Porcile di Pasolini, regia di Nanni Garella e Balletto Civile all’Arena del Sole di Bologna

23
Porcile di Arte e Salute e Balletto Civile, foto di Luca Del Pia

BOLOGNA – Dopo il debutto dello scorso anno, Arte e Salute, compagnia di casa in ERT, torna sul palcoscenico del Teatro Arena del Sole di Bologna dal 27 febbraio al 3 marzo con Porcile, lavoro che ha visto gli attori della storica compagnia guidati dal regista Nanni Garella, in una inedita collaborazione con Balletto Civile e Michela Lucenti, che ne ha curato le coreografie. Uno spettacolo nato per il progetto Come devi immaginarmi, ideato da Valter Malosti e dallo studioso Giovanni Agosti in occasione del centenario della nascita di Pasolini, che nella Stagione 22/23 ha portato alla messa in scena dell’intero corpus delle tragedie dell’autore.

Una coproduzione di Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale e Balletto Civile, con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna – Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna.

Porcile è un dramma ambientato nell’estate del 1967 a Godesberg, città della Germania nei pressi di Bonn, dove gli strascichi del nazismo sono ancora evidenti. Qui vive una famiglia borghese di ricchi industriali, i Klotz, il cui figlio Julian passa le giornate nel disinteresse e nell’apatia. Il giovane protagonista porta sulle spalle il peso di un’eredità intollerabile, quella che vide gli industriali, e dunque anche la sua famiglia, collaborare con il regime di Hitler. In questo senso Julian si rivela un perfetto eroe tragico, destinato a soccombere per il suo orgoglio e la sua sfacciataggine, ma anche per il suo sincero legame con la natura che al tempo stesso sfida. «Julian assomiglia molto a Pasolini da giovane – nota Nanni Garella – per questo infinito amore per la vita nonostante le difficoltà, le persecuzioni e le angherie».

Sebbene ambientata in epoca moderna, la pièce pasoliniana ha perciò tutte le caratteristiche e la potenza della tragedia arcaica: «Pasolini non è un drammaturgo, – specifica il regista – è un poeta e un narratore. Quando decide di affrontare il teatro tenta di scavalcare la forma del dramma borghese e anche quella del teatro epico. Per fare ciò Pasolini si tuffa nella tragedia antica, scrivendo in versi le sue opere teatrali, e strutturandole non in atti, ma in episodi».

La versione di Nanni Garella con Arte e Salute – oltre a dare risalto ad alcuni personaggi, come la figura della madre – concentra e amplifica sul piano drammaturgico l’inclinazione alla tragedia arcaica dello scrittore bolognese. Ispirandosi all’omonimo film di Pasolini del 1969, che vide l’attore Jean-Pierre Léaud nel ruolo di protagonista, Garella sceglie di dare più spazio al coro, che in Porcile appare soltanto alla fine per annunciare la morte improvvisa di Julian ed è costituito da un gruppo di contadini – tra cui immigrati italiani – che vivono e lavorano fuori dalla grande villa dei Klotz. Le vicende vengono così intervallate dalle parti corali e abitano una scena classica ed essenziale, costituita da tre uscite e un muro di luce, come era per la tragedia greca.

Da qui prende le mosse la collaborazione con il collettivo nomade e multidisciplinare Balletto Civile: «avevo bisogno del movimento e di una danza – dichiara il regista – capace di coinvolgere i miei attori. Con Michela Lucenti abbiamo dunque lavorato per costruire un coro che attraverso musica e gesti potesse spezzare la prosaicità asciutta e secca della tragedia».

Nasce così un inedito e virtuoso incontro, in cui il gruppo di attori di Arte e Salute ha avuto modo di confrontarsi con i performer di Balletto Civile acquisendo una tecnica e un linguaggio nuovi: «La nostra è una danza narrativa e gestuale – commenta Lucenti – e forse per questo l’incontro con la regia di Nanni Garella, incentrata sul testo e la parola, e con il suo speciale gruppo di attori è davvero riuscito. Insieme a loro abbiamo affrontato un grande lavoro sullo spazio-corpo e siamo rimasti sorpresi dalle loro risposte e dal desiderio di potersi raccontare attraverso il corpo».

Così come Michela Lucenti e Balletto Civile si sono confrontati con Il padre selvaggio, sceneggiatura di un film mai realizzato di Pasolini in Davidson (produzione ERT, 2023), anche la Compagnia Arte e Salute arriva a misurarsi con la tragedia scomoda, scabrosa e sgarbata di Porcile dopo gli spettacoli tratti dalle sceneggiature di Edipo, Il Vangelo secondo Matteo e Le nuvole.

«Per recitare Pasolini ci vogliono interpreti molto bravi o, come nel nostro caso, attori particolari – conclude il regista – che manifestano il loro talento attraverso una leggera o pensante, in base a come la si vuole vedere, diversità. È proprio questa che li fa emergere dal chiacchiericcio del dramma borghese: sono pasoliniani per natura».

Porcile

di Pier Paolo Pasolini

regia Nanni Garella

coreografia Michela Lucenti

un itinerario artistico e progettuale di Arte e Salute e Balletto Civile

con Luca Bandiera, Nicola Berti, Enrico Caracciolo, Barbara Esposito, Simone Francia, Francesco Gabrielli, Pamela Giannasi, Filippo Montorsi, Mirco Nanni, Alessandro Pallecchi, Moreno Rimondi, Roberto Risi, Emanuela Serra, Giulia Spattini

assistente alla regia Nicola Berti

assistente alla coreografia Emanuela Serra
luci Tiziano Ruggia
suono Massimo Nardinocchi
costumi Elena Dal Pozzo
direzione di scena Davide Capponcelli

capo elettricista Salvatore Pulpito

elementi scenici a cura del Laboratorio di Scenotecnica di ERT
responsabile del Laboratorio e capo costruttore Gioacchino Gramolini
costruttrice Veronica Sbrancia
scenografie decoratrici Ludovica Sitti con Sarah Menichini, Benedetta Monetti, Bianca Passanti, Martina Perrone

collaborazione produttiva Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, Balletto Civile
in collaborazione con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia Romagna – Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna

realizzato nell’ambito del progetto Come devi immaginarmi dedicato a Pier Paolo Pasolini

spettacolo presentato in collaborazione con Coop Alleanza 3.0

La compagnia Arte e Salute nasce nel 2000 dal fortunato incontro tra Nanni Garella, Filippo Renda e Angelo Rossi. Alla base del progetto vi è una visione della cura psichiatrica non solo come terapia medica strettamente legata ad atti sanitari, ma come attenzione costante alla soggettività delle persone, per scoprirne attitudini, talenti e capacità rimaste inespresse.

Inizialmente viene avviato, con la collaborazione della Provincia di Bologna, un corso di formazione, una sorta di “accademia” diretta da Garella stesso, con il supporto di altri docenti e del personale del Dipartimento Salute Mentale di Bologna. I diplomati diventano poi parte di Arte e Salute Onlus, pazienti-attori coinvolti negli anni in pièce con affermati interpreti della scena italiana.

Dal 2007 la compagnia collabora stabilmente con Nuova Scena – Teatro Arena del Sole, un rapporto fruttuoso ereditato nel 2014 da ERT / Teatro Nazionale, che ha portato alla realizzazione di nuove e importanti produzioni e tournée estere: da Barcellona e Pechino nel 2015 fino al Giappone nel 2018 con La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat di Peter Weiss.

Balletto Civile

Michela Lucenti fonda Balletto Civile nel 2003, progetto artistico nomade animato da una forte tensione etica. L’équipe si caratterizza per la ricerca di un linguaggio scenico totale, privilegiando l’interazione tra teatro, danza, canto dal vivo originale e una profonda relazione tra gli interpreti. Gli spettacoli di Balletto Civile hanno molteplici ispirazioni che vanno dalla rilettura, spesso irriverente, dei grandi classici del teatro, della danza e della musica, passando dalla drammaturgia originale di autori italiani alla messa in scena di grandi autori stranieri. In questi anni Balletto Civile ha ricevuto, tra gli altri, diversi riconoscimenti per il proprio lavoro tra cui il Premio ANCT, Premio Internazionale Roma Danza, Premio Hystrio Corpo a Corpo, Premio Danza&Danza e Premio Rete Critica. Per ERT Fondazione ha debuttato nell’ottobre 2022 con la nuova produzione Karnival, all’interno del programma di VIE Festival, nel dicembre 2022 con Davidson e lo scorso dicembre con Les Fleurs. Michela Lucenti è inoltre curatrice di CARNE – Focus di drammaturgia fisica di ERT. 

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna

Prezzi dei biglietti: da 7 € a 15 € esclusa prevendita

Biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 11.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 19.00

Tel. 051 2910910 – biglietteria@arenadelsole.it | bologna.emiliaromagnateatro.com

Teatro Arena del Sole – Bologna

Via dell’Indipendenza 44

dal 27 febbraio al 3 marzo

sala Thierry Salmon

martedì ore 19.00 | mercoledì ore 20.30 | giovedì e venerdì ore 19.00 ǀ sabato ore 20.30

domenica ore 18.00

Porcile

di Pier Paolo Pasolini

regia Nanni Garella

coreografia Michela Lucenti

un itinerario artistico e progettuale di Arte e Salute e Balletto Civile

collaborazione produttiva Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale, Balletto Civile

in collaborazione con Associazione Arte e Salute, Regione Emilia-Romagna – Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna

durata 1 h e 20 minuti