Il 23 marzo il seminario “L’economia dell’Emilia-Romagna che cambia: una prospettiva europea”

17

Dalle 11 al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali (aula K6) dell’Università di Parma. Primo appuntamento pubblico a conclusione del progetto di ricerca “Understanding the Emilian Model: A Network Analysis (NA) Approach to investigate industrial relationships”

PARMA – “L’economia dell’Emilia-Romagna che cambia: una prospettiva europea” è il titolo del seminario che si terrà mercoledì 23 marzo al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma dalle 11 alle 13 in aula K6 (per informazioni e iscrizioni nel limite dei posti disponibili: cattedra.jeanmonnet@unipr.it).

Il seminario rappresenta il primo appuntamento pubblico a conclusione del progetto di ricerca “Understanding the Emilian Model: A Network Analysis (NA) Approach to investigate industrial relationships”, promosso dalla Cattedra Jean Monnet dell’Università di Parma e finanziato dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI)-Institute nell’ambito del programma STAREBEI (STAges de REcherche BEI-EIB research internships).

Mario Menegatti, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali, aprirà i lavori.

La prima sessione, dal titolo “ll programma STAREBEI e il progetto dell’Università di Parma”, vedrà le relazioni di Fulceri Bruni Roccia, Responsabile del Knowledge Programme della BEI-Institute, e di Franco Mosconi, professore Jean Monnet in Economia e Politica Industriale nell’Ateneo e responsabile scientifico del progetto sull’Emilian Model (maggiori info nell’intervista riportata a questo link: https://www.unipr.it/sites/default/files/allegatiparagrafo/16-12-2021/unipricerca_dic_2021.pdf).

Seguirà la seconda sessione, “L’azione della Banca Europea degli Investimenti in Emilia-Romagna”. Dapprima, vi sarà la relazione di Ferran Minguella, Responsabile dell’Unità Corporate Lending della BEI per la regione del Mar Adriatico. Dopodiché, Andrea Chiesi e Giovanna Amadori porteranno la testimonianza del Gruppo Chiesi dove ricoprono, rispettivamente, le posizioni di Responsabile degli Special Projects e di Responsabile della Global Strategy & Corporate Development.

Le conclusioni, incentrate sui crescenti rapporti fra l’Emilia-Romagna e l’Unione Europea, saranno affidate a Roberto Fornari, Pro Rettore alla Ricerca dell’Università di Parma, e a Morena Diazzi, Direttore Generale Economia della conoscenza, del lavoro, dell’impresa della Regione Emilia-Romagna.

Il progetto di ricerca in discussione era stato formalmente lanciato all’Università di Parma, sempre al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali, il 22 ottobre 2019 con un workshop che aveva visto la partecipazione di numerosi docenti e ricercatori dell’Ateneo e di altri Atenei della regione.

Un webinar organizzato dalla BEI-Institute nell’ottobre 2020 – presieduto da F. Bruni Roccia (presente qui a Parma ai lavori di mercoledì 23 marzo) – ha consentito a Dario D’Ingiullo (ricercatore junior e titolare del Grant STAREBEI) e a Franco Mosconi di esporre in anteprima le principali conclusioni al management e ai ricercatori della BEI.

Gli autori hanno altresì presentato il progetto e i suoi principali risultati nel corso di conferenze organizzate da alcune delle più importanti associazioni scientifiche nel campo delle Scienze economiche, fra le quali la SIE-Società Italiana di Economia e la SIEPI-Società Italiana di Economia e Politica Industriale.