La scomparsa di Grosoli, pioniere del balsamico Igp

6

Cordoglio del sindaco Muzzarelli che lo ricorda tra i fondatori del Consorzio: “Visione e passione per il territorio, ha esportato Modena in tutto il mondo”

luttoMODENA – “Capacità imprenditoriali, visione, passione per il territorio e le sue tradizioni”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli in un messaggio di cordoglio ricorda così Adriano Grosoli, scomparso a 93 anni, sottolineando alcune delle principali peculiarità della sua esperienza che lo ha portato a essere tra i fondatori del Consorzio per la tutela dell’Aceto balsamico di Modena Igp.

“Il suo nome, giustamente, viene affiancato a quelli di Fini, Federzoni e Giusti – sottolinea Muzzarelli – che hanno guidato il processo che ha consentito alla produzione del balsamico di essere regolamentata e certificata, di vederla riconosciuta e apprezzata a livello nazionale e internazionale, contribuendo a creare valore e occupazione nel nostro territorio. È partito dall’azienda famigliare di San Donnino – ricorda il sindaco – e ha esportato Modena in tutto il mondo con una tenacia che ha saputo trasmettere alle figlie e ai nipoti. Da non dimenticare anche il finanziamento per il restauro del quadro di Velazquez, con il ritratto del duca Francesco I d’Este, che rende subito riconoscibile anche le bottiglie del “suo” aceto”.