Folgore – Virtus 1-1

10

MONTECCHIO – Campionato, 12′ giornata
FOLGORE – VIRTUS 1-1 (1-1)
Marcatori: 23′ Di Marzio, 42′ Sorrentino

FOLGORE (4-4-2):
Pollini; Sottile, Gattei Colonna, Piscaglia, Bernardi; Montanari (66′ Ankotovych), Cangini, E. Golinucci, Serafini; Di Marzio (66′ Giardi), Urbinati (66′ Mami).
A disp.: Mignani, Cerquetti, Francioni, Santoni, Sartori, Nucci.
All.: Omar Lepri

VIRTUS (4-1-3-2):
Passaniti; Battistini, Nodari, Giacomoni, Gori (86′ Sopranzi); Contadini (60′ A. Golinucci); Castiglioni (60′ Sabato), Ciacci (60′ Pirini), Buonocunto; Sorrentino (75′ Tadzhybayev), Angeli.
A disp.: Stimac, Albini.
All.: Luigi Bizzotto

Arbitro: Vandi
Assistenti: Battista – Bellavista
Quarto ufficiale: Tura
Ammoniti: Bernardi, Cangini, Giometti (vice all.) (F); Giacomoni, Nodari (V).
Angoli: 6-1
Recupero: 0′ pt, 2′ st

Di Marzio porta in vantaggio la Folgore, Sorrentino evita alla Virtus la sconfitta: termina con un pareggio per 1-1 la dodicesima giornata di campionato, decisa da due gol nel corso del primo tempo.

LA PARTITA Piscaglia e compagni scendono di nuovo in campo dopo il riposo osservato nel turno precedente, con l’obiettivo di ottenere il massimo dagli ultimi tre impegni ufficiali del 2022. Il primo tempo è decisamente di marca giallorossonera, visto l’elevato numero di azioni pericolose. Dopo la doppia occasione occorsa ad Urbinati (cross di Golinucci e poi assist di Di Marzio), si concretizza la giocata vincente di Di Marzio, abile a controllare bene il traversone teso di Sottile, aggiustare il pallone e insaccare eludendo la copertura di Passaniti. Il vantaggio non è certo casuale, visto che Cangini, Serafini e Urbinati sfiorano il raddoppio. Da segnalare in particolare l’intervento decisivo del portiere neroverde sul colpo di testa ravvicinato del numero 72. La quinta forza del campionato fa fatica ad organizzarsi, subendo l’iniziativa avversaria. Il raddoppio, peraltro meritato, non arriva e allora si materializza la doccia fredda sul lancio in mezzo di Buonocunto, sponda di Angeli per il pareggio di Sorrentino. Il primo lampo consente alla Virtus di giocare tutto il secondo tempo con il punteggio di parità, la gara però cala di intensità e diventa meno vivace. A parte il grande brivido per la chiusura in angolo di Sottile a rischio autorete dopo neanche venti secondi. Le sostituzioni da entrambe le parti non portano ad uno stravolgimento della situazione di equilibrio e allora Folgore e Virtus si accontentano e lasciano la nebbia di Montecchio – nel finale molto intensa – con un punto a testa. Che fa morale in vista del ritorno dei quarti di Coppa Titano di mercoledì sera contro il Murata.