“Medicine and Surgery”: a Piacenza un nuovo corso d’ambito medico dell’Università di Parma

0

Presentato in una doppia conferenza stampa a Parma e a Piacenza

PARMA – “Medicine and Surgery”: si chiama così il nuovo corso di laurea magistrale a ciclo unico dell’Università di Parma, attivato dal prossimo anno accademico (2021-22) nella sede di Piacenza.

Un corso interamente erogato in lingua inglese, attivato dall’Ateneo con la collaborazione dell’Ausl e del Comune di Piacenza e con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, caratterizzato da una prospettiva internazionale e pronto da un lato a rafforzare l’offerta formativa dell’Università di Parma in ambito medico-chirurgico e dall’altro a potenziare il settore sul territorio regionale e in particolare piacentino.

Mercoledì 7 luglio la presentazione, in una doppia conferenza stampa: prima nell’Aula Magna dell’Università di Parma e poi al Ridotto del Teatro Municipale di Piacenza. 

A Parma sono intervenuti il Rettore Paolo Andrei, il Referente del nuovo corso Marco Vitale, il Direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Massimo Fabi, la Commissaria straordinaria dell’Azienda USL di Parma Anna Maria Petrini, l’Assessora alla Scuola, Università, Ricerca, Agenda digitale della Regione Emilia-Romagna Paola Salomoni, il Vicesindaco di Parma Marco Bosi e il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

A Piacenza sono intervenuti il Rettore Paolo Andrei, il Referente Marco Vitale, il Direttore generale dell’Azienda USL di Piacenza Luca Baldino, l’Assessora regionale Paola Salomoni, la Sindaca di Piacenza Patrizia Barbieri e il Presidente della Regione Stefano Bonaccini.

“MEDICINE AND SURGERY” – BREVE SCHEDA DEL CORSO 

L’idea di avviare un nuovo corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia, con sede a Piacenza, in lingua inglese, è nata con un triplice obiettivo: potenziare l’offerta formativa in Medicina e Chirurgia, potenziare il grado di internazionalizzazione dell’Università di Parma e, più in generale, l’offerta di formazione medica universitaria internazionale in Emilia-Romagna, e realizzare una sinergia con ampie potenzialità di sviluppo tra l’attuale corso di laurea in Medicina e Chirurgia di Parma e la struttura sanitaria del territorio piacentino.

I contenuti didattici del corso mirano a formare un medico che possieda una solida cultura bio-medica e una visione multidisciplinare dei problemi più comuni della salute e della malattia. Gli studenti e le studentesse svilupperanno una conoscenza medica completa, dalla promozione della salute alla medicina d’urgenza, dalla ricerca applicata alle ultime tecnologie all’economia e alla gestione della salute.

La formazione dovrà essere orientata sia alla cura sia alla prevenzione delle malattie, così come alla promozione della salute: una missione specifica che risponde in maniera adeguata alle nuove esigenze di cura e salute, poiché centrata non solo sulla malattia ma anche e soprattutto sul malato, fornendo gli strumenti per comprendere e applicare sia i principi della medicina personalizzata sia l’analisi dei contesti socio-sanitari.

Interamente concepito con un orizzonte internazionale, il corso in Medicine and Surgery potrà avvalersi “in esclusiva” del sistema ospedaliero di Piacenza, non condiviso con altri corsi di Medicina.

La dimensione internazionale del corso e la presenza di temi relativi alla salute globale potranno consentire di intraprendere, dopo la Laurea, percorsi italiani e internazionali di specializzazione, di esercizio della professione e di ricerca. Prosecuzione naturale dell’itinerario formativo potrà essere l’accesso a programmi post laurea in Italia o in altri Paesi. Il corso è a numero programmato a livello nazionale (100 posti). La prova di ammissione, unica a livello nazionale, è fissata per il 9 settembre 2021 con test IMAT (International Medical Admission Test). Per iscriversi al test di ammissione è necessario presentare domanda on line attraverso il portale Universitaly entro le 15 del 22 luglio.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI 

Paolo Andrei, Rettore dell’Università di Parma

«È un corso di laurea cui teniamo molto e siamo felici di aver raggiunto questo risultato grazie a un bel gioco di squadra interistituzionale. Sono orgoglioso dello sforzo che tutti insieme abbiamo profuso per ampliare l’offerta formativa dell’Ateneo in un ambito, quello medico-chirurgico, di fondamentale importanza per lo sviluppo del nostro sistema sanitario e che si aggiunge, in via sinergica e complementare, alla consolidata esperienza del nostro Dipartimento di Medicina e Chirurgia. L’apertura internazionale del corso, interamente in lingua inglese, costituisce un ulteriore punto di forza di questo programma e sono grato ai nostri “compagni di viaggio” – la Regione Emilia-Romagna, l’Ausl di Piacenza e il Comune di Piacenza – per quanto abbiamo saputo fin qui costruire. Ora che le basi sono state gettate, dobbiamo tutti impegnarci con slancio affinché le studentesse e gli studenti che inizieranno il loro percorso formativo possano trovare i giusti stimoli per dare concretezza alle loro aspirazioni» 

Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna

«Un nuovo corso di laurea è sempre una bella notizia. Lo è ancora di più se, come in questo caso, parliamo di un corso di laurea in Medicina e Chirurgia interamente in inglese: è una nuova occasione per preparare al meglio i nostri ragazzi e le nostre ragazze, futuri professionisti che ci auguriamo possano contribuire a rafforzare la nostra sanità regionale nei prossimi anni, e un’opportunità per attirare anche studenti meritevoli dall’estero. Parliamo peraltro di un corso dell’Università di Parma, con sede a Piacenza, attivato dall’Ateneo con la collaborazione dell’Ausl di Piacenza e del Comune di Piacenza e con il sostegno della Regione: un esempio di come le istituzioni siano capaci di lavorare in Emilia-Romagna, mettendo insieme idee, saperi e risorse per valorizzare l’intero territorio» 

Paola Salomoni, Assessora alla Scuola, Università, Ricerca, Agenda digitale della Regione Emilia-Romagna

«L’avvio di questo nuovo Corso di Laurea in Medicina interamente in lingua inglese è un altro importante tassello per un sistema universitario regionale sempre più competitivo e attrattivo, incardinato nelle dinamiche europee e mondiali e in grado di preparare gli studenti alle sfide del mondo globalizzato. Ora stiamo lavorando con ER.GO insieme agli Enti Locali per garantire accoglienza e servizi di qualità a tutti gli studenti che decideranno di iscriversi a questo nuovo Corso di Laurea internazionale»

Patrizia Barbieri, Sindaca del Comune di Piacenza

«Si concretizza, con l’avvio ormai imminente del corso di laurea in Medicina e Chirurgia in lingua inglese, un progetto strategico, nato dalla preziosa sinergia tra Enti e Università, che è di fondamentale importanza per un territorio, quello piacentino, vocato alla ricerca, all’innovazione e al consolidamento della propria identità come città universitaria. La dimensione internazionale di questo percorso accademico è un volano di competitività e sviluppo, che investe sull’alta formazione come elemento chiave per il futuro dei giovani» 

Marco Bosi, Vicesindaco del Comune di Parma

«Il nuovo corso di laurea in Medicina e Chirurgia in inglese rappresenta un valore aggiunto nei percorsi formativi universitari e costituisce una risposta concreta ad una sfida sempre più globale che tocca i temi della salute e della cura della persona. Parma ed il suo Ateneo si confermano aperti alla internazionalizzazione ed alle sfide del domani»   

Luca Baldino, Direttore generale dell’Azienda USL di Piacenza

«Il nuovo corso è una conquista enorme per Piacenza e un importante salto di qualità per la nostra sanità. Abbiamo ottenuto questo straordinario risultato in tempi record, grazie al gioco di squadra con il Comune e l’Università di Parma, lavorando per concretizzare l’idea proprio nella fase più critica della pandemia. Siamo orgogliosi delle prospettive che si aprono. Gli studenti avranno relazioni internazionali e questo porterà una ventata di innovazione anche per la nostra Ausl» 

Massimo Fabi, Direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

«Ringrazio l’Università di Parma perché questo progetto rappresenta un grande investimento per la sanità del nostro territorio. Un corso di laurea aperto ad una dimensione internazionale amplia gli strumenti di formazione dei futuri medici che saranno agevolati nell’utilizzare una lingua che è ormai patrimonio comune di ricerca e cura, con un ritorno in termini professionali a vantaggio di un intero sistema territoriale»  

Anna Maria Petrini, Commissaria straordinaria dell’Azienda USL di Parma

«Questo nuovo corso di laurea rappresenta un contributo innovativo perché è fondamentale, di fronte alle nuove sfide del sistema sanitario, migliorare e ampliare le competenze dei professionisti per continuare a garantire alti livelli di qualità nelle cure, nella prevenzione e nella tutela della salute individuale e collettiva» 

Marco Vitale, Referente del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicine and Surgery

«Il Corso di Laurea in Medicine and Surgery si propone di formare medici dotati di conoscenze teoriche, pratiche e metodologiche e dell’autonomia professionale, decisionale e operativa per la promozione della salute, la prevenzione e la cura delle malattie, la gestione del rischio clinico e la ricerca scientifica in medicina in Italia e in contesti internazionali caratterizzati da differenti modelli organizzativi della sanità» 

Foto dal sito dell’Università di Parma