I luoghi della cultura riminese aprono virtualmente le loro porte con un ricco programma di musica, arte, cultura, design e creatività

65

RIMINI – I luoghi della cultura riminese aprono virtualmente le loro porte con un ricco programma di musica, arte, cultura, design e creatività per superare le barriere fisiche e rendere disponibile agli spettatori virtuali quello che al momento non è possibile ascoltare o vedere da vicino. Un ricco e articolato programma con dirette live in streaming e passeggiate virtuali on line, letture e concerti dai vari contenitori culturali diffusi in città. Dal Museo della città al Part, dal teatro Novelli all’ala moderna del Museo, il programma di dirette streaming e visite virtuali attraversa e ricompone gli spazi della cultura riminese ed è reso possibile grazie al lavoro dei Musei di Rimini in collaborazione con il Laboratorio Aperto, l’Associazione Culturale Interno4 in collaborazione con l’Associazione Rimini Classica, nell’ambito di Luxmas. 

  • I Musei della città in diretta: un viaggio virtuale alla scoperta dei capolavori d’arte

5 dirette live in streaming dai siti museali della città alla scoperta dei capolavori d’arte, 2 conferenze on line sulla valorizzazione del dialetto all’insegna delle topografie felliniane, 2 virtual tour a 360 gradi. Un viaggio nel tempo e nell’arte che porterà in diretta alla scoperta della Rimini del III secolo con i resti della domus del chirurgo, degli artisti del Trecento riminese influenzati da Giotto e dai cromatismi bizantini e della Rimini rinascimentale con le opere del Ghirlandaio, fino all’arte contemporanea di Vanessa Beecroft in dialogo con le stelle del mare di Giovanni Iudice. In diretta live sui canali social di ‘Rimini Musei’ l’arte arriva direttamente a casa: sabato 19 dicembre alle ore 18, in diretta dal Museo della città, la guida e storica dell’arte Michela Cesarini presenta la pala ex voto di epoca malatestiana, opera del Ghirlandaio; sabato 26 dicembre, sempre alle ore 18, in diretta dal Part, Ilaria Balena presenta l’opera di Vanessa Beecroft, forse l’opera più rappresentativa del museo, in dialogo con l’opera di Giovanni Iudice; domenica 27 dicembre, alle ore 18, l’artista Vittorio D’Augusta presenta un allestimento inedito dall’Ala moderna del Museo della città, nell’ambito del Mese della Fotografia; sabato 2 gennaio lo storico dell’arte Alessandro Giovanardi presenta il Giudizio Universale, il maestoso affresco della scuola del 300 riminese attualmente ospitato nella Sala dell’Arengo, all’interno del Palazzi d’arte Part; mercoledì 6 gennaio ore 18 la storica dell’arte Monia Magalotti chiuderà il programma dal sito archeologico della domus del chirurgo.

Due passeggiate attraverso la topografia felliniana saranno protagoniste di 2 conferenze in streaming sulla valorizzazione del dialetto a cura di Fabio Bruschi nell’ambito di “Lingue di confine 2020”: venerdì 11 dicembre alle ore 17.30 Davide Bagnaresi ci parlerà de Le case dei Fellini a Rimini; venerdì 18 dicembre, sempre alle ore 17.30, Gianfranco Miro Gori ci condurrà attraverso I luoghi di “Amarcord” e non solo.

Inoltre, nel mese di dicembre, in collaborazione con il laboratorio aperto, i luoghi della cultura che l’emergenza sanitaria ha visto chiusi dal 3 novembre scorso, saranno protagonisti attraverso virtual tour a 360 gradi delle grandi opere d’arte e dei musei che la città ospita. Si partirà con visite guidate virtuali alla mostra “Il ritorno della Madonna Diotallevi“, con l’opera di Raffaello ospitata nel Museo della città fino al 10 gennaio e al nuovo Museo d’arte moderna e contemporanea, il Part, inaugurato il 24 settembre scorso nei restaurati Palazzi del Podestà e dell’Arengo.

  • ‘Welcome’, il mese della creatività e del design

Da dicembre al 24 gennaio Rimini propone un calendario di oltre 20 appuntamenti online e più di 30 ospiti tra dibattiti, laboratori e racconti, tutti incentrati sul tema della creatività, della progettazione, del pensiero che diventa concreto.  “WELCOME! Creativity & Design Month” è un programma di eventi, curato dal Laboratorio Aperto Rimini Tiberio, che si sviluppa sul web, sui canali Facebook, Instagram e Youtube del Laboratorio Aperto, per rispettare tutte le norme di sicurezza e per raggiungere un pubblico più vasto possibile, ma che ha preso anche forma fisica – per meglio dire, luminosa – con l’installazione artistica “208” del progettista Giò Tirotto e della curatrice Maria Cristina Didero al Ponte di Tiberio.

Sono 23 gli eventi in programma per “WELCOME!”, con la presenza complessiva di 36 tra ospiti e relatori: si va da Cristina Celestino di Attico Design, con le sue creazioni presenti nelle più importanti riviste di architettura in Italia e in Europa, a Marco Sammicheli, curatore per il design, la moda e l’artigianato della Triennale di Milano, da Leonardo Sangiorgi di Studio Azzurro, responsabile dell’allestimento del Museo Fellini, al dialogo fra l’artista Roberto Coda Zabetta e l’architetto Luca Cipelletti, che ha dato forma al Part, e poi ancora l’artista Luca Giovagnoli, la fotografa Isabella Balena e tanti altri personaggi protagonisti della scena culturale locale e nazionale. Nove i tematismi al centro della rassegna, che ripercorrono alcune delle tappe salienti del percorso di cambiamento di Rimini: luce, terra, coltura, paesaggi, sogno, sostenibilità, casa, innovazione, arte.

Il calendario ha preso il via il 7 dicembre e prosegue con il seguente programma: 11 dicembre alle 14.30 va in onda un documento sul miele di OrtiCà, la casa degli orti e delle api. L’11 dicembre alle 18.30 Maria Cristina Didero intervista Francesca Sarti di Arabeschi di Latte, studio di food design che lavora per musei come il Victoria and Albert Museum di Londra e il Maxxi di Roma, grandi marchi della moda come Fendi e Kenzo e eccellenze del cibo made in Italy come Illy e San Pellegrino. Il 12 dicembre Laura Vaccari di Fiorificio, rappresentante del movimento Slowflowers che promuove una passione per il verde sostenibile e a km0, guida dalle 10.30 il pubblico in una passeggiata virtuale per la Valmarecchia insieme a Veronica Frison, esperta di comunicazione nel settore food e hotellerie, autrice del libro “Mangiare in Romagna”. Il 14 dicembre dialogano Maria Cristina Didero e Marco Sammicheli su Il sogno del made In Italy nel mondo: il tributo ad Enzo Mari e a Vico Magistretti della Triennale di Milano”, il giorno successivo, il 15 dicembre sempre di sogni si occupa Matteo Zamagni, architetto del paesaggio attento ai contenuti percettivi e all’ecologia urbana che terrà un webinar su “Lo sguardo possibile, i paesaggi di Fellini”. Il 16 e 17 dicembre sono protagonisti i due nuovi grandi contenitori culturali di Rimini: il primo giorno Leonardo Sangiorgi di Studio Azzurro dialoga con Chiara Fravisini, dirigente ai lavori pubblici del Comune di Rimini, Marco Bertozzi, già anche co-curatore della mostra Fellini100, e Marco Leonetti, direttore della Cineteca comunale, su “Un sogno che diventa realtà: il Museo Fellini”; il secondo si parla del PART, i Palazzi Arte Rimini, con Maria Cristina Didero che conduce un talk tra l’artista Roberto Coda Zabetta, l’architetto Luca Cipelletti e il sindaco di Rimini Andrea Gnassi su cosa significa “Inaugurare un museo di arte contemporanea a Rimini durante una pandemia globale”. Il 18 dicembre alle 18.30 va in onda il dialogo fra lo scrittore Giuseppe Musilli e Roberto Naccari, direttore del festival Santarcangelo dei Teatri, su “La storia di un visionario anarchico: l’isola delle rose”. Il 19 dicembre giornata dedicata alla moda: alle 14.30 Maria Cristina Didero intervista Helen Nonini, già operation manager per alcuni dei più importanti brand del mondo del lusso e autrice del libro “Professione problem solver”, e si discuterà di come “Tra imprenditorialità e charity, anche il luxury diventa sostenibile”, mentre alle 18.30 Gaia Segattini, giornalista, scrittrice e consulente di prodotto per il mondo dell’artigianato oltre che creativa, presenta la sua nuova capsule collection incentrata sulla sostenibilità. Il 21 dicembre dalle 14.30 spazio al racconto, condotto da Micaela Piccari di Barfum, di due grandi marchi del mondo dei profumi, Maison Tahité Officina Creative Profumi e Laboratorio Olfattivo: per quest’ultimo interverrà il direttore creativo Roberto Drago, che spiegherà come nasce un profumo.  Nel pomeriggio della stessa giornata, dalle 18.30, Ilaria Balena intervista Isabella Balena e Giusy Tigano sul progetto fotografico “Feeling home: sentirsi a casa”.

Gli appuntamenti di “Welcome!” riprendono poi nell’anno nuovo: il 12 gennaio, dalle 9.30 alle 17, si tiene il “Service Design Bootcamp” con Omar Vulpinari, professore universitario a Bologna e Londra e consulente di innovazione per marchi come Sky, Benetton e Samsung e organizzazioni come le Nazioni Unite. Il 13 gennaio Marzo Paglia di Musixmatch sarà intervistato alle 18.30 da Nicolò Pranzini del progetto @Aster per discutere di “L’interfaccia della musica”, mentre il 14 gennaio alle 18.30 il corso di laurea in Design dell’Università di San Marino organizza il talk “Design di vicinato, limes e spazi soglia” per raccontare il ruolo del design come attivatore di processi di cambiamento all’interno di comunità locali.

Ultimo appuntamento il 18 gennaio alle 18.30 con la presentazione di “Progetto 29.4”, una nuova tiratura limitata di serigrafie a cura degli artisti riminesi Elisabetta Angeli e Luca Giovagnoli, che racconteranno in prima persona l’iniziativa insieme a Matteo Sormani di Art-Preview.

Il programma di “Welcome! Creativity & Design month” rientra nel calendario di eventi Luxmas promosso dal Comune di Rimini e si inserisce nell’ambito della programmazione del Laboratorio Aperto Rimini Tiberio nell’ambito del POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna – Asse 6, azione 2.3.1.Per info: www.facebook.com/laboratorioapertoriminitiberio

  • Prosegue il programma di ORA, la web Radio del comune di Rimini

Pensata per mettere in rete musicisti, artisti e teatranti riminesi, prosegue il programma di Radio ORA che continua a trasmettere in streaming (in diretta dal teatro Novelli) dando vita ad una vera e propria officina creativa, con l’intendo di abbracciare tutta la città. La web radio è “on air” sul web all’indirizzo www.officinariminiarte.it. Un’opportunità per dare spazio alla vasta comunità di artisti riminesi, in continuità con il progetto “E la chiamano Rimini”, il manifesto musicale lanciato la scorsa estate per segnare la ripartenza della città nel segno dell’arte e della cultura.  

Il programma della radio prosegue venerdì 11 dicembre ore 17,30 con Eos Quartet in concerto con “Da Bach ai Led Zeppelin”: un concerto dal titolo quanto mai insolito che lascia intendere fin da subito che si tratta di una sorta di divertimento, di un gioco in cui strumenti classici come il violino, il flauto, la viola ed il violoncello interpretano i classici del rock degli ultimi anni. Flauto Matteo Salerno, Violino Aldo Capicchioni, Viola Aldo Maria Zangheri, Violoncello Anselmo Pelliccioni. Sabato 12 dicembre ore 15,30 presentazione del libro Tenera è la notte (Interno4 edizioni) a cura di NicoNote e Pierfrancesco Pacoda. Interverranno gli autori. Alle 17.00 Alexia Bianchi inaugura “Oggi incontriamo. Rubrica di approfondimento con gli artisti in diretta da Novelli”, in onda prima di ogni concerto. A seguire, alle 17,30, Filippo Malatesta in concerto presenta Biutifullove, il suo nuovo disco.  Domenica 13 dicembre alle ore 11,00 Teatro Alcantara con la partecipazione di: Teatro Patalò, Alessia Canducci e Tiziano Paganelli, Ute Zimmermann leggono e suonano fiabe della tradizione. A seguire, Aldo Maria Zangheri conduce “La Classica ORA”. Lunedì 14 dicembre alle ore 21,00 appuntamento con la prima puntata del RadiodrammaIl giardino dei Finzi contini” di Giorgio Bassani con: Tamara Balducci, Michele Di Giacomo, Andrea Macaluso, Leonardo Bianconi, Matteo Alì e una piccola partecipazione di Mariù Amadei. Musiche a cura di Marco Mantovani. Martedì 15 dicembre, ore 17,00, Braschi in concerto presenta il suo nuovo disco dal vivo. Alle ore 21,00 seconda puntata del Radiodramma “Il giardino dei Finzi contini” di Giorgio Bassani con: Tamara Balducci, Michele Di Giacomo, Andrea Macaluso, Leonardo Bianconi, Matteo Alì e una piccola partecipazione di Mariù Amadei. Musiche a cura di Marco Mantovani. Mercoledì 16 dicembre ore 15,30 Radio K-Rimini e FunkRimini, con Word mc, Fadamat, Ricky Cardelli e DJ Kambo, il meglio del Funk, l’Hip Hop e il Soul di tutti i tempi. Alle 17.00 Alexia Bianchi con “Oggi incontriamo. Rubrica di approfondimento con gli artisti in diretta da Novelli”.  A seguire, alle ore 17,30 Chiara Raggi in concerto presenta il suo nuovo disco. Alle ore 21,00 terza puntata del RadiodrammaIl giardino dei Finzi contini” di Giorgio Bassani con: Tamara Balducci, Michele Di Giacomo, Andrea Macaluso, Leonardo Bianconi, Matteo Alì e una piccola partecipazione di Mariù Amadei. Musiche a cura di Marco Mantovani. Giovedì 17 dicembre ore 21,00 ultima puntata del Radiodramma “Il giardino dei Finzi contini” di Giorgio Bassani con: Tamara Balducci, Michele Di Giacomo, Andrea Macaluso, Leonardo Bianconi, Matteo Alì e una piccola partecipazione di Mariù Amadei. Musiche a cura di Marco Mantovani.  Venerdì 18 dicembre ore 17,30 Darma in concerto. A seguire dalle ore 21,00 Città Teatro (Francesca Airaudo, Giorgia Penzo) presenta il monologo IPER – di Francesco Gabellini letto da Mirco Gennari, in collaborazione con Gianluca Reggiani. Sabato 19 dicembre ore 17,30 Miami &The Groovers in concerto dal vivo. Il programma prosegue fino al 6 gennaio su: https://www.officinariminiarte.it/ e https://www.facebook.com/Officinariminiarte. Per tutta la durata del progetto, Chico De Luigi e la sua crew di fotografi e videomaker riprenderà dal vivo il backstage del progetto.