In piazza Mazzini i ragazzi leggono con “Passa la Parola”

7
Passa la Parola, un momento dell’edizione 2019

Sabato 14 e domenica 15 maggio, il festival arriva a Modena con incontri con autori, letture animate e cantate, illustrazioni da ridere e avventure fantastiche

MODENA – Arriva a Modena “Passa la Parola”, il festival della lettura per ragazzi che sabato 14 e domenica 15 maggio sarà in piazza Mazzini con incontri con gli autori, letture animate e letture cantate, illustrazioni da ridere, avventure surreali e incontri poetici per scoprire l’infinito mondo delle storie, raccontate con le parole e con i disegni.

“Passa la Parola 10…20,30” è il titolo dell’edizione 2022 che festeggia i primi dieci anni del Festival con iniziative in dieci Comuni del territorio modenese (fino al 25 giugno) che hanno come filo conduttore gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu.

La due giorni modenese di Passa la Parola inizia alle 10.30, alla biblioteca Delfini con il poeta Bruno Tognolini, uno dei nomi più noti della letteratura per ragazzi, e “Versi di bestie”, versi umani, rispettosi e amorosi, dedicati a tartarughe, cammelli, zebre, lemuri, api e perfino microbi.

Alle 11.30, la manifestazione si trasferisce in piazza Mazzini dove salirà sul palco il filosofo della scienza Telmo Pievani che condurrà i partecipanti (dai 9 ai 99 anni) alla scoperta dell’avventurosa storia dell’umanità e dell’evoluzione seguendo le tracce degli antenati.

Alle 15, incontro formativo per adulti: Grazia Gotti, libraia, insegnante, pedagogista e molte altre cose, fornirà un Alfabeto utile su libri, librerie e librai. Alle 16 nuovo appuntamento per ragazzi (dai 7 ai 107 anni) con Sonia Maria Luce Possentini, autrice di “La fioraia di Sarajevo”, una storia di dignità e resistenza contro la guerra, mentre alle 17 tornano le poesie con gli artisti Giusi Quarenghi e Sergio Ruzzier che accompagnano i bambini (da 5 a 106 anni) nelle avventure surreali di “Capre che cantano, cuscini e canguri”. Ultimo appuntamento della giornata, alle 18, con l’illustratore Rocco Lombardi e l’antropologo Matteo Meschiari, autori di “C’era una taiga. C’era una foresta”, una ballata, che è anche una mostra esposta alla biblioteca Delfini, per riflettere sui grandi rischi del nostro tempo, primo tra tutti quello ambientale.

Domenica 15 maggio, sempre in piazza Mazzini, alle 10.30, laboratorio di disegno e lettura cantata per bambini dai 4 ai 10 anni, intitolato “Ortica e l’ascolto della natura selvatica” e condotto dalla pittrice e cantastorie Marina Girardi.

Nel pomeriggio sono in programma due incontri con gli autori: alle 15.30, “Curare le parole”, dialogo sullo scrivere per creare legami e lasciare traccia tra Malika Ferdjoukh, autrice di romanzi e sceneggiature, e Beatrice Masini, autrice, traduttrice ed editor (da 9 a 102 anni). Alle 16.30, da Malala a Greta a Iqbal, le storie di bambini e ragazzi che diventano protagonisti della Storia. L’incontro (per ragazzi da 10 a 106 anni) è condotto dal romanziere Francesco D’Adamo e da Viviana Mazza, giornalista del Corriere della sera.

La giornata si conclude con “Una vacanza da unicorni”, letture animate e illustrazioni da ridere con Sara Tarabusi, libraia e direttrice artistica del festival e Gilles Bachelet, scrittore e disegnatore, tra i più importanti autori francesi per l’infanzia.

Nato da un progetto di educazione alla lettura della Libreria per ragazzi Castello di carta di Vignola e organizzato con Csi Modena, “Passa la Parola” ha il patrocinio del Comune di Modena, dei Comuni di Castelfranco, Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Formigine, Pavullo, San Cesario, Savignano, Spilamberto e Vignola e della Regione Emilia Romagna, con il sostegno di Conad, Bper Banca, Lapam e Medica plus.