L’esule fiumana. Racconto di una vita

31

Il libro di Marilù Furnari e Martina Spalluto è la biografia di Lenci De Santis

EMILIA ROMAGNA – Questo libro è la biografia di Lenci De Santis, esule fiumana che giunge nei campi profughi di Termini Imerese. Si innamora e si sposa con il monrealese Pippo Furnari. E’ lei che racconta alla figlia Marilù e alla nipote Martina, tutte le vicissitudini trascorse a Fiume durante il periodo post-bellico e durante l’invasione dei partigiani titini, l’esodo da Fiume e la definitiva sistemazione in Sicilia.

La vita da adulta le regalerà le gioie di una famiglia “normale” ma inesorabilmente il ricordo delle vicende vissute la accompagnerà fino a sfociare proprio come un “fiume” nel desiderio di racconto affinché il passato non venga dimenticato e sia chiave di lettura per il presente. Il ricordo delle foibe accompagnerà la vicenda umana della protagonista la cui vita è stata caratterizzata dalla riservatezza. Nell’età avanzata decide di raccontare per tramandare questi ricordi .

Questa è una storia, poco nota a tutti; vi è stato un disinteresse da parte dell’opinione pubblica ma che è venuta alla ribalta dal 2004 anno in cui si è stabilito di celebrare il “Giorno del Ricordo”.

La storia dell’esilio giuliano-dalmata presenta diversi punti in comune con l’attuale esodo dall’Africa sub-sahariana. In questo libro inoltre viene evidenziata la generosa accoglienza da parte del popolo siciliano. Nel primo capitolo è descritta tutta la storia di Fiume dalla fine della prima Guerra Mondiale fino al 1948 anno dell’esodo.

Questa storia deve essere conservata e trasmessa alle nuove generazioni e l’autrice ama definire questo libro: UNA MEMORIA PER IL FUTURO.