“I tumori surrenalici: tante patologie per un’unica definizione” il 4 novembre all’Accademia Medicina Torino

23
massimo terzolo

TORINO – Venerdì 4 novembre alle ore 21, l’Accademia di Medicina di Torino terrà una riunione scientifica, sia in presenza, sia in modalità webinar, dal titolo “I tumori surrenalici: tante patologie per un’unica definizione”. L’incontro verrà introdotto da Massimo Terzolo, Professore di Medicina Interna, Direttore del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche, Azienda Ospedaliero-Universitaria San Luigi Gonzaga a Orbassano (TO). I relatori saranno Giorgio Borretta, Direttore Endocrinologia, Azienda Ospedaliera Cuneo, e Alfredo Berruti, Professore di Oncologia Medica, Università degli Studi di Brescia. Massimo Terzolo, membro dell’Accademia di Medicina di Torino, presenterà la figura di Alberto Angeli, Professore di Medicina Interna all’Università di Torino presso il Polo universitario San Luigi di Orbassano e Presidente del Accademia di Medicina dal 2010 al 2014.

I tumori surrenalici non sono particolarmente noti alla comunità, e persino molti medici li considerano tumori rari. In realtà, il frequente ricorso a tecniche d’immagine nella pratica medica, quali la TC e la RMN, e il loro avanzamento tecnologico, ha fatto crescere vertiginosamente il numero di diagnosi che spesso sono occasionali, senza un precedente sospetto clinico.

Il termine “tumore surrenalico” identifica in realtà tipi assai diversi di neoplasia. Se nella maggioranza dei casi si tratta di tumori benigni, sono rappresentati anche i tumori maligni a prognosi infausta. Anche i tumori benigni possono risultare pericolosi, in virtù della loro capacità di secernere ormoni (steroidi o catecolamine) che possono produrre effetti negativi sul metabolismo e sul sistema cardiovascolare. Malattie quali ipertensione, diabete e dislipidemia sono più frequenti e più gravi nei pazienti con tumori surrenalici secernenti.

Per questi motivi, con il titolo “I tumori surrenalici: tante patologie per un’unica definizione” si intende trattare la sfida che viene posta al clinico da uno spettro così ampio di patologie accomunate da una sola definizione.

Si potrà seguire l’incontro sia accedendo all’Aula Magna dell’Accademia di Medicina di Torino (via Po 18, Torino), sia collegandosi da remoto al sito www.accademiadimedicina.unito.it.

Videoabstract: https://youtu.be/ysObh3dAkZE