“I giardini d’estate”: jazz e assolo di Aprea

6
Concerto i 70 anni degli Amici del jazz

Gli appuntamenti della settimana: giovedì 8 e venerdì 9 luglio concerti per i 70 anni degli Amici del jazz, mentre sabato 10 l’attore legge Mattia Torre

MODENA – Entra nel vivo la rassegna “I giardini d’estate” che, da giovedì 8 a sabato 10 luglio, propone tre appuntamenti tra jazz e teatro nel Parco Ducale.

Giovedì e venerdì sono dedicati al jazz e, in particolare, ai 70 anni dell’associazione modenese Amici del jazz, ripercorsi, almeno in parte, con il concerto “Dalla Contrada della scimmia al Pernilla” che racconta vent’anni di musica live nello storico locale cittadino. Dalle 21, il chitarrista Cesare Vincenti, insieme al suo Free Quintet (composto da Michele Vignali al sax, Lucio Bruni al pianoforte, Enrico Lazzarini al contrabbasso e Andrea Burani alla batteria) presenta una serata speciale con una prima parte dedicata ai brani più significativi che il quintetto ha eseguito in questi anni, oltre che pezzi originali di Cesare Vincenti, mentre la seconda prevede una jam session con numerosi musicisti e cantanti ospiti.

Venerdì 9 luglio, sempre alle 21, è di scena il Lorenzo Conte Quartet: sotto la guida del contrabbassista veneziano, i quattro musicisti (gli altri sono Robert Bonisolo, sax tenore, Dario Carnovale al piano e Alfred Kramer alla batteria) rivisitano il repertorio di alcuni celebri jazz standard e propongono composizioni originali per una performance di forte impatto emotivo eseguita da grandi conoscitori del repertorio jazz.

Sabato 10 luglio, alle 21, invece, Valerio Aprea, attore noto per “Boris” e “Smetto quando voglio”. porta in scena, in un assolo spietato ed esilarante al tempo stesso, “Colpa di un altro”, “Yes I can” e “Gola”, oltre a uno stralcio di “In mezzo al mare”, testi di Mattia Torre, autore, sceneggiatore e regista prematuramente scomparso a soli 47 anni nel 2019. Un recital che fotografa un paese in balìa di una fame atavica e votato inesorabilmente al raggiro, alla menzogna, al disperato inseguimento di un lusso sfrenato e delirante. Ad accompagnare la voce dell’attore, le musiche di Giuliano Taviani e Carmelo Travia composte per “Figli”, l’ultimo film scritto da Torre, David di Donatello 2021 e tre Nastri d’Argento 2020.

L’ingresso allo spettacolo di Valerio Aprea costa 7 euro.

Tutti gli spettacoli, anche quelli a ingresso gratuito sono su prenotazione. Ci si può prenotare via mail (biglietteria@emiliaromagnateatro.com), presso la biglietteria del teatro Storchi (059 2136021) da martedì a venerdì dalle 10 alle 14; il sabato dalle 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19, direttamente ai Giardini, la sera stessa, a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

La rassegna “I Giardini d’estate” è promossa dal Comune di Modena nell’ambito dell’Estate modenese 2021, e affidata per il secondo anno consecutivo a Emilia Romagna Teatro Fondazione; la rassegna è realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale Luciano Pavarotti, con il sostegno di Fondazione di Modena e del Gruppo Hera, e con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Il programma completo è scaricabile dal sito del Comune: www.comune.modena.it/estate2021.