Piacenza, questa sera «Tesori svelati in San Sisto»

5

Martedì 31 agosto alle ore 21.00 visita virtuale guidata

PIACENZA – Martedì 31 agosto, torna – dopo la pausa estiva – l’appuntamento serale con le visite virtuali condotte in diretta streaming da Cooltour e nate in collaborazione con la Diocesi di Piacenza Bobbio – Beni Culturali e il Museo Kronos: in questo nuovo appuntamento proseguirà il viaggio alla scoperta dei tesori della chiesa di San Sisto che con il suo ex monastero è attualmente custode della mostra “La Madonna Sistina di Raffaello rivive a Piacenza”.

Alle ore 21.00 del 31 agosto, la visita virtuale guidata «TESORI SVELATI IN SAN SISTO: GLI SPAZI PIÙ NASCOSTI “IN COMPAGNIA” DI UNA GUIDA D’ECCEZIONE, L’ABATE» porterà alla scoperta di alcune delle meraviglie di arte e fede custodite dalla chiesa e guiderà i visitatori fino all’Appartamento dell’abate, un gioiello affrescato talvolta poco conosciuto, ricco di fascino e di storia. La visita sarà condotta dal vivo, in diretta streaming, ai partecipanti regolarmente registrati dotati di un PC, un tablet o uno smartphone e di una connessione internet. La virtuale come di consueto verrà trasmessa tramite la piattaforma online ZOOM e riservata ai soli iscritti all’evento.

Per partecipare è obbligatorio iscriversi gratuitamente online sulla pagina www.piacenzapace.it/virtuali. I posti sono limitati a 100 partecipanti. Il link per il collegamento sarà inviato ai partecipanti regolarmente registrati il giorno stesso della visita, a chiusura prenotazioni. È importante fornire un indirizzo email valido in fase di registrazione, poiché a tale indirizzo verrà recapitato il link di partecipazione. Il link è a uso esclusivo del partecipante registrato. Per problemi tecnici scrivere a cooltour2.0@gmail.com.

La visita guidata virtuale è gratuita. Chi vorrà potrà contribuire con una donazione libera a sostegno del progetto visite virtuali di Cooltour volto alla divulgazione delle bellezze e dei tesori custoditi in territorio piacentino, con particolare riferimento ai beni del patrimonio diocesano.