Mondelci, sassofoni & Zanchini, fisarmonica il 12 agosto a Codigoro

19

Mercoledì alle ore 21.15, nel Cortile dell’Abbazia di Pomposa, per la XX edizione dell’Emilia Romagna Festival, è in programma il concerto Latino Mediterraneo

CODIGORO (FE) – Mercoledì 12 agosto, alle ore 21.15, a Codigoro, presso il suggestivo Cortile dell’Abbazia di Pomposa, per la XX edizione dell’Emilia Romagna Festival nell’ambito di Musica Pomposa, si esibiranno il sassofonista Federico Mondelci e il fisarmonicista Simone Zanchini in Latino Mediterraneo, un concerto che riunirà il meglio dei loro strumenti.

Rivisitare un ricco repertorio che abbraccia America Latina ed Europa mediterranea con i due strumenti che forse più sanno ricrearne le atmosfere così variegate: questo il viaggio musicale di Latino Mediterraneo, il concerto proposto dai due solisti, Federico Mondelci al sassofono e Simone Zanchini alla fisarmonica, che insieme ci raccontano la storia del tango assieme alla più vasta e meravigliosa storia della musica latinoamericana.

Mondelci aprirà il programma con la complicità di un grande protagonista del jazz contemporaneo, Javier Girotto, con gli Aires autore di riferimento nella rilettura del tango, e si andrà poi in Spagna con le Czardas di Pedro Iturralde, omaggio alle danze tradizionali ungheresi. Ci si sposta a Cuba con il Vals Venozolano di Paquito D’Rivera, e poi in Brasile con l’indefinibile creativo e polistrumentista Hermeto Pascoal che in questa occasione sarà omaggiato con il breve Chorino Pra Ele dall’album Slaves Mass del 1976, che introdurrà la malinconia dell’argentino Ariel Ramirez con il brano scritto nel 1969 per Alfonsina Storni, un canto d’addio per la poetessa suicida fra le onde del Mar de la Plata. Chiuderà il concerto una prova che non manca in diversi eventi del festival: Oblivion e Libertango di Piazzolla, che compaiono in vari programmi di questa stagione musicale, un’occasione per apprezzare talenti e strumenti diversi in dialogo con un grande classico.

Federico Mondelci e Simone Zanchini hanno entrambi dalla loro un’intensa attività concertistica internazionale. Mondelci, sassofonista di fama mondiale, è da oltre trent’anni uno dei più apprezzati interpreti della scena internazionale, e ha uno stile capace di abbracciare tutte le espressioni musicali del nostro tempo, grazie anche alla costante collaborazione con autori capaci di spaziare in ogni genere. Si è esibito come solista con oltre 50 orchestre, affiancando spesso i nomi dei grandi autori del Novecento, quali Nicola Piovani e Philip Glass, eseguendone le composizioni spesso a lui espressamente dedicate, produzioni di straordinario successo che lo conclamano come raffinato solista di raro e straordinario talento.

Simone Zanchini invece è un fisarmonicista tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale, capace di muoversi ai confini della musica contemporanea, acustica ed elettronica, mescolando sperimentazione sonora e contaminazioni extracolte. Strumentista eclettico, esercita un’intensa attività concertistica con gruppi di svariata estrazione musicale (improvvisazione, musica contemporanea, jazz, classica). È leader di molti gruppi musicali, con i quali si è esibito nei migliori festival internazionali.

Quello di Mondelci e Zanchini è dunque un connubio perfetto per la ricerca presentata da Mediterraneo Latino, una ricerca che va oltre il tango, fino a raccogliere tutte le suggestioni del continente sudamericano.

In caso di maltempo verrà data comunicazione su modifiche di data/sede o cancellazione del concerto attraverso i canali ERF

In Collaborazione
Musica Pomposa
Polo Musicale Emilia Romagna

Ingresso
È vivamente consigliata la prenotazione a ERF 0542 25747 a partire dal 9 luglio.
È possibile prenotare un massimo di due posti per persona in considerazione delle platee ridotte nel rispetto del distanziamento sociale.

Programma
Javier Grotto
La Poesia
Morronga la Milonga

Pedro Iturralde
Pequena Czarda (piccola Ciarda)

Paquito D’Rivera
Vals Venezolano

Hermeto Pascoal
Chorino Pra Ele

Ariel Ramirez
Alfonsina y el Mar

Astor Piazzolla
Oblivion
Libertango

Curricula artisti

Federico Mondelci è da oltre trent’anni uno dei più apprezzati interpreti della scena internazionale. I suoi studi comprendono il Conservatorio di Pesaro dove consegue il diploma “cum laude” nel 1979 sotto la guida del M° Romano Mauriello e il Conservatorio Superiore di Bordeaux dove ha conseguito il diploma con “Medaglia D’Oro” all’unanimità sotto la guida del M° Jean-Marie Londeix. Si è esibito come solista con oltre 50 orchestre, tra cui l’Orchestra del Teatro Alla Scala, la New Zealand Symphony Orchestra, la BBC Philharmonic, l’Orchestra da Camera di Mosca, l’Orchestra Sinfonica di Bangkok e la Filarmonica di San Pietroburgo, dove ritornerà, nella prestigiosa stagione diretta da Yuri Temirkanov in Aprile 2020. Nel 2017 è stato insignito del titolo di “Marchigiano dell’Anno”. (www.federicomondelci.com)

Simone Zanchini è un fisarmonicista tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale. La sua ricerca si muove tra i confini della musica contemporanea, acustica ed elettronica, sperimentazione sonora, contaminazioni extracolte senzadimenticare la tradizione, sfociando così in un personalissimo approccio alla materia improvvisativa.
Diplomato con lode in fisarmonica classica al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, con il maestro Sergio Scappini. Strumentistaeclettico, esercita un’intensa attività concertistica con gruppi di svariata estrazione musicale (improvvisazione, musica contemporanea, jazz, classica).

Dal 1999 collabora stabilmente con i Solisti dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con cui compie regolarmente tournee in ogni parte del mondo.

All’attività concertistica e di ricerca, Zanchini affianca anche quella didattica, tenendo workshops sulla fisarmonica e sull’improvvisazione.

Dal 1996 ha pubblicato circa una ventina di dischi, tra i più recenti troviamo: nel 2006 Bebop Buffet (Wide Sound) in duo con Frank Marocco, disco esemplare del linguaggio Bebop espresso con la fisarmonica.

Nel 2015 esce “CASADEI SECONDO me” (Stradivarius) il tributo al maestro Secondo Casadei, dove Zanchini rivisita in chiave moderna le melodie più famose del compositore romagnolo e nel 2016 “Don’t try this anywhere” il personale tributo di Zanchini al grande sassofonista Michael Brecker.Un disco dalle sonorità e linguaggi moderni, registrato a New York con una band di altissimo livello internazionale con, tra gli altri, John Patitucci al basso e Adam Nussbaum alla batteria. Questo disco ha vinto il premio “Orpheus Award 2016” come miglior album dell’anno in Italia.

In uscita per il 2018 “Cinema Paradiso” progetto sulle musiche di Nino Rota che vede Zanchini solista con la prestigiosa HR Frankfurt radio big band, la big band della radio-tv nazionale tedesca.

Indirizzo: Codigoro (Fe), Cortile dell’Abbazia di Pomposa, via Pomposa

Sul sito di Emilia Romagna Festival www.erfestival.org sono disponibili le informazioni per la prenotazione dei biglietti insieme a tutte le modalità di svolgimento e di accesso agli eventi, nel rispetto dei dispositivi essenziali a garantirne la sicurezza.

Per i concerti a pagamento è vivamente consigliato l’acquisto dei biglietti in prevendita online sul sito www.vivaticket.it e nei punti vendita Vivaticket.

Per i concerti a ingresso gratuito è vivamente consigliata la prenotazione a ERF 0542 25747.

XX EMILIA ROMAGNA FESTIVAL
26 luglio – 10 settembre 2020

Musica Pomposa

Latino Mediterraneo
Federico Mondelci, sassofoni
Simone Zanchini, fisarmonica

Musiche di Girotto, Iturralde, D’Rivera, Pascoal, Ramirez, Piazzolla

Mercoledì 12 agosto – ore 21.15
Codigoro – Cortile dell’Abbazia di Pomposa

WWW.ERFESTIVAL.ORG