Nasce la Fondazione Marchesini ACT per la costruzione del futuro post-pandemia

67

emilia-romagna-news-24PIANORO (BO)Nei giorni scorsi è stata costituita la Fondazione Marchesini ACT.

La Fondazione si pone come obiettivo di partecipare alla vita della comunità con iniziative che guardano a un futuro di ricostruzione post-pandemia, puntando sui valori di solidarietà da sempre identitari della famiglia Marchesini.

Il naming scelto porta in sé le due anime principali della Fondazione: il nome della famiglia – con tutta la sua storia industriale, la tradizione che viene conservata da una generazione dopo l’altra, la crescita sostenibile – e l’acronimo ACT, che riporta ai concetti di Avanguardia, Cultura e Territorio. Avanguardia intesa come innovazione, curiosità, spinta verso il nuovo, amore per la ricerca; Cultura non solo come conoscenza e cultura tecnica, ma anche inclusione attraverso il sapere, diversità come valore e arricchimento reciproco; infine il Territorio, con il focus sulla valorizzazione delle persone e delle tradizioni, siano esse appartenenti a un contesto socio-economico locale che nazionale.

Successivamente all’entrata in vigore del Runts (registro unico nazionale del terzo settore), la Fondazione sarà attiva nell’erogazione dei contributi, con la denominazione di Ente del Terzo Settore (Ets). In particolare, per il 2021, vista l’emergenza che stiamo vivendo, le donazioni si concentreranno sul sociale – stanziamenti a favore di mense, dormitori e, in generale, interventi per affrontare l’emergenza di beni primari – per poi guardare alle esigenze sanitarie del territorio e al mondo della cultura tecnica. Tutti i singoli interventi di cui la Fondazione si renderà protagonista saranno mirati a sostenere il territorio favorendo integrazione, sinergie e sviluppo economico.

La neopresidente della Fondazione Valentina Marchesini – attuale direttore risorse umane di Marchesini Group – sarà affiancata nel Cda e negli organi direttivi della Fondazione dalla sorella Gaia e dal cugino Matteo Marchesini, tutti esponenti della terza generazione dell’azienda.

Al parterre dei soci si aggiungono Maurizio e Marco Marchesini – con le rispettive mogli, Marinella e CatiaMichelangelo Marchesini, il più giovane della terza generazione, e Marchesini Group S.p.A.

“Uno dei progetti più ambiziosi che desideriamo mettere in atto” ha dichiarato Valentina Marchesini, “sarà la ristrutturazione della casa del fondatore di Marchesini Group, Massimo Marchesini, per trasformarla nella sede della Fondazione. Gran parte dei nuovi spazi saranno poi destinati a giovani lavoratori, del territorio e non, che necessitano di supporto tramite affitti calmierati e utilizzo di ambienti condivisi. Infine, abbiamo anche in cantiere per il futuro la creazione di luoghi iconici negli ambienti che hanno visto la nascita dell’avventura imprenditoriale del nonno”.

“Con questa Fondazione, vogliamo dare un cappello istituzionale a una serie di iniziative di solidarietà che nel corso degli anni sono diventate per noi sempre più cospicue e rilevanti” ha commentato Maurizio Marchesini, presidente di Marchesini Group. “Stiamo attraversando la più grande crisi dal dopoguerra, alla fine dell’emergenza pandemica saranno in tanti a chiedere aiuto. La Fondazione vuole essere uno strumento concreto per offrire supporto al territorio in modo coerente e strutturato”.

La gestione operativa della Fondazione sarà affidata al neodirettore Fabio Sabatini.

La Fondazione è stata costituita con il prezioso supporto dello Studio De Leo – nelle persone del Dottor. Domenico De Leo, la Dott.ssa Barbara Pedretti e il Dott. Stefano Danza – oltre che dello Studio Rossi Vico Chiusoli nella persona del Notaio Camilla Chiusoli.