Data Center Modena, il 21 dicembre inaugurazione online

81

Previsto l’intervento in collegamento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Struttura tecnologica e innovativa realizzata nell’ambito del Progetto Periferie

MODENA – Lunedì 21 dicembre, a partire dalle 11, l’inaugurazione Data Center Modena innovation hub potrà essere seguita on line sul sito del Comune (www.comune,modena.it), sulla pagina facebook Città di Modena e sui siti internet di diverse testate giornalistiche. All’iniziativa parteciperanno in collegamento sia il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sia il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Il Data Center, infatti, sorge nella zona dell’ex Mercato bestiame ed è stato realizzato nell’ambito del “Progetto Periferie. Ri-generazione e innovazione” dell’area nord che ha ottenuto in finanziamento complessivo di 18 milioni di euro dalla Presidenza del Consiglio e la struttura che viene inaugurata entra nella rete regionale dei Data Center.

Dopo il taglio del nastro del nuovo edificio, sono previsti gli interventi del sindaco Gian Carlo Muzzarelli, del rettore di Unimore Carlo Adolfo Porro, del presidente di Lepida Alfredo Peri.

La struttura, che sarà gestita da Lepida spa ed è stata sviluppata in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, ha l’obiettivo di consolidare e rendere più efficiente l’Ict a livello locale, andando a sostituire progressivamente i Ced della pubblica amministrazione, migliorandone qualità e sicurezza. Ma i suoi servizi sanno disponibili anche per le imprese private.

L’edificio, ad alta sostenibilità ed efficienza energetica, costruito con tecnologie all’avanguardia per la potenza di carico elettrico e computazionale, infrastrutture in fibra ottica e i controlli di sicurezza, deve garantire anche funzioni di “disaster recovery” ed è stato realizzato da CambiaMo spa, la società di trasformazione urbana a cui il Comune ha affidato tutti gli interventi pubblici del Progetto Periferie.

Il Data Center sarà anche il punto di riferimento per la ricerca sia nel campo della sicurezza informatica, con la sede della Cyber Security Academy, sia per ciò che riguarda l’Automotive, con il programma Masa (Modena automotive smart area), mentre Lepida, mediante manifestazione pubblica di interesse, selezionerà eventuali operatori privati e, con la collaborazione di Fondazione Democenter, raccoglierà anche le esigenze del sistema produttivo locale.