Linea Verde Tour in Emilia

97
Lago del Molato Alta Val Tidone foto Maria Spatafora credit Visit Emilia

Sabato 23 luglio 2022 alle 12.30 l’Appennino Emiliano protagonista della trasmissione in onda su Rai 1 con Federico Quaranta e Giulia Capocchi

EMILIA ROMAGNA – L’Emilia raccontata da Linea Verde Tour. Sabato 23 luglio 2022 alle 12.30 l’Appennino Emiliano sarà protagonista della trasmissione in onda su Rai 1. Federico Quaranta e Giulia Capocchi esploreranno le meraviglie appenniniche delle province di Parma e Piacenza, facendo immergere i telespettatori tra storie, borghi, parchi letterari e tradizioni antichissime, passando dall’Alta Val Parma alla Val Taro e alla Val Cedra, dalla Val Tidone alla Val Nure. Vignaioli, sentieristi, rifugisti, contadini e ciclo viaggiatori, tutti uniti intorno al desiderio di valorizzare l’Appennino e le sue valli per rimetterlo al centro della scena. L’Appennino Emiliano è un atto d’amore e di questo erano ben convinti Attilio, Giuseppe e Bernardo Bertolucci che avevano scelto un piccolo borgo di montagna, nel parmense, come centro vitale della loro ispirazione artistica; le emozioni che hanno regalato al mondo con la loro opera sono anche merito di questi monti che si presentano ai nostri occhi come un imperdibile invito al viaggio. La puntata, per la regia di Andrea Rovetta, è stata realizzata grazie al finanziamento del progetto PSR 2014-2020 Regione Emilia Romagna, misura 19 “Sostegno allo sviluppo rurale leader” per la promozione dell’Appennino piacentino e parmense, a cui Destinazione Turistica Emilia partecipa con il Gal del Ducato. «Linea Verde Tour è una nuova bellissima occasione per valorizzare l’Emilia, la Terra dello Slow Mix, e le esperienze uniche che l’Appennino Emiliano sa offrire ai suoi visitatori – sottolinea Cristiano Casa, presidente di Visit Emilia -. Un nuovo tassello della collaborazione con il Gal del Ducato per la gestione di un articolato piano di marketing territoriale, che include anche la realizzazione del portale Appennino Emilia, per promuovere in forma integrata tutto il territorio appenninico».