Modena Smart Life, i giovani e L’Abc dell’Innovazione

Al Festival della cultura digitale di settembre tanti appuntamenti dedicati ai ragazzi, guardando anche alle opportunità per il mondo del lavoro

MODENA – Parte dall’Abc dell’innovazione, per poi spaziare tra opportunità di lavoro con le nuove tecnologie, utilizzo dello smartphone e “umanità aumentata”, un ideale percorso rivolto ai giovani nell’ambito del programma, che si sta definendo proprio in questi giorni, della quarta edizione di Modena Smart Life, il Festival della cultura digitale che, con il titolo “Siamo evoluzione tecnologica”, si svolge tra il 27 e il 29 settembre con iniziative, conferenze e installazioni per mostrare concretamente come le innovazioni cambiano la nostra vita, il lavoro e i saperi.

L’appuntamento “L’Abc dell’Innovazione: mini-guida per orientarsi (e non perdersi) tra i principali temi e opportunità connessi all’innovazione tecnologica” si svolge venerdì 27 settembre, alle 18, in Galleria Europa. Si tratta di un workshop, condotto da Lara Porciatti (Art-Er), che fornisce una guida orientativa sui principali concetti legati all’Intelligenza artificiale e all’innovazione tecnologica.

Un modo per riprendere alcuni degli argomenti che verranno lanciati al mattino (alle 11, alla chiesa di San Carlo in via San Carlo), con la lectio magistralis che apre la manifestazione che vedrà gli interventi di Rita Cucchiara (Università di Modena e Reggio Emilia), direttrice del Laboratorio nazionale di Artificial Intelligence and Intelligent Systems, Roberto Viola (DG Connect della Commissione Europea) e di Gianni Dominici (Forum Pa).

Il Festival (www.modenasmartlife.it) è promosso dal Comune di Modena insieme a Fondazione San Carlo, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Democenter e Laboratorio Aperto di Modena con il sostegno di Bper Banca e la partecipazione di Vodafone.

Sempre venerdì (alle 10, al Laboratorio aperto di viale Buon Pastore 43), si inizia ad approfondire il tema delle opportunità di lavoro e dei profili professionali con un seminario su “Competenze 4.0 tra hard skills e not so soft skills” proposto da Democenter e Unimore Dipartimento di Economia Marco Biagi, coordina Diego Teloni. Sono proprio rivolti ai giovani, invece, gli appuntamenti di sabato al Caffè concerto in piazza Grande (dalle 10 alle 17 e dalle 22.30) con “Young & Machine” speech, laboratori e presentazioni proposte dalla società Stars & Cows, a cura del servizio Politiche giovanili del Comune, su “lavoro, orientamento e volontariato nella nuova era delle macchine che percepiscono, comprendono, agiscono e imparano”.

Sabato alle 18 in Galleria Europa è la volta del workshop “Smart Participation” proposto dal centro culturale Francesco Luigi Ferrari e dedicato allo smartphone come mezzo “per costruire una reale cittadinanza attraverso competenze digitali”. L’iniziativa arriva a conclusione di un progetto Erasmus+ con proposte concrete per favorire partecipazione e cittadinanza attiva.

Domenica 29 settembre, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 16.30, al Caffè concerto, invece, va in scena “Umanità aumentata” speech e performance dedicate ai giovani, a cura Ert Emilia-Romagna Teatro Fondazione e servizio comunale Politiche giovanili (modera Michele dell’Utri), per sottolineare come “complessità e cambiamenti si affrontano in scioltezza se non dimentichiamo la nostra umanità”.