sia verticale che orizzontale per aumentare la sicurezza dell’attraversamento in corrispondenza della pista ciclabile, era già in programma nell’ambito del progetto sulla cosiddetta mobilità d’emergenza in corso in strada Morane, che ha preso avvio a fine anno con alcune lavorazioni nel primo tratto tra via Carlo Sigonio e via Don Minzoni. Ora i lavori proseguiranno con la posa della segnaletica verticale prevista nel tratto tra via Don Minzoni e via Salvo d’Acquisto, compresi i dispositivi speciali per l’indicazione dell’attraversamento, mentre la segnaletica orizzontare sarà tracciata non appena le condizioni climatiche potranno garantire la tenuta delle lavorazioni.

Su strada Morane, tra l’ingresso del parcheggio di Esselunga e via Mantova, quindi anche all’altezza di via Arquà, vista l’ampiezza della carreggiata, il progetto della mobilità d’emergenza prevede la realizzazione di due piste ciclabili monodirezionali su corsia riservata di ampiezza pari a 1,50 metri. L’intervento, attraverso un’aumentata percezione del rischio per la presenza di una carreggiata più stretta e di una pista ciclabile su strada, ha anche l’obiettivo di portare a una riduzione della velocità dei veicoli e a una maggiore attenzione alla guida.

La presenza dell’attraversamento in corrispondenza della pista ciclabile adiacente a via Arquà sarà segnalata, in particolare, con rallentatori ottici (segnaletica orizzontale) in entrambe le direzioni di marcia, con occhi di gatto catarifrangenti sull’asfalto e con segnali di pericolo con lampeggianti bifacciali, sempre in entrambe le direzioni, a ridosso del passaggio pedonale e, come preavviso, 50 metri prima.