Luigi Lo Cascio presenta oggi il suo romanzo d’esordio “Ogni ricordo un fiore”

Domenica 16 settembre, ore 17, secondo appuntamento della rassegna RisVolti nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana

CESENA – Il secondo appuntamento della rassegna “RisVolti. Le voci della narrativa” si caratterizza per un grande debutto, quello di Luigi Lo Cascio.

Il popolare attore sarà ospite domenica 16 settembre alle 17.00 nell’Aula Magna della Biblioteca Malatestiana per presentare il suo primo romanzo “Ogni ricordo un fiore” (Feltrinelli, 2018). A dialogare con lui ci sarà Daniele Gualdi.

Su un Intercity da Palermo a Roma, in un lento viaggiare, Paride Bruno si imbatte nella vita dei passeggeri che salgono e scendono alle molte fermate e ripercorre i suoi tentativi di romanzo: duecentoquaranta (e oltre) incipit, tutti interrotti al primo punto fermo. ICM (Incompiutezza Cronica Multifattoriale), la strana patologia di cui soffre il protagonista che lo porta a distrarsi e non completare mai le cose che più gli stanno a cuore. Considerando che vuole fare lo scrittore questo si riflette sulle sue pagine. Ma proprio questi tanti cominciamenti narrativi disegnano, tassello dopo tassello, la figura del protagonista: in ognuno degli incipit è contenuta, come egli stesso ammette “tra smozzichi un po’ veri, un po’ inventati”, una scheggia della sua vita, delle sue ossessioni, delle sue paure e dei suoi desideri. La vita stessa, in fondo, pensa Paride Bruno, finisce sempre per essere incompiuta, “uno svolazzo di pagine sparse”.

Con questa sua opera prima, Lo Cascio dà prova di essere un autore raffinato, dalla cui scrittura si affacciano modelli illustri, autori classici del nostro Novecento, da Manganelli a Gadda, da Bufalino a Conso.

Nato a Palermo nel 1967 e diplomato all’Accademia di arte drammatica “Silvio D’Amico” nel 1992, Luigi Lo Cascio si divide fra teatro e cinema, regalandoci interpretazioni di grande intensità.

Sul palcoscenico ha lavorato con registi come Elio De Capitani, Roberto Guicciardini, Carlo Cecchi, Luca Ronconi. Ha vinto due premi Ubu come migliore attore: nel 2005 per lo spettacolo “Nella tana” tratto da Franz Kafka, e nella stagione successiva con “Il silenzio dei comunisti” diretto da Ronconi

Molto ricco anche il suo palmares cinematografico. Nel 2000 ha vinto il David di Donatello per l’interpretazione di Peppino Impastato in “I cento passi”, suo film d’ esordio, diretto da Marco Tullio Giordana. Nel 2001, alla Mostra del Cinema di Venezia, si è aggiudicato la Coppa Volpi per “Luce dei miei occhi” di Giuseppe Piccioni, mentre con “La meglio gioventù”, sempre di Giordana, ha conquistato il Nastro d’argento 2004 ex aequo con tutti i protagonisti maschili del film.

Tra le sue interpretazioni cinematografiche ricordiamo anche “Buongiorno, notte” di Marco Bellocchio, “La bestia nel cuore” di Cristina Comencini, “Noi credevamo” di Mario Martone.

Nel 2012 ha esordito come regista con “La città ideale”, presentato alle 59° Mostra del Cinema di Venezia.

La rassegna di incontri con gli autori RisVolti è organizzata dal Comitato Scientifico della Biblioteca Malatestiana, in collaborazione con la Libreria Ubik Cesena.

L’appuntamento successivo sarà domenica 7 ottobre alle ore 17.00 con uno degli autori italiani più amati, Maurizio Maggiani e il suo nuovo libro “L’amore”.