Nasce il Diversity Team

25

Il Comune di Bologna si doterà di 5 Diversity Manager per occuparsi di tutte le dimensioni della diversità. Avviso pubblico per le candidature dal 17 ottobre

BOLOGNA – Fornire servizi sempre più inclusivi che siano disponibili, accessibili e adattabili a tutte le persone. È questo l’obiettivo del Diversity Team, un gruppo di 5 esperte ed esperti in materia di valorizzazione delle diversità e di prevenzione e contrasto alle discriminazioni nelle loro diverse dimensioni, che supporterà il Comune di Bologna.

Il Diversity Team affiancherà l’Amministrazione per costruire una strategia operativa di gestione e valorizzazione della diversità, integrata e intersettoriale, per far sì che il punto di vista dei diritti e della pluralità coinvolga tutta l’attività dell’ente. Inoltre, affiancherà lo SPAD (Sportello Antidiscriminazioni) che verrà ampliato tenendo conto, oltre a quelle attuali (etnia, religione, origine o discendenza) delle seguenti caratteristiche: disabilità, orientamento sessuale e identità di genere, genere, età.

“Bologna città dei diritti – è il commento del sindaco Matteo Leporeè in grado di offrire una nuova proposta che, siamo sicuri, vedremo sorgere anche in altre città”.

“Gestire la diversità – aggiunge la vicesindaca Emily Clancy significa considerare la varietà delle sue dimensioni, riconoscerle, tutelarle e valorizzarne le potenzialità in relazione ai processi di innovazione messi in campo dall’Amministrazione comunale”.

La figura di Diversity Manager ricoprirà anche le funzioni di Disability Manager che così viene ripristinata in una modalità innovativa e più efficace, più connessa ai servizi e agli altri fattori di discriminazione, in un’ottica intersezionale .

Il gruppo di esperte ed esperti in materia di diversity, inclusione e advocacy, definizione e valutazione di politiche pubbliche, attività di ricerca, formazione e con capacità di relazionarsi con le reti attive sul territorio, avranno competenze ed esperienze anche nei seguenti settori: ascolto e orientamento, supporto alle vittime/empowerment di persone e gruppi a rischio, sensibilizzazione e comunicazione, formazione, raccolta e gestione dei dati sull’uguaglianza.

I Diversity Manager verranno designati dal Sindaco per la durata del mandato, a seguito di un avviso pubblico per la presentazione delle candidature che verrà pubblicato il 17 ottobre.