“Pop civic art”: gli elaborati degli studenti ferraresi in mostra al fianco di Ado

15

Da sabato 2 a lunedì 4 aprile 2022 allo ‘Spazio Crema’ (via Cairoli 11)

FERRARA – Si intitola “Pop Civic Art” l’iniziativa espositiva in programma da sabato 2 a lunedì 4 aprile 2022 allo ‘Spazio Crema’ (via Cairoli 11, Ferrara), realizzata a cura degli studenti della scuola secondaria di primo grado Bonati (istituto comprensivo Perlasca) in collaborazione con la Fondazione Ado e la Fondazione Estense, che è stata presentata mercoledì 30 marzo 2022 nella residenza municipale di Ferrara.

In mostra una sessantina di elaborati realizzati dai ragazzi delle tre classi nell’ambito di un progetto avviato da novembre 2021 coniugando la storia dell’arte per esprimere tematiche di educazione civica.

All’incontro con i giornalisti sono intervenuti l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Ferrara Cristina Coletti, la consigliera Ado Sabina Mirabella, la rapresentante della Fondazione Estense Marianna Pellegrini, il docente di Arte e Immagine dell’istituto comprensivo G.Perlasca – Scuola media Teodoro Bonati e responsabile della mostra Eugenio Orlandi, i rappresentanti degli studenti Laura Ferrioli e Tommaso Tassinati per le classi 3E, Arianna Famiglietti per la 3F e Anna Magri per la 3Y della scuola secondaria di primo grado Bonati.

“Mi fa molto piacere – ha sottolineato l’assessore Cristina Coletti – che l’istituto scolastico comprensivo sia stato coinvolto e che ci sia al nostro fianco la Fondazione Estense sia per la raccolta fondi a favore di una realtà così importante per la comunità come Ado, sia per l’estro messo in campo dai ragazzi. Come amministrazione non possiamo esentarci nel sostenere e dare visibilità alle iniziative di Ado, perché sappiamo quanto la loro attività sia fondamentale e preziosa per le persone ammalate e per le loro famiglie. Grazie quindi anche alla Fondazione estense per avere messo a disposizione la location per questa bella e importante mostra”.

“Portare una ventata di giovinezza e di freschezza in una missione non allegra come la nostra – è quindi intervenuta Sabina Mirabella di Ado – è già un contributo di grande valore”. Il docente Eugenio Orlandi ha quindi fatto notare come “lo stesso coinvolgimento dei ragazzi in un confronto concreto con cittadini e rappresentanti istituzionali mette in atto un’esperienza di educazione civica reale e spero che questo ponte che stiamo creando possa evolversi nei prossimi anni per affermare anche con altre attività e occasioni la presenza e il ruolo della scuola nella vita sociale”.

La mostra sarà visitabile allo Spazio Crema, via Cairoli 11, Ferrara, da sabato 2 aprile, con inaugurazione alle 15.30fino a lunedì 4 aprile 2022, con orari 10-12.30 e 15-19.

L’ingresso è libero, con salvadanaio per offerte a favore della Fondazione Ado, che si occupa di Assistenza domiciliare ospedaliera.LA SCHEDA a cura degli organizzatori – Gli studenti del Perlasca in mostra a Spazio Crema a sostegno della Fondazione ADO
Arte, volontariato ed educazione civica: come fare dialogare tre mondi così variegati e importanti per la nostra società? La risposta sarà in mostra da sabato 2 a lunedì 4 aprile nella sala espositiva di Spazio Crema in via Cairoli 11 a Ferrara.

L’esposizione dal titolo “Pop Civic Art” è curata in ogni singolo dettaglio dal professore Eugenio Orlandi e dagli studenti dell’Istituto comprensivo Perlasca che hanno messo in campo la propria fantasia e voglia di imparare a sostegno della Fondazione ADO.

Riferendosi alla storica mostra di Andy Warhol tenutasi a Palazzo dei Diamanti nel 1975, le classi 3E, 3F e 3Y della scuola secondaria di primo grado T. Bonati di Ferrara hanno organizzato degli elaborati grafico/pittorici ispirandosi alla Pop Art, rileggendo questa corrente artistica molto importante attraverso i temi fondanti dell’educazione civica: inquinamento, violenza sulle donne, parità di genere, rispetto della natura… Un modo originale per rileggere la Pop Art, riconvertendone i principi basati sul consumismo, sulla pubblicità e sul commercio globalizzato.

Gli alunni si sono impegnati e hanno formulato le idee da soli, sotto la guida del docente preposto, creando da zero un evento e costruendo un contatto con associazioni che operano in maniera molto importante sul territorio, dal punto di vista sociale e umano, come appunto la Fondazione ADO.

L’obiettivo, che i ragazzi hanno raggiunto brillantemente, è stato quello di interessarsi a pieno alla creazione di un evento unico nel suo genere, per valorizzare l’insegnamento dell’educazione civica.

Il risultato sarà in mostra nella sede della Fondazione Estense, che si ringrazia per la grandissima disponibilità che da sempre dimostra a favore della causa ADO.