Il Sindaco di Bologna ha conferito la Medaglia al merito civico “Giorgio Guazzaloca” a Roberto Mantovani

21

Il tassista conosciuto con il nickname “RedSox” ha messo a disposizione il suo veicolo per corse di solidarietà durante il lockdown

BOLOGNA – Il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha conferito nel pomeriggio di oggi nella Sala Rossa di Palazzo d’Accursio la Medaglia al merito civico “Giorgio Guazzaloca” a Roberto Mantovani, il tassista conosciuto sui social network con il nickname “RedSox”, che durante la fase di lockdown dell’emergenza sanitaria per il coronavirus ha messo a disposizione il suo taxi per corse di solidarietà. Alla cerimonia, tra gli altri, hanno partecipato Giulia e Grazia Guazzaloca, figlie di Giorgio Guazzaloca, Sindaco di Bologna dal 1999 al 2004, scomparso il 26 aprile 2017. Al conferimento era presente anche Riccardo Carboni, presidente di Cooperativa Cotabo Radiotaxi.

Il riconoscimento è stato introdotto, su proposta del Sindaco Merola, nel Regolamento per la concessione delle civiche onorificenze ed è conferito ogni anno a persone che con il loro impegno si siano particolarmente distinte nella cura e nella rigenerazione dei beni comuni o con azioni e comportamenti a favore della comunità, divenendo un riferimento e un esempio virtuoso.

Il Sindaco, prima del conferimento della Medaglia al merito civico “con sincera riconoscenza” a Roberto Mantovani, ha letto le motivazioni. Di seguito il suo intervento.

“Roberto Mantovani è un tassista che opera da alcuni anni nell’area di Bologna. Noto sui social network con il nickname di “RedSox”, nel periodo del lockdown dovuto all’emergenza sanitaria ha messo il suo taxi a disposizione dei cittadini che ne avessero bisogno per delle ‘corse di solidarietà’.

Mantovani, con il suo taxi sigla Bologna-5, ha offerto per due mesi un servizio completamente gratuito ai cittadini in difficoltà, bloccati nelle proprie abitazioni, per piccole commissioni, trasporti, spostamenti o consegne.

L’azione positiva di Mantovani è stata di esempio per altri colleghi tassisti che, come lui, hanno messo a disposizione il proprio mezzo. Il servizio ha anche trovato l’appoggio del Presidente della Cooperativa tassisti di cui fa parte.

Il servizio è stato svolto con grande generosità, operando da vero cooperatore, con etica, onestà, responsabilità sociale e con un senso di responsabilità verso la propria comunità che non sono rimasti inosservati; tanti infatti sono stati i ringraziamenti rivolti a Mantovani per il suo gesto di solidarietà che incarna perfettamente lo spirito della nostra città, da sempre vicina a chi ha più bisogno. Un servizio utile e non scontato, che ha fatto anche emergere a livello nazionale un’immagine positiva della categoria”.