Forlì: Teatri d’Inverno – Sguardi sulla drammaturgia contemporanea

27
Cranpi – docupuppets

FORLÌ – Il TEATRO IL PICCOLO di Forlì, già “casa” del Centro di Produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri e uno dei più importanti poli culturali per il Teatro Ragazzi della Regione, amplia oggi la sua importanza e centralità come “officina” del Contemporaneo.

Dopo un primo passo con l’edizione 2021 del festival Colpi di Scena – che ha di fatto posto Il Piccolo al centro dell’attenzione nazionale nell’ambito del teatro contemporaneo -, il percorso intrapreso prosegue con il progetto TEATRI D’INVERNO – Sguardi sulla drammaturgia contemporanea, organizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Forlì per la nuova Stagione del Teatro di via Cerchia e dedicato alla drammaturgia contemporanea, al teatro del nostro presente, recente passato o immediato futuro.

Una “mappa” che, partendo da Il Piccolo, si estenderà poi agli altri Teatri gestiti da Accademia Perduta (Diego Fabbri di Forlì, Dragoni di Meldola, Masini di Faenza, Goldoni di Bagnacavallo, Chiari di Cervia), sulla quale verranno tracciati percorsi artistici ed espressivi diversi, a loro volta aperti su differenti e molteplici visioni. 22 spettacoli di autori contemporanei e viventi che con le loro parole raccontano tesi, antitesi e sintesi di un’epoca, la nostra, quella che abitiamo, con cui ci confrontiamo quotidianamente.

Cronache del ‘900 e del 2000 (le storie di Giorgio Perlasca, Aldo Braibanti, Alfredino Rampi, Roberto Peci, la Legge Basaglia, gli effetti dell’acciaieria ILVA di Taranto), la complessità dei rapporti familiari e interpersonali, alterità, bullismo, razzismo, disagio e disorientamento giovanile sono solo alcuni dei temi portati in scena in spettacoli che sperimentano la necessità dell’esprimere – letteralmente “spremere” e “produrre” –, penetrando il cuore della parola e del gesto per restituire visioni. Territori da esplorare per scoprire che il teatro può essere simultaneamente molte cose pur rimanendo, in sostanza, una cosa sola: quel che accade quando il cammino di attori, drammaturghi, registi incontra quello degli spettatori in un luogo, in un momento che, allora, diventa teatro.

Teatri d’Inverno inaugura il suo percorso al Piccolo con la formazione Cranpi e lo spettacolo La Classe. Docupuppets per marionette e uomini; seguiranno Les Moustaches, compagnia già nota al pubblico forlivese grazie allo spettacolo La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza, che proseguono la ricerca su un teatro crudo e fiabesco al contempo con la nuova creazione L’ombra lunga del nano di Alberto Fumagalli.

Il giovane drammaturgo, regista, attore Teodoro Bonci del Bene presenterà Dati sensibili: New Constructive Ethics, una provocatoria indagine sociologica sottoposta all’attenzione degli spettatori. Fabio Bussotti e Mauro Conte saranno protagonisti di Il caso Braibanti, regia di Giuseppe Marini e cronaca del noto processo che alla fine degli anni 60 pose Aldo Braibanti quale capro espiatorio di un conflitto tra conservatorismo e contestazioni giovanili.

Emanuele Aldrovandi, drammaturgo e regista, e le attrici Bruna Rossi e Giorgia Senesi presenteranno la black comedy Farfalle, prima di una “trasferta” alla Fabbrica delle Candele per lo spettacolo Pane e petrolio, frutto della sinergia tra Ravenna Teatro/Teatro delle Albe e Teatro delle Ariette.

Teatri d’Inverno al Piccolo

  • Martedì 25 gennaio ore 21 – Teatro Il Piccolo, Forlì 

CRANPI

LA CLASSE. Docupuppets per marionette e uomini

di Fabiana Iacozzilli

performer Michela Aiello, Andrei Balan, Antonia D’amore, Francesco Meloni, Marta Meneghetti

produzione Cranpi, La Fabbrica dell’Attore-Teatro Vascello, Carrozzerie n.o.t

La classe è un docupuppets con pupazzi e uomini. È un rito collettivo, in bilico tra La Classe morta di Tadeusz Kantor e I cannibali di George Tabori, in cui gli adulti, interpretati da pupazzi realizzati da Fiammetta Mandich, rileggono i ricordi di un’infanzia vissuta nella paura di buscarle. Una storia che Fabiana Iacozzilli fa nascere dai ricordi delle scuole elementari all’istituto “Suore di carità” e in particolare da quelli legati alla sua maestra, Suor Lidia.

  • Martedì 8 febbraio ore 21 – Teatro Il Piccolo, Forlì 

LES MOUSTACHES

L’OMBRA LUNGA DEL NANO

di Alberto Fumagalli

con la voce di Maria Paiato

con Ludovica D’Auria e Claudio Gaetani

regia Ludovica D’Auria e Alberto Fumagalli

co-produzione Società per Attori e Accademia Perduta/Romagna Teatri

Olo e Neve sono marito e moglie. La loro vita è tragicamente peggiorata, non ha mantenuto le aspettative che nutrivano sul loro rapporto di coppia. Lui, affetto da nanismo e da una ingovernabile gelosia, è un operaio di fatica e un marito di pretesa. Lei, donna ingenua dilaniata dal tempo che corre e dall’insuccesso della sua vita, è una donna depressa e una moglie insoddisfatta. Lontani da qualsiasi sporadica eruzione intellettiva, i due personaggi si accontentano di trovare nell’altro il colpevole del loro fallimento. Nonostante un odio bollente, nella coppia rimane intatto il preistorico concetto di appartenenza. Un fiabesco risvolto riporterà tra i due un inatteso riavvicinamento di passioni: il nano, attraverso la proiezione della sua ombra, si farà gigante, diventando la metafora perfetta della possibilità di riscoprirsi. Così, la stessa coppia annoiata, nascondendosi dietro l’iniziatica passione di due sconosciuti, cadrà vittima di un gioco tanto eccitante quanto pericoloso.

  • Venerdì 25 febbraio ore 21 – Teatro Il Piccolo, Forlì

TEODORO BONCI DEL BENE

DATI SENSIBILI: NEW CONSTRUCTIVE ETHICS

di Ivan Vyrypaev – regia di Teodoro Bonci del Bene

produzione Teatro Nazionale di Genova

  1. La New Constructive Ethics conduce un’indagine sociologica. Le interviste fatte a una psicologa, una biologa e un neurobiologo vengono sottoposte all’attenzione degli spettatori.
  • Domenica 20 marzo ore 21 – Teatro Il Piccolo, Forlì
  • Lunedì 21 marzo ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo

FABIO BUSSOTTI – MAURO CONTE

IL CASO BRAIBANTI

di Massimiliano Palmese

regia di Giuseppe Marini

produzione Società per Attori

Nell’ottobre del 1964 Aldo Braibanti – ex partigiano torturato dai nazifascisti, comunista e omosessuale, artista, poeta, appassionato di filosofia e studioso della vita delle formiche – venne denunciato “per aver assoggettato fisicamente e psichicamente” il ventunenne Giovanni Sanfratello.

Il processo Braibanti si aprì il 12 giugno 1968, mentre divampava la Contestazione e i giovani di tutto il mondo chiedevano a gran voce più ampie libertà. Davanti alla Corte sfilarono familiari, preti, medici e testimoni corrotti, e Aldo Braibanti finì col divenire il capro espiatorio di un duro scontro generazionale.

  • Martedì 26 aprile ore 21 – Teatro Il Piccolo, Forlì

BRUNA ROSSI – GIORGIA SENESI

FARFALLE

testo e regia di Emanuele Aldrovandi

co-produzione Associazione Teatrale Autori Vivi, Teatro Elfo Puccini, ERT Fondazione

Farfalle, il testo di Emanuele Aldrovandi vincitore del Premio Hystrio 2015 e del Mario Fratti Award 2016, dopo la prima mondiale a New York, arriva in Italia con la regia dello stesso autore.

  • Mercoledì 4 e giovedì 5 maggio ore 21 – Fabbrica delle Candele, Forlì 

RAVENNA TEATRO/TEATRO DELLE ALBE – TEATRO DELLE ARIETTE

PANE E PETROLIO

di Paola Berselli, Luigi Dadina e Stefano Pasquini

con Paola Berselli, Luigi Dadina, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini

regia di Stefano Pasquini

Il progetto nasce dal desiderio di un incontro umano e artistico, un incontro preparato nel tempo, quasi senza volerlo, perché i percorsi di ricerca teatrale delle due compagnie sono stati, già da molti anni, paralleli.

Biglietti

  • TEATRO IL PICCOLO e FABBRICA DELLE CANDELE, FORLÌ

Biglietti e prenotazioni telefoniche (0543 26355)

dal martedì al sabato (festivi esclusi) dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 18 presso la Biglietteria del Teatro Diego Fabbri di Forlì (via Dall’Aste)

10 € (intero); 5 € (under 29)

 Teatri d’Inverno – gli altri spettacoli (ordine cronologico)

  • Giovedì 27 gennaio ore 21 (Giorno della Memoria) – Teatro Masini, Faenza

ALESSANDRO ALBERTIN

PERLASCA. Il coraggio di dire no

di Alessandro Albertin

regia di Michela Ottolini

produzione Teatro de Gli Incamminati

Un racconto affascinante, travolgente e commovente della storia di Giorgio Perlasca. Un Giusto tra le Nazioni. Un uomo semplice, normale, che, nella Budapest del 1944, si mette al servizio dell’Ambasciata di Spagna.

  • Sabato 29 gennaio ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo

SARA VALERIO – GIANCARLO FARES

L’INIZIO DEL BUIO

di Walter Veltroni

regia di Peppino Mazzotta

produzione Teatro e Società, Saval Spettacoli,

Todi Festival

L’incontro di due storie fortemente radicate nella memoria degli italiani che, caso ha voluto, si sono svolte negli stessi giorni: la vicenda di Alfredino Rampi e quella di Roberto Peci.

  • Giovedì 10 febbraio ore 21 – Teatro Masini, Faenza

CARROZZERIA ORFEO

MIRACOLI METROPOLITANI

drammaturgia di Gabriele Di Luca

con Elsa Bossi, Ambra Chiarello, Beatrice Schiros, Massimiliano Setti, Federico Vanni, Aleph Viola

regia di Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

co-produzione Marche Teatro, Teatro dell’Elfo, Teatro Nazionale di Genova,

Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

Miracoli metropolitani è il racconto di una solitudine sociale dove ogni uomo, ma in fondo un’intera umanità, affronta quotidianamente quell’incolmabile vuoto che sta per travolgere la sua esistenza.

  • Lunedì 14 febbraio ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo

KEPLER-452

GLI ALTRI. Indagine sui nuovissimi mostri

drammaturgia e regia Nicola Borghesi e Riccardo Tabilio

con Nicola Borghesi

produzione Kepler-452 con il contributo di Emilia-Romagna Teatro Fondazione e con il sostegno di L’Arboreto – Teatro Dimora, La Corte Ospitale – Centro di Residenza Emilia-Romagna, Agorà/Unione Reno Galliera

Chi sono gli Altri? Noi teatranti dedichiamo molte energie a raccontare quella che ci pare una verità evidente: che coloro che tipicamente sono percepiti come altri (stranieri, senzatetto, persone LGBT+…) non devono essere considerati una minaccia. E che collocare le diversità in facili categorie è tossico e pericoloso. Nel frattempo, tuttavia, va consolidandosi intorno a noi un’altra specie di Altri.

  • Martedì 15 febbraio ore 21 – Teatro Dragoni, Meldola 

COCHI PONZONI – MATTEO TARANTO

LE FERITE DEL VENTO

di Juan Carlos Rubio

regia di Alessio Pizzech

co-produzione Società per Attori, Teatro Civico La Spezia

La morte del padre obbliga Davide a farsi carico di tutte le incombenze pendenti. Frugando fra una montagna di carte, il giovane trova, però, qualcosa di inatteso, lettere d’amore indirizzate a un uomo. 

  • Martedì 22 febbraio ore 21 – Teatro Masini, Faenza 

MENOVENTI

IL DEFUNTO ODIAVA I PETTEGOLEZZI

dall’omonimo romanzo di Serena Vitale (ed. Adelphi)

ideazione Consuelo Battiston e Gianni Farina

con Consuelo Battiston, Tamara Balducci, Leonardo Bianconi,

Federica Garavaglia, Mauro Milone

regia Gianni Farina

co-produzione E Production/Menoventi, Ravenna Festival, OperaEstate Festival Veneto 

Raccontare gli ultimi giorni di Majakovskij significa raccontare la fine di una generazione straordinaria, la rapidissima parabola di un manipolo di ragazzi che si riunirono sotto il vessillo della Rivoluzione d’Ottobre, trasformarono radicalmente il modo di concepire le rispettive discipline e, soffocati dalla deriva autoritaria della loro utopia, terminarono con violenza la produzione artistica o la vita stessa.

  • Mercoledì 23 febbraio ore 21 – Teatro Dragoni, Meldola 

CLAUDIO CASADIO – ANDREA PAOLOTTI

LA CLASSE

di Vincenzo Manna

e con Edoardo Frullini, Valentina Carli, Andrea Monno, Caterina Marino, Giulia Paoletti, Federico Le Pera

regia di Giuseppe Marini

co-produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri, Società per Attori, Goldenart Production

I giorni di oggi. Un gelido inverno. Una cittadina europea in grave crisi economica.

Disoccupazione, conflitti sociali, criminalità, sono il quotidiano di un decadimento generalizzato che sembra inarrestabile.

  • Sabato 26 e domenica 27 febbraio ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo
  • Lunedì 28 febbraio ore 21 – Teatro Diego Fabbri, Forlì
  • Martedì 1 marzo ore 21 – Teatro Masini, Faenza
  • Martedì 8 e mercoledì 9 marzo ore 21 – Teatro Comunale Walter Chiari, Cervia 

AMANDA SANDRELLI

LUCREZIA FOREVER!

scritto e diretto da Francesco Niccolini

liberamente ispirato al personaggio creato da Silvia Ziche

co-produzione Arca Azzurra,

Accademia Perduta/Romagna Teatri

Lucrezia Forever! è uno spettacolo surreale, comico, poetico, struggente e fuori da ogni tradizione teatrale: in scena quattro attori, tre dei quali digitali, la quarta in carne e ossa ma con riflessi a fumetti.

  • Giovedì 3 marzo ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo 

CASAVUOTA

BLACK DICK

di e con Alessandro Berti

produzione Casavuota con il sostegno di Gender Bender Festival e l’aiuto di Teatro comunale Laura Betti – Barfly il teatro fuori luogo – Opera Prima Festival – Ogni casa è un teatro

“Il maschio nero americano è un modello…”. Comincia così Black Dick, dal modello indiscusso dei giovani neri nel mondo: il nero americano, il rapper, il militante, lo sportivo.

  • Martedì 8 marzo ore 21 – Teatro Diego Fabbri, Forlì
  • Mercoledì 9 marzo ore 21 – Teatro Masini, Faenza

AMBRA ANGIOLINI – ARIANNA SCOMMEGNA

IL NODO

di Johnna Adams

regia di Serena Sinigaglia

co-produzione Società per Attori, Goldenart Production

Un’aula di una scuola pubblica. È l’ora di ricevimento per una insegnante di una classe di prima media. Al colloquio si presenta la madre di un suo allievo.

  • Martedì 22 marzo ore 21 – Teatro Diego Fabbri, Forlì

MARCO PAOLINI

SANI! Teatro fra parentesi: le mie storie per questo tempo

di Marco Paolini

musiche originali composte ed eseguite da Saba Anglana e Lorenzo Monguzzi

produzione Jolefilm

“Potrei definire Sani! come continuazione degli Album dedicati all’infanzia e all’adolescenza su cui ho fatto la mia pratica del narrare”. Da un pezzo di album raccontato trent’anni fa, dalla memoria parte un viaggio che narra il presente.

  • Martedì 22 e mercoledì 23 marzo ore 21 – Teatro Comunale Walter Chiari, Cervia

TEATRI DI BARI / KISMET

IL BACIO DELLA VEDOVA

di ISRAEL HOROVITZ

regia di Teresa Ludovico

con Diletta Acquaviva, Alessandro Lussiana/Mario Cangiano, Michele Schiano Di Cola

Nello spogliatoio di un magazzino, Archie e George, due giovani operai arroganti e strafottenti, a fine turno di lavoro, scherzano sulle rispettive conquiste amorose.

  • Sabato 26 marzo ore 21 – Teatro Masini, Faenza

KOREJA / LE BELLE BANDIERE

HEROIDES.

Lettere di eroine del mito dall’antichità al presente

da Heroides di Ovidio e da improvvisazioni e scritture sceniche

elaborazione drammaturgica e regia di Elena Bucci

con Giorgia Cocozza, Angela De Gaetano, Alessandra De Luca, Emanuela Pisicchio,

Maria Rosaria Ponzetta, Andelka Vulić

Ovidio immagina le eroine del mito intente a scrivere una lettera ai loro uomini, narrando di amore, abbandoni, tradimenti. Per la prima volta nella storia della letteratura siamo di fronte ad un romanzo epistolare dove le donne indirizzano il loro messaggio al silenzio e all’assenza dell’altro.

  • Domenica 10 aprile ore 21 – Teatro Goldoni, Bagnacavallo

LES MOUSTACHES

LA DIFFICILISSIMA STORIA DELLA VITA

DI CICCIO SPERANZA

di Alberto Fumagalli

con Francesco Giordano, Giacomo Bottoni, Antonio Orlando

regia di Ludovica D’Auria e Alberto Fumagalli

co-produzione Società per Attori, Accademia Perduta/Romagna Teatri

Ciccio Speranza è un ragazzo grasso, ma leggero, con un’anima talmente delicata, che potrebbe sembrare quella di una graziosa principessa nordeuropea.

Miglior spettacolo 2020, Premio della Critica e Premio Fersen al Roma Fringe Festival 

  • Venerdì 29 aprile ore 21 – Teatro Masini, Faenza 

COMPAGNIA CESARE GIULIO VIOLA

POLVERE

di Pierfrancesco Nacca

con Marina Lupo, Claudio Spadaro, Andrea Lintozzi, Pierfrancesco Nacca

regia di Giulia Paoletti

produzione Accademia Perduta/Romagna Teatri

Polvere racconta dal punto di vista di una famiglia tarantina, gli effetti che la grande acciaieria (ILVA) provoca ai danni della città di Taranto e dei suoi abitanti. La famiglia Cataldo è composta da Mimmo, Marina e il figlio Piero, insieme vivono nel quartiere Tamburi a ridosso dell’impianto siderurgico.

Spettacolo vincitore TRAC Puglia e Finalista In-Box 2020 

Biglietti 

  • TEATRO COMUNALE WALTER CHIARI, CERVIA

Biglietti e prenotazioni telefoniche (0544 975166)

dal giorno antecedente le rappresentazioni dalle ore 10 alle ore 13

Intero 26 € – Ridotto (under 29, over 65) 24 € – Loggione € 15

  • TEATRO DIEGO FABBRI, FORLÌ

Biglietti e prenotazioni telefoniche (0543 26355)

dal martedì al sabato (festivi esclusi) dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 18.

I settore 29 € – II settore 27 €

  • TEATRO MASINI, FAENZA

Biglietti dal giorno antecedente gli spettacoli dalle ore 10 alle ore 13

Prenotazioni telefoniche (0546 21306)

dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) dalle ore 11 alle ore 13

Per gli spettacoli del 1 e 9 marzo:

I settore 29 € – II settore 27 € – Loggione 16 €

Per gli altri spettacoli

10 € (intero); 5 € (under 29)

  • TEATRO GOLDONI, BAGNACAVALLO

Biglietti e prenotazioni telefoniche (0545 64330)

dal giorno antecedente le rappresentazioni dalle ore 10 alle ore 13

Prenotazioni telefoniche (0546 21306)

dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) dalle ore 11 alle ore 13

Per lo spettacolo del 26 e 27 febbraio:

I settore 28 € – II settore 26 € – Loggione 18 €

Per gli altri spettacoli

10 € (intero); 5 € (under 29)

  • TEATRO DRAGONI, MELDOLA

Biglietti dal sabato antecedente le rappresentazioni dalle ore 10 alle ore 13 presso la Biglietteria del Teatro Dragoni; dal martedì antecedente le rappresentazioni presso la Biglietteria del Teatro Diego Fabbri di Forlì dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 18 (lunedì e festivi esclusi).

Prenotazioni telefoniche (0543 26355) dal martedì antecedente le rappresentazioni presso la Biglietteria del Teatro Diego Fabbri di Forlì dalle ore 11 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 18 (lunedì e festivi esclusi).

I settore 22 € – II settore 20 € – Loggione 12 € 

Biglietti online di tutti gli spettacoli: Vivaticket

Se acquistati o prenotati in prevendita, ad eccezione degli spettacoli a 5/10 €, ai prezzi esposti verrà applicato un ddp di 1 €

TEATRO “IL PICCOLO” FORLÌ

Il TEATRO IL PICCOLO punta lo sguardo

sulla drammaturgia contemporanea con

TEATRI D’INVERNO

“Festival” che, partendo da Forlì, si estenderà a più Teatri della Romagna