“Gli Altri. Indagine sui nuovissimi mostri” il 14 febbraio al Teatro Goldoni di Bagnacavallo

43
Kepler452 Gli Altri

BAGNACAVALLO (RA) – Per la rassegna Teatri d’Inverno – Sguardi sulla drammaturgia contemporanea, il Teatro Goldoni di Bagnacavallo ospita, lunedì 14 febbraio alle ore 21, la formazione KEPLER-452 con GLI ALTRI – INDAGINE TEATRALE SUI NUOVISSIMI MOSTRI, vale a dire i cosiddetti haters, in un reportage teatrale, connesso live a internet, in cui si raccontano e rappresentano gli incontri virtuali e i dialoghi con loro intercorsi, sempre difficili, a volte impossibili. La drammaturgia e regia di questa indagine è firmata da Riccardo Tabilio e Nicola Borghesi.

“Talvolta usciamo da teatro (o dal cinema, da un’assemblea, dalla lettura di un articolo di giornale o di un libro) appagati ma con la sgradevole sensazione di trovarci in una riserva indiana: qua siamo tutti d’accordo, mentre là fuori il cosiddetto paese reale, non ci assomiglia neanche un po’.

Gli Altri sono un magma indistinto che incrociamo solo quando la loro brutalità diventa sufficientemente spessa ed evidente da non poter più essere rimossa nella propria mostruosità. È lì che ci coglie il terrore. Spendiamo tanto del nostro lavoro per raccontare e raccontarci che coloro che tradizionalmente sono percepiti come gli Altri (i migranti, i senzatetto, gli strani, gli zingari, i malati psichiatrici, i criminali) non devono essere considerati come una minaccia, un nemico, un mostro. Allo stesso tempo non ci accorgiamo che stiamo costruendo una nuova e più pericolosa categoria di Altri: quelli che odiano gli Altri tradizionali. Sono quelli che scrivono commenti mostruosi sui social e che noi condividiamo a nostra volta per raccontare alla comunità a cui apparteniamo che gli Altri sono dei mostri, dei fascisti, che noi non siamo come loro; per raccontare la deriva che sta travolgendo la realtà intorno a noi e il senso di sconforto e incredulità che ci attanaglia. Cerchiamo insomma di rassicurarci tra noi, noi che ancora non siamo pervasi da quell’odio cieco, da quella volontà catartica di bruciare tutto ciò che ci inquieta. Naturalmente questo senso di comunità non fa che alimentare il risentimento degli Altri verso di noi, che, nella narrazione corrente, siamo i privilegiati, coloro che parlano stando al sicuro, lontani dal vero conflitto, dai problemi reali.

Questi Altri, molto spesso, almeno sui loro profili social, sono diversi da come li avresti immaginati. Sono mamme sempre a dieta, amanti ossessivi dei cani, diciottenni che fanno serata, genitori premurosi, umoristi triviali, lavoratori spaventati. Ma anche queste poche informazioni non ci aiutano a capire tanto del mostruoso cortocircuito in atto nel nostro Paese. E allora: chi sono questi Altri? Chi c’è dietro quel commento razzista irripetibile? Che esseri umani si nascondono dietro quei profili? Perché scrivono quelle cose, perché le pensano? Le pensano davvero, fino in fondo? Si identificano con quello che scrivono? Se è vero, come è vero, che ogni effetto è originato da una causa, da dove viene tutto questo odio?

Gli Altri – Indagine sui nuovissimi mostri è il desiderio di contattare queste persone, questi Altri, trascorrerci del tempo insieme, cercare di capirli senza per questo perdere le distanze, tentare di aprire un dialogo apparentemente impossibile e portarlo in scena, senza rinunciare al nostro punto di vista. Che effetto fa incontrarli in carne ed ossa, gli Altri? Come possiamo parlarci veramente, senza paternalismo e senza alterigia? Che effetto ci fa questo tentativo? È possibile? È utile?

In scena racconteremo, in un reportage teatrale connesso live a internet gli esiti di questa indagine, di questi incontri, di questi momenti di vita che hanno il desiderio di andare oltre il giusto sgomento e spingersi un po’ più in là, dove anche la follia del razzismo e del fascismo possono essere ascoltate, senza per questo rinunciare di un passo alle proprie posizioni.

Gli Altri – Indagine sui nuovissimi mostri è in fondo, soprattutto, un tremendo desiderio di uscire dal nostro isolamento e cercare di incontrare quella parte del Paese che ci siamo ostinati a considerare minoritaria, inimmaginabile e che ora si sta mostrando in tutta la propria potenza.”

(Kepler-452)

Biglietti: 5 euro (under 29); 10 euro (over 29).

Prevendite dal giorno antecedente la rappresentazione dalle ore 10 alle ore 13.

Prenotazioni telefoniche (0546 21306) dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) dalle ore 11 alle ore 13. Biglietti online: Vivaticket

Info: 0545 64330 – 0546 21306 – www.accademiaperduta.it

Si ricorda che, in osservanza dei D.L. attualmente in vigore, l’accesso ai Teatri per i maggiori di 12 anni è consentito esclusivamente se in possesso di “Super Green Pass” (certificato di vaccinazione e/o guarigione da Covid-19) e, ad esclusione dei bambini sotto i 6 anni, è necessario indossare mascherine di tipo FPP2 dal momento dell’ingresso e per tutta la durata dello spettacolo.

Teatro Goldoni

BAGNACAVALLO

Teatri d’Inverno

Lunedì 14 febbraio 2022 ore 21

KEPLER-452

Gli Altri – Indagine sui nuovissimi mostri

drammaturgia e regia Nicola Borghesi e Riccardo Tabilio

ideazione scenica Andrea Bovaia

in scena Nicola Borghesi

spettacolo realizzato con il contributo di ERT Fondazione

e con il sostegno di L’Arboreto-Teatro Dimora, La Corte Ospitale, Agorà/Unione Reno Galliera