Il Cinema Teatro Moderno riapre con “La luce nella scatola”

3

Dal 7 ottobre inizia la rassegna di conferenze e cineforum

SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC) – Il Cinema Teatro Moderno torna a vivere. Giovedì 7 ottobre con una conferenza di Gregorio Vivaldelli inizia la rassegna di conferenze e cineforum “La luce nella scatola” ideata e promossa dal Cinema Teatro Moderno con il patrocinio del Comune di Savignano sul Rubicone e del Ministero della Cultura e in collaborazione con Gruppo Icaro, media partner dell’evento.

Gli appuntamenti in programma per il mese di ottobre sono otto, quattro conferenze e cinque cineforum che saranno preceduti dall’introduzione di don Filippo Cappelli.

Il filo conduttore che unisce conferenze e cineforum è quello della speranza, richiamato anche nel titolo “La luce nella scatola”, che allude senza misteri alla magia del cinema e del teatro. La speranza è un sentimento tra quelli che visitano più spesso l’anima dell’uomo: essa si lega al desiderio di felicità, di ritorno a una vita normale dopo i giorni della pandemia. È infine la speranza come scommessa dei collaboratori del Cinema Teatro Moderno di tornare ad essere punto di incontro, di svago e di confronto. Dopo la programmazione autunnale, inizieranno le proiezioni del sabato e della domenica sera, e della domenica pomeriggio con film per ragazzi con articolazione da novembre a marzo.

“Quando è stato pensato questo progetto – spiega Enrico Viarani dell’Associazione Cinema Teatro Moderno – non avevamo idea se lo avremmo potuto davvero realizzare. Aprire al nostro pubblico una finestra sulla speranza significa rispondere a questa attesa dei nostri giorni: la luce imprevista dell’anima. Di speranza parleranno gli ospiti delle conferenze del giovedì sera, con riferimenti alla letteratura (Gregorio Vivaldelli “Libertà va cercando: il coraggio della speranza nell’Antipurgatorio di Dante”), all’arte pittorica (Maria Gloria Riva “La speranza nell’arte: sperare nel buio”), alla relazione tra speranza e fede (Luigi Verdi “La Fede e la Speranza: navigare in tempo di sfide”) alla percezione della speranza in relazione all’età, affrontando le attese dei più giovani (“Destinazione vita. Aiutare gli adolescenti a tenere alto lo sguardo”)”.

Le serate del venerdì saranno dedicate al cineforum, con la partecipazione di don Filippo Cappelli che offrirà spunti di lettura del programma di cineforum. “Con tutta l’umiltà del mondo – spiega ancora Viarani – il ciclo di film di quest’anno vorrebbe di nuovo gettare una piccola luce sul sacro dell’altro e di Dio. Da ‘Stranieri’, come la serie delle cinque pellicole propone. Perché solo con uno sguardo estraneo e curioso è possibile affascinarsi di fronte all’indicibile novità del diverso. Un percorso per ritrovare e ritrovarsi. E soprattutto, ancora una volta, tornare a riconoscersi ed abbracciarsi. Almeno con il cuore”.

“Le attività del nostro bel cinema vengono presentate quando abbiamo ancora gli occhi pieni delle fotografie del SI FEST – commenta il Sindaco di Savignano sul Rubicone Filippo Giovannini -. Fotografia e cinema si parlano. Ringrazio il Cinema Teatro Moderno per questa programmazione che arricchisce la nostra città. Vi invito a goderne, sarà un piacere e un riconoscimento per chi si è impegnato a realizzarla”.

Questo il programma nel dettaglio:

Le conferenze

7/10/2021: Gregorio Vivaldelli – Libertà va cercando: il coraggio della speranza nell’Antipurgatorio di Dante

14/10/2021: Suor Maria Gloria Riva – La speranza nell’arte: sperare nel buio

28/10/2021: Don Luigi Verdi – La Fede e la Speranza: navigare in tempo di sfide

11/11/2021: Alberto Pellai – Destinazione vita. Aiutare gli adolescenti a tenere alto lo sguardo

I cineforum

8/10/2021: Tre Manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh

15/10/2021: L’Uomo Che Non C’Era – Joel Coen

22/10/2021: Nazarìn – Luis Buñuel

29/10/2021: A Serious Man – Joel ed Ethan Coen

5/11/2021: The Road -John Hillcoat

Per le conferenze, l’ingresso è a offerta libera. Per il cineforum, la biglietteria sarà attiva on line su biglietti.cinemateatromoderno.it oppure alla biglietteria del Cinema Teatro Moderno, in Corso Perticari 5, a partire da 30 minuti prima della proiezione. Ingresso unico 4 euro, abbonamento a 5 proiezioni 15 euro.

L’accesso in sala è consentito fino alle 21,10, fino ad esaurimento posti (capienza della sala ridotta causa Covid) con obbligo di Green pass.