Doppio appuntamento al cinema San Biagio con “La città che apprende” e “Cinema e famiglia”

Martedì 30 ottobre, ore 15.15 e 20.30, le proiezioni al Cinema San Biagio

CESENA – Martedì 30 ottobre doppio appuntamento al cinema San Biagio con le proiezioni di “La città che apprende” dedicate all’apprendimento permanente, e alla sera con “Cinema e famiglia”, i film dedicati alle famiglie di tutti i tipi e alla promozione della pratica dell’affido familiare.

Si parte alle 15.15 con la proiezione di “Belli di papà” di Guido Chiesa. Protagonista del film è l’ industriale di origini pugliesi Vincenzo (Diego Abatantuono) che, dopo aver raggiunto il successo a Milano, decide di far credere ai figli che l’azienda sia in fallimento per poi scappare in Puglia. All’improvviso, dalla vita agiata garantita dalle ricchezze del padre, i figli ventenni si ritrovano costretti a rimboccarsi le maniche e a lavorare. Guido Chiesa firma il remake del messicano Nosotros, los Nobles di Gary Alazraki, una commedia leggera dalla scrittura vivace in cui spicca l’interpretazione di Diego Abatantuono nel ruolo di padre.

Le proiezioni di “La città che apprende” sono curate dall’Associazione di Volontariato e Promozione Sociale Auser di Cesena.

Alle 20.30 sarà invece proiettato “Miracolo a Le Havre”, pellicola del 1993 del finlandese Aki Kaurismäki. Ambientato nella città portuale di Le Havre, la pellicola racconta la storia del vecchio lustrascarpe Marcel (André Wilms), che conduce una vita tranquilla, assieme alla moglie Arletty (Kati Outinen). La loro quotidianità sarà scossa dall’arrivo del giovane migrante africano Idrissa, in fuga dalla polizia. L’aiuto di Marcel e il sostegno della brava gente della città, saranno fondamentali perché Idrissa possa ricongiungersi con la sua famiglia dall’altra parte della Manica.

Come ha scritto lo storico di cinema Peter von Bagh, ex direttore della Cineteca Finlandese e del festival Il Cinema Ritrovato, “Miracolo a Le Havre è una favola, com’era ‘L’uomo senza passato,’ di nuovo nello spirito di Capra e De Sica e Renoir, lo spirito di una moralità che pare essere scomparsa dagli schermi. Altrettanto, le più profonde qualità del cinema francese classico, così a lungo perdute, riaffiorano inattese nello sguardo di un regista finlandese”.

Le proiezioni di “Cinema e famiglia” sono organizzate dalle associazioni Famiglie per l’accoglienza, Papa Giovanni XXIII, Adamantina, Consultorio per la famiglia Don A. Giorgini, Centro di aiuto alla vita, in collaborazione con Centro per le famiglie, Equipe affido del Comune di Cesena

L’ingresso è libero.