Nuoto Artistico – I Risultati della stagione per la categoria giovanile mista del CN Uisp Bologna

16

BOLOGNA – 17 sincronette e 2 sincronetti; mai nella storia del nuoto sincronizzato emiliano-romagnolo, la categoria giovanile 13-15 anni del nuovo Nuoto Artistico del CN Uisp Bologna, aveva portato all’ultimo step dei Campionati Nazionali un numero così alto di atleti, concludendo a Savona, lo scorso fine settimana, una stagione complessa ma appassionata.

A scendere sulla pedana azzurra quest’anno: Bellinetti Emma, Bellucco Aurora, Bonicelli Diana, Budri Abigail, De Lisa Giorgia, Melotti Adelaide, Minak Laura, Pelati Filippo, Raccuia Rebecca, Rossi Eleonora, Spanedda Olivia, Stanghellini Laura, per il Bologna e Bartolini Vittoria, Cosentino Francesco, Di Febo Elena, Di Silverio Splendore, Galliera Asia, Griffith Camilla, Seghi Giulia per il Molinella, guidati dalle allenatrici Cavallini e Costa.

Una stagione ricca di grandi successi: unica società italiana a portare due doppi misti ai Campionati Assoluti (concludendo con un bronzo per Bonicelli-Pelati e un 8° posto per Cosentino-Di Febo) e due soli maschili (bronzo per Pelati Filippo e 6° posto per Cosentino Francesco, il più giovane del Campionato Assoluto). Pass ottenuto per i Campionati Nazionali di categoria dal 90% dei componenti, un 8° posto per la solista Bonicelli agli Estivi (prima dell’annata 2008), e il superamento della soglia dei 71.000 punti nell’esercizio di squadra combinato.

“È stato l’anno più intenso della nostra carriera, mai avuto un gruppo così numeroso e così eterogeneo. E bello ovviamente! – si confrontano Cavallini e Costa – Ci siamo trovate a gestire 6 campionati nazionali, ahinoi molti infortuni e limitazioni tecniche ma anche assenze per motivi più validi, come Filippo che ha gareggiato agli Europei di Alicante mancando così ai Campionati di Savona. Ora conosciamo meglio i nostri limiti e la strada da percorrere. Abbiamo diverse atlete e atleti che si giocano un posto nelle nazionali giovanili. Il nostro sport richiede sempre maggiore preparazione specifica di acrobatica e potenziamento, e spazi e risorse sul nostro territorio sono molto difficili da reperire. Dobbiamo essere all’altezza, e lavoreremo per esserlo”.