In Consiglio il punto sulla gestione dei rifiuti

19

Lunedì 12 aprile una seduta con la forma del “question time”: in programma la risposta a otto interrogazioni. I cittadini possono seguire in streaming sul sito del Comune

MODENA – Il tema della gestione dei rifiuti è al centro della seduta di lunedì 12 aprile del Consiglio comunale di Modena, che assume la formula tipica del “question time” dedicata principalmente alle interrogazioni: otto, infatti, sono le istanze, incentrate su argomenti di attualità, a cui la giunta darà risposta. I lavori sono convocati nell’aula consiliare, come di consueto nel rispetto delle disposizioni sanitarie contro la diffusione del Coronavirus, ma con la possibilità per i consiglieri di partecipare alle attività anche da remoto, collegandosi in teleconferenza. I cittadini possono seguire in diretta streaming i lavori connettendosi al sito istituzionale dell’ente (www.comune.modena.it/il-governo-della-citta).

La seduta inizia alle 17.30 con le audizioni dei candidati, da parte delle commissioni consiliari riunite in seduta congiunta, per un ruolo di componente dei consigli di amministrazione, in rappresentanza del Comune, della Fondazione Casa di Enzo Ferrari Museo e della Fondazione Democenter-Sipe.

A seguire, è in programma la trattazione delle interrogazioni, a partire dalle tre istanze sul tema dei rifiuti proposte dal Movimento 5 stelle (due distinte istanze: “Adesione del Comune di Modena alla rete dei Comuni rifiuti zero” e “Rispetto dei principi dell’economia circolare nella gestione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e introduzione di un sistema di tariffazione puntuale”) e Modena civica (“Raccolta rifiuti porta a porta e tariffa puntuale”). Le altre interrogazioni riguardano i controlli legati all’erogazione del reddito di cittadinanza (presentata da Forza Italia), il punto sul Comitato locale per l’area dell’esecuzione penale adulti di Modena (Pd), la tutela del bosco adiacente via Lazio e la progettazione del “corridoio verde” che lo include (M5s), l’aggiornamento sui fatti avvenuti nel carcere di Sant’Anna l’8 marzo 2020 (Sinistra per Modena) e il riassetto bancario sul territorio e l’accesso al credito per le piccole e medie imprese (Lega Modena).