Il “memorial Falchetti” si rinnova, nasce Sport Is Live/Life

58

ferraraAl Palaboschetto sabato 28 aprile (alle 10) una giornata di sport, solidarietà ed allegria

FERRARA – Si è svolta nella mattinata di giovedì 19 aprile nella residenza municipale la presentazione della manifestazione “Sport Is Live/Life – Ricordando Fabio Falchetti”, in programma al Palaboschetto sabato 28 aprile con inizio alle 10. Ad attendere partecipanti e visitatori un’intera giornata di sport, solidarietà ed allegria con la presentazione di sei attività svolte dal C.A.S.P. (Centro Avviamento Sport Paralimpico) di Ferrara.

L’iniziativa – una rinnovata versione del format proposto in questi anni dal Memorial dedicato a Fabio Falchetti – è organizzata da Africa Twende onlus e dalla delegazione provinciale del Comitato Italiano Paralimpico, con il patrocinio e l’attiva collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Ferrara, del CONI regionale, del Panathlon Club Ferrara e dalla sezione di Ferrara degli Atleti Azzurri d’Italia.

programmaAll’incontro con i giornalisti erano presenti l’assessore comunale allo Sport Simone Merli, la delegata CONI Point di Ferrara Luciana Pareschi, il delegato provinciale CIP di Ferrara Giuseppe Francesco Alberti, la vice presidente dell’associazione di volontariato “Afrika Twende onlus” Valeria Pavanelli Falchetti, il vice presidente dell’associazione Atleti Azzurri d’Italia Natalino Patria, il responsabile del centro Casp Mauro Borghi e il presentatore Andrea Ansaloni.

(Comunicazione a cura degli organizzatori)

E’ stato presentato ufficialmente giovedì 19 il nuovo e rinnovato “memorial Falchetti” che diventa da quest’anno Sport Is Live/Life, giornata di sport, solidarietà ed allegria, organizzata da Africa Twende onlus e dalla delegazione provinciale del Comitato Italiano Paralimpico. La manifestazione, che gode del patrocinio e della attiva collaborazione dell’amministrazione Comunale, del CONI regionale, del Panathlon Club Ferrara e dalla sezione di Ferrara degli Atleti Azzurri d’Italia, si svolgerà al Palaboschetto sabato 28 aprile con inizio alle ore 10 e vedrà la presentazione di 6 attività svolte dal nostro C.A.S.P. (Centro Avviamento Sport Paralimpico). Vale la pena ricordare che il C.A.S.P. costituisce lo strumento territoriale del C.I.P. attraverso il quale realizzare un processo educativo sportivo nelle persone con disabilità, facilitando anche in questo modo la formazione e la crescita dei giovani talenti paralimpici.

Alla mattina saranno impegnati i calciatori ipovedenti dello Stargart (Polisportiva Francolino), recentemente approdati alle finali nazionali di categoria, e i judoki della Format Ferrara. A seguire nel pomeriggio, ma con la possibilità per chi vuole seguire l’intera giornata di rimanere al Palaboschetto e mangiare in loco grazie al catering de “L’Archibugio”, sarà la volta del sitting volley con le a.s.d. Copparo e Villanova Volley, della danza sportiva e integrata, grazie alla sinergia tra le a.s.d. Easy Dance e IN.DA.CO, della scherma paralimpica della Accademia “Bernardi” e della pallamano integrata, realizzata dalla a.s.d. Ariosto Pallamano Ferrara.

Si tratta in molti casi di eccellenze del nostro territorio a volte dimenticate, come spesso accade agli sport minori in genere, ancora di più a quelli paralimpici. Ma oltre alla valenza sportiva della manifestazione e dell’attività è da considerare la grandissima valenza sociale: queste associazioni sono infatti responsabili di progetti e sezioni che mettono il benessere psicofisico della persona,a ncor prima che dell’atleta, con disabilità al centro dell’attenzione, offrendogli la possibilità di vivere la propria socialità ed esprimere le proprie capacità.

Sul parquet del Palaboschetto sarà possibile seguire questi atleti all’opera, e tra loro citiamo Karim Gouda Said Hessan, giovanissimo atleta non vedente che darà vita anche a veri momenti d’intermezzo artistici, così come sarà possibile apprezzare l’impegno dei tecnici che spesso come volontari sviluppano queste attività che richiedono progettualità ed esperienza pratica.

Si potrà inoltre possibile provare ed informarsi sulle attività del C.I.P. e del Centro C.A.S.P. in primis (che vantano anche attività purtroppo non rappresentabili in palestra, come la paracanoa e le bocce), nonché delle singole associazioni partecipanti. Infine, è d’obbligo ricordare che questa giornata sarà possibile grazie allo sforzo della famiglia Falchetti e di Afrika Twende onlus che vuole ricordare assieme Fabio e ha deciso di cambiare il format proposto in questi anni dal memorial rivolgendosi all’attività paralimpica, evidenziando ancora di più la sensibilità che li contraddistingue.