Passi carrai, 37 sanzioni su 304 controlli di Polizia Locale

21

Per evitare sanzioni, occorre regolarizzare il segnale rivolgendosi a Ica. Ma per ottenere l’autorizzazione il cancello deve essere idoneo alla sosta di un veicolo

Polizia municipaleMODENA – Sono 304 i controlli di passi carrai presenti in città effettuati dal 1 gennaio al 31 luglio dagli agenti del nucleo Anti Evasione e Tributi Locali della Polizia Locale di Modena. Di questi, 125 relativi a richieste di nuove aperture di passi carrai da parte di cittadini che hanno regolarizzato la specifica segnaletica per assicurare l’accesso ai cancelli o alle autorimesse secondo quanto previsto dalle norme del Codice della strada.

Sono invece state complessivamente 37 le sanzioni elevate per segnali non regolari e un solo ricorso pervenuto a seguito delle irregolarità riscontrate. Per aver titolo ad ottenere l’autorizzazione per il passo carraio è necessario che il cancello o l’autorimessa sia idoneo allo stazionamento o alla sosta di un veicolo, mentre non è consentito utilizzare i segnali di passo carraio quando lo spazio è destinato ad altro uso, come ad esempio un laboratorio o un’attività commerciale. In questo caso gli agenti di via Galilei segnalano la situazione irregolare al Settore Tributi per il provvedimento di revoca. Oltre all’obbligo di rimozione del segnale non regolare, scatta una sanzione amministrativa pari a 421 euro, che, se pagata entro cinque giorni dalla contestazione, si riduce a 294 euro.

I controlli degli agenti di Polizia locale continueranno anche nelle prossime settimane anche se l’esito dei controlli ha dimostrato che la maggior parte dei cittadini modenesi è rispettosa della normativa, mentre chi non avesse ancora regolarizzato la posizione, per farlo può rivolgersi alla concessionaria della gestione del canone passi carrabili: Ica srl ha sede a Modena in via Ungaretti 22 (tel. 059 395814; ica.modena@icatributi.it). Il canone è annuale, commisurato alla larghezza dell’accesso e alla zona di pertinenza (centro storico, città, forese); in caso di variazione del proprietario, si può chiedere la voltura dell’intestazione del cartello.