A Parma “La vigilanza sugli intermediari bancari e finanziari”

114

Dal 21 marzo al 9 maggio 2017 è in programma un ciclio di seminari, organizzato dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università

uniparmaPARMA – Dal 21 marzo al 9 maggio 2017 è in programma il ciclio di seminari “La vigilanza sugli intermediari bancari e finanziari” , organizzato dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università

Gli incontri, tenuti da dirigenti di Bankitalia, si terranno al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma in via Kennedy

Il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma organizza, nell’ambito del corso di “Investment banking and real estate finance” del prof. Claudio Cacciamani, un ciclo di seminari che sarà tenuto da primari dirigenti di Bankitalia. I seminari hanno il patrocinio del Collegio Europeo e sono accreditati dall’Ordine dei Dottori commercialisti.

Programma degli incontri

Martedì 21 marzo – ore 11

Luca Zucchelli (Servizio Supervisione sugli intermediari finanziari)

La vigilanza sugli intermediari non bancari

Martedì 28 marzo – ore 14

Ursula Ciaravolo (Divisione Autorizzazioni banche e intermediari)

L’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria e finanziaria: profili procedimentali e criteri di valutazione

Lunedì 8 maggio – ore 11

Nicola Pellegrini (Divisione Gestione delle garanzie)

Liquidità bancaria e operazioni di politica monetaria. L’evoluzione del quadro di riferimento

Lunedì 8 maggio – ore 14

Maurizio Giubilei (Servizio Supervisione bancaria)

La vigilanza sulle banche: il processo di supervisione prudenziale

Martedì 9 maggio – ore 11

Gianluca Aloia (Unità di Risoluzione e gestione delle crisi)

La vigilanza sulle banche. Profili istituzionali e nuovo scenario europeo

Martedì 9 maggio – ore 14

Anna Maria Carriero (Unità di Informazione finanziaria per l’Italia. Servizio Analisi e rapporti istituzionali)

Linee evolutive della regolamentazione europea in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo internazionale: implicazioni per l’azione delle Financial Intelligence Unit

***************************