Le librerie.coop riaprono da lunedì 4 maggio a Bologna e in tutta Italia

40

Ripartenza in piena sicurezza e serenità per librai e clienti. Dalle mascherine per i lavoratori fino a gel e guanti per i clienti, le barriere in plexiglass alle casse, i percorsi sicuri e la sanificazione dei locali, ecco come sarà la fase 2 nella catena indipendente

BOLOGNA – Riaprono in tutta Italia ed anche a Bologna, da lunedì 4 maggio, le librerie.coop: una ripartenza in completa sicurezza per tutti i librai che saranno di nuovo al lavoro e i tanti clienti che hanno aspettato con trepidazione di poter tornare tra gli scaffali. In questi giorni si stanno ultimando i preparativi che hanno permesso di adeguare al meglio ogni libreria ed il servizio ai rigorosi standard sanitari previsti dalle disposizioni governative per il progressivo ritorno alla normalità.

A Bologna e provincia riapriranno così i battenti ben 6 librerie: Ambasciatori e Zanichelli in pieno centro, e quelle nelle gallerie dei commerciali Lame, Nova a Villanova di Castenaso, Borgo e Imola, con orari differenziati consultabili sul sito www.librerie.coop.it. Sono sempre rimasti in funzione invece i corner libri all’interno degli ipercoop (a Bologna Lame, Nova e Borgo), mentre rimarrà attiva anche dopo il 4 maggio, sul sito della catena indipendente, la possibilità di ordinare i volumi con consegna gratuita a domicilio in tutta Italia, di acquistare ebook e, per snellire l’acquisto in negozio, utilizzare il servizio “Prenota on line, ritira in libreria”.

“Abbiamo preferito aspettare qualche giorno in più – spiega la presidente di librerie.coop, Nicoletta Bencivenniper offrire a tutti, librai e clienti, la possibilità di venire in libreria in piena sicurezza e serenità, grazie a una nuova organizzazione e dotazioni che vanno anche oltre le richieste di legge. Ci prepariamo a una fase nuova, in cui la libreria fisica tornerà progressivamente ad essere il luogo della comunità dei lettori ma sarà integrata da un forte contatto anche on line con gli amanti dei libri, gli autori, le case editrici”.

Dopo l’orario di chiusura, le presentazioni dei nuovi libri in uscita si terranno con la diretta Facebook dall’Ambasciatori. A maggio, sono già in programma tre appuntamenti: martedì 5 alle 19 Eros Perin della libreria coop Ambasciatori dialoga con Sandra Petrignani, autrice di “Lessico femminile” (Laterza); giovedì 7 alle 18.30 Patrizio Roversi conversa con Emanuele Felice sul suo libro “Dubai, l’ultima utopia” (il Mulino). Martedì 26 alle 18.30 Maurizio De Giovanni, in occasione dell’uscita del suo nuovo romanzo “Una lettera per Sara” (Rizzoli), sarà intervistato da Massimo Marino.

La nuova organizzazione delle librerie nella Fase 2

In attuazione del decreto che ha reso possibile la riapertura delle librerie, librerie.coop si è dotata di nuovi dispositivi e di una organizzazione particolarmente attenta e rigorosa, per garantire a tutti una fruizione degli spazi sicura e serena. La sanificazione sarà costante e quotidiana in tutti gli spazi mentre in alcune librerie più grandi, come l’Ambasciatori, è assicurata con l’ozono. All’ingresso di ogni libreria i clienti troveranno un roll up che illustra le nuove disposizioni, guanti leggeri usa e getta simili a quelli dei supermercati e gel disinfettante per le mani, per preservare l’igiene dei volumi in vendita. All’interno, adesivi a terra calpestabili consentiranno di mantenere agevolmente le distanze di sicurezza davanti alle casse e di seguire percorsi sicuri, a senso unico e differenziati, in entrata e in uscita.

Davanti a tutte le casse sono state realizzate barriere in plexiglass, e i librai saranno dotati di guanti usa e getta e mascherine in cotone sanificabili, ecologiche ed igieniche, da utilizzare quando non sia possibile mantenere la distanza di almeno un metro e fuori dall’area casse. A tutela della salute di tutti, il servizio assistito cambierà: i librai daranno indicazioni e consigli agli amanti dei libri da questa postazione protetta, e se dovranno cercare personalmente un volume per il cliente sarà buona norma non seguirlo tra gli scaffali ma aspettarlo in cassa.

Anche se previsto espressamente solo dalla Regione Toscana, in questi giorni è in corso la pulitura e la sanificazione dei filtri di aerazione di tutte le librerie; per assicurare il massimo ricircolo dell’aria le porte resteranno sempre aperte, ferma restando la necessità di fare accedere una persona ogni 40 metri quadri di superficie di ciascuna libreria. In caso di bisogno, dunque, si potranno temporaneamente chiudere le porte per controllare meglio i flussi.