Premio Barresi 2021: proclamate le imprese vincitrici del riconoscimento che ogni anno la Città metropolitana dedica alle aziende giovani e sostenibili

9

La Cerimonia del 14 dicembre ha visto la premiazione di DTB – Double Trouble Bologna, Hoppibolla, Lac2Lab e Sette e Mezzo Studio che hanno dialogato con studentesse e studenti degli Istituti Caduti della Direttissima, Keynes, Manfredi-Tanari e Salvemini

BOLOGNA – DTB – Double Trouble Bologna, Hoppibolla, Lac2Lab e Sette e Mezzo Studio: sono le imprese vincitrici del Premio Barresi 2021, il riconoscimento che ogni anno la Città metropolitana di Bologna assegna e dedica alle realtà imprenditoriali giovani e sostenibili che operano sul territorio. Le quattro imprese accederanno a un contributo a fondo perduto di 7.000 euro ciascuna, oltre a servizi di tutoraggio, comunicazione e networking messi a disposizione dalla Città metropolitana e dai partner del Premio Barresi ART-ER, Camera di Commercio di Bologna – Sportello Genesi Nuove Imprese e Comune di Bologna – INCREDIBOL!.

A conclusione dell’edizione 2021, per valorizzare le quattro imprese è stato organizzato l’evento Cerimonia del Premio Barresi: giovani generazioni a confronto , una vera e propria festa in cui le realtà vincitrici, dopo essere state premiate ufficialmente ed essersi raccontate, hanno dialogato con studentesse e studenti degli Istituti Caduti della Direttissima, Keynes, Manfredi-Tanari e Salvemini per approfondire e mettere in luce il valore di una scelta imprenditoriale sostenibile. Il format, replicato per il secondo anno consecutivo, vuole anche trasmettere un messaggio positivo ai giovani, perché guardino al proprio Futuro con determinazione e coraggio, pensando al tempo stesso al benessere delle persone e del Pianeta attraverso scelte, anche imprenditoriali, sempre più sostenibili.

“Il Premio Barresi – ha dichiarato Rosa Grimaldi, delegata del Sindaco alla promozione economica – si iscrive in un quadro più ampio di azioni, promosse dalla Città metropolitana, per lo sviluppo sostenibile e per l’imprenditorialità, quale fattore cruciale per creare innovazione e nuova occupazione, per rendere le nuove generazioni e le donne protagoniste dello sviluppo economico e sociale del territorio.

Il territorio bolognese è un luogo fertile per l’educazione e la formazione, per la ricerca, per fare impresa; perché lo diventi ancor di più le istituzioni devono trasmettere un messaggio di fiducia e al contempo dare un supporto concreto ai giovani e alle giovani che decidono di mettersi in gioco avviando un progetto imprenditoriale. Le imprese giovani, femminili, responsabili, sostenibili e innovative che abbiamo premiato oggi e il bel momento di confronto con le classi degli Istituti Tecnici Economici del territorio, credo siano uno stimolo per continuare a lavorare con convinzione in questa direzione”.

L’iniziativa è stata promossa e organizzata nell’ambito del Festival della Cultura tecnica grazie all’importante supporto dell’Area Sviluppo sociale della Città metropolitana e dell’Ufficio Scolastico Regionale, che sono intervenuti nel corso dell’evento insieme a Rosa Grimaldi, delegata del Sindaco alla promozione economica, e a Giovanna Trombetti, direttrice dell’Area Sviluppo economico della Città metropolitana e del Territorio Turistico Bologna-Modena.