Modena, busto rubato al Parco Ferrari

41

Il sindaco Muzzarelli condanna il furto dell’opera che ritrae il costruttore Vittorio Stanguellini, che il Comune provvederà a ripristinare. Indaga la Polizia locale

MODENA – “Un attacco alla memoria sportiva e imprenditoriale: questo furto offende Modena e la sua storia motoristica ricca di successi e di grandi protagonisti”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli condanna così la sparizione al parco Ferrari del busto del costruttore Vittorio Stanguellini, per il quale il Comune si attiverà per il ripristino. Sull’episodio indaga la Polizia locale.

Il furto è avvenuto con tutta probabilità nello scorso week end, indicativamente nelle ore notturne, e gli agenti del Comando di via Galilei sono intervenuti lunedì nell’area verde a seguito della chiamata di un cittadino. La pattuglia ha riscontrato che dal basamento dedicato a Stanguellini era stato sottratto il busto in vetroresina, realizzato dall’artista Alessandro Rasponi, collocato nel 2018 come parte della serie dedicata dieci piloti famosi. Le undici opere erano state posizionate dopo un precedente furto, che risale al 2012, dei busti costruiti però in quella prima occasione in bronzo.

“Stanguellini era di uno degli interpreti più illustri dell’eccellenza di Modena e della capacità di saper costruire sogni su quattro ruote – spiega il sindaco – e quindi il furto colpisce tutto il territorio. Chiediamo a chi ha sottratto il busto di restituirlo”.

Mentre l’amministrazione lavorerà per reintegrare l’opera, gli agenti di Polizia giudiziaria stanno svolgendo gli accertamenti sulla vicenda, a partire dall’analisi dei filmati delle telecamere di video-sorveglianza presenti nel parco (che in questo periodo viene chiuso al pubblico a mezzanotte per poi riaprire alle 6 del mattino) e nel quartiere.