Fermata venditrice abusiva di alcolici anche grazie a CDV

15

Le bottiglie nascoste in un trolley. Dopo la segnalazione del Controllo di Vicinato, la donna è stata intercettata, allontanata e sanzionata per 5mila euro dalla Polizia locale

polizia- municipaleMODENA – È stata la segnalazione fatta nei giorni scorsi dai cittadini del Controllo di Vicinato a mettere immediatamente in allerta gli agenti della Polizia locale che nel pomeriggio di martedì 10 novembre hanno notato una donna aggirarsi nella zona di Parco XXII Aprile con un trolley scuro e, attorno a lei, un gruppetto di persone.

Da alcuni giorni, infatti, i membri del gruppo del Controllo di Vicinato attivi nella zona di viale Gramsci avevano segnalato all’ispettore di zona la presenza di una donna che all’imbrunire era solita aggirarsi per il parco con un trolley da cui estraeva bevande alcoliche che vendeva sul posto.

Verso le 17 di martedì, durante uno dei controlli effettuati quotidianamente nella zona del parco e nelle aree circostanti, gli agenti della Zona 2 hanno proprio notato una persona e una situazione che sembrava corrispondere a quella segnalata, intervenendo immediatamente. La donna che, attorniata da un gruppo di persone, era intenta a vendere le bevande di superalcolici nascoste nel trolley scuro, è risultata essere una quarantenne di nazionalità ghanese, regolare sul territorio italiano, residente a Modena e con piccoli precedenti penali.

È stata quindi sanzionata in quanto effettuava la vendita di bevande su area pubblica priva di autorizzazione: le sono state elevate sanzioni per un ammontare di 5.164 euro e la merce in vendita è stata sequestrata; a suo carico è stato inoltre redatto un “mini daspo”, cioè un ordine di allontanamento dalla zona.

Sempre a seguito di una segnalazione giunta dal Controllo del Vicinato, gli agenti della stessa Zona 2, la scorsa settimana, hanno anche fermato e identificato in viale Gramsci un 26enne di nazionalità marocchina intento a fare uso di sostanza stupefacente. Anche in questo caso l’’intervento ha consentito di emettere a carico del giovane, regolare sul territorio e con piccoli precedenti penali, un provvedimento di allontanamento dalla zona come previsto dal Daspo urbano, oltre ad una sanzione di 150 euro.