Premio “10:26” per ricordare le vittime della strage della stazione di Bologna

42

La scuola di narrazione bolognese Bottega Finzioni e l’Associazione tra i familiari delle vittime del 2 agosto 1980 insieme per ricordare la vita, le passioni e i sogni delle vittime della strage

emilia-romagna-news-24BOLOGNA – Ricordare la vita, le passioni e i sogni delle vittime della strage, cercando di riallacciare simbolicamente i fili e i percorsi spezzati quel giorno, e facendoli proseguire attraverso borse di studio e ricerca per giovani fino a 26 anni.

È questo l’obiettivo del Premio 10:26, istituito da Bottega Finzioni con il patrocinio dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e il sostegno di Gruppo CER GAS, Orteco Srl e Eurotre Srl, la cui presentazione si è tenuta questa mattina a Bologna, alla presenza di Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione 2 agosto 1980, Michele Cogo, Direttore di Bottega Finzioni, Antonella Beccaria, Giornalista e Responsabile Didattica di Bottega Finzioni, e Alberto Paleari, amministratore del Gruppo CER GAS.

L’iniziativa– il cui titolo fa ripartire idealmente le lancette dell’orologio della stazione di Bologna, ferme alle 10:25 del 2 agosto di quarant’anni fa – mira a premiare progetti di ricerca in ambito culturale, scientifico e artistico con una Borsa di studio del valore di 3.000 euro, più 10 premi in buoni da 250 euro.

Dice Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione familiari delle vittime del 2 agosto:
“Ringrazio Bottega Finzioni per averci proposto questa iniziativa che guarda avanti, per fare memoria. Sono convinto che i giovani partecipanti ci stupiranno, come sempre, sia dal punto di vista dei contenuti, sia dal punto di vista dell’utilizzo delle nuove tecnologie.”

Il direttore di Bottega Finzioni Michele Cogo spiega:
“Per fare memoria è certamente fondamentale raccontare ciò che è stato, ma forse ancora di più raccontare immaginando ciò che sarà. Magari riallacciando simbolicamente dei fili spezzati il 2 agosto 1980, quando si sono interrotti tanti sogni, passioni, desideri. Ora speriamo che il Premio 10:26 possa far sì che alcuni di questi fili si riallaccino”.

La responsabile della Didattica di Bottega Finzioni Antonella Beccaria aggiunge:
“Il tema della memoria e della ricostruzione degli anni delle stragi è stato spesso al centro dei corsi di Bottega Finzioni. Con questa iniziativa compiamo un passo ulteriore, uscendo dalle aule e rivolgendoci a giovani che possono avere la possibilità di compiere i loro percorsi di studi, che saranno supportati anche dalla memoria di ciò che è stato”.

Alberto Paleari, amministratore del Gruppo CER GAS, dichiara:
“È un grande onore per me, come Gruppo CER, sostenere questa prima edizione del Premio 10:26, che fa ripartire simbolicamente quelle lancette ferme da 40 anni. Mi pare un ottimo modo di fare memoria con concretezza e al di là della retorica degli anniversari. Sono molto curioso di vedere quali progetti ci verranno sottoposti”.

L’ambito disciplinare per i progetti di ricerca sarà indicato di anno in anno da parte di Bottega Finzioni e Associazione 2 agosto 1980, che individueranno congiuntamente una commissione costituita da membri esperti della materia selezionata. L’ambito disciplinare di quest’anno riguarda la storia dell’arte e le produzioni nell’ambito delle arti visive. La Commissione di valutazione, composta da Davide Domenici (Antropologo e Archeologo), Elena Pirazzoli (Storica) e Francesca Tancini (Storica dell’Arte), selezionerà il progetto ritenuto più originale e significativo tra tutti quelli inviati.

L’iscrizione al concorso è aperta a tutti gli studenti europei ed extraeuropei fino al compimento del 26° anno di età. I concorrenti (singoli o gruppi, scuole o classi, maggiorenni e minorenni) dovranno inviare il loro progetto di ricerca in formato pdf all’indirizzo info@bottegafinzioni.com entro e non oltre il 12 dicembre 2020.

La premiazione avverrà lunedì 2 agosto 2021 alle ore 18.00 presso la Sala d’aspetto di seconda classe della Stazione di Bologna, vicino alla lapide con i nomi delle vittime. Parteciperanno autorità politiche, militari e illustri personaggi del mondo della letteratura, della cultura e dello spettacolo.

Ulteriori dettagli sono disponibili sul sito di Bottega Finzioni www.bottegafinzioni.it