Dal 31 agosto distribuzione della Carta Smeraldo nel Quartiere Santo Stefano (fuori porta)

54

RiminiDal 12 ottobre i primi cassonetti per la raccolta indifferenziata

BOLOGNA – Lunedì 31 agosto 2020 inizia la distribuzione della Carta Smeraldo ai circa 48.500 tra cittadini e attività dell’area fuori dal centro storico del quartiere Santo Stefano: una cinquantina di tutor di Hera si recheranno a casa di tutti gli intestatari della Tari per consegnare a ciascuno due copie della tessera che servirà ad aprire il cassonetto della raccolta indifferenziata. I cassonetti, in tutto 730, saranno collocati progressivamente a partire dal 12 ottobre 2020. Il nuovo cassonetto è costituito da un cassetto da 30 litri che si apre automaticamente avvicinando la Carta Smeraldo al lettore ottico. Una volta inserito il sacchetto di rifiuti indifferenziati, basta schiacciare il pedale per richiudere il cassetto. Grazie alla tessera che apre e al pedale che chiude, non è necessario toccare mai il cassonetto.

Oltre che con la Carta Smeraldo, il cassonetto si potrà aprire anche con lo smartphone (Android) utilizzando l’app gratuita Il Rifiutologo.

Tutte le informazioni sulla consegna della Carta Smeraldo sono contenute in una lettera che verrà recapitata a tutti i residenti del quartiere Santo Stefano (fuori porta) a partire dal 24 agosto.

Dopo il Savena e il centro storico, è la volta del quartiere Santo Stefano al quale seguirà il territorio fuori dal centro storico del quartiere Porto-Saragozza: qui in ottobre comincerà la distribuzione della Carta Smeraldo, mentre i nuovi cassonetti saranno collocati a fine novembre.

La Carta Smeraldo sarà consegnata progressivamente a tutti gli intestatari della Tari del Comune di Bologna: al momento serve solo per aprire il cassonetto dell’indifferenziata e non comporta alcuna variazione della Tari. In futuro, come previsto dalla legge regionale, permetterà di calcolare la Tari anche sulla base della reale produzione di rifiuti indifferenziati, garantendo così maggiore equità. L’obiettivo è aumentare la raccolta differenziata, ridurre i rifiuti e salvaguardare l’ambiente.

La Carta Smeraldo al Santo Stefano: la consegna

Il 31 agosto 2020 comincia la consegna a domicilio della Carta Smeraldo ai 44.000 utenti domestici e 4.500 utenti non domestici del quartiere Santo Stefano fuori porta. Hera mette in campo 50 tutor che portano a domicilio la tessera (saranno consegnate due tessere a ogni intestatario della Tari) il codice per l’app e l’opuscolo informativo. Gli informatori hanno il tesserino nominativo, la pettorina gialla e non chiedono mai né di entrare in casa né denaro (la tessera è gratuita).

Per sapere se chi suona alla porta è davvero una persona incaricata da Hera basta chiamare il Servizio Clienti Hera al numero verde gratuito 800 999 500 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18).

Gli informatori passano tre volte in orari diversi e, se non trovano nessuno, al terzo passaggio a vuoto lasciano nella buchetta della posta un avviso con la modalità alternativa di ritiro della card: ci si deve recare all’Ecosportello che sarà aperto dal 12 ottobre al 21 novembre 2020 all’URP del Quartiere Santo Stefano, in via Santo Stefano 119.

Deleghe per il ritiro della Carta Smeraldo

La Carta Smeraldo può essere consegnata solo all’intestatario della Tari oppure a un familiare o convivente residente nella stessa abitazione. È possibile però delegare un’altra persona a ritirarla sia al momento dell’arrivo dell’informatore a casa, sia in un secondo momento all’Ecosportello. Per questo dal 24 agosto, ai circa 48.000 utenti domestici e non domestici del S.Stefano, viene distribuita una lettera con le informazioni principali sulla consegna della Carta Smeraldo e i moduli per il ritiro da parte di familiari e residenti conviventi oppure persone diverse, per esempio un vicino di casa.

La Carta Smeraldo virtuale

Dal 20 dicembre 2019 è possibile aprire il nuovo cassonetto semplicemente utilizzando il proprio smartphone. La Carta Smeraldo virtuale, che va attivata attraverso l’app Il Rifiutologo, è disponibile per ora sugli smartphone con Android (versione 4.4 o superiore). Una volta attivata la carta virtuale, sarà possibile aprire il cassonetto avvicinando lo smartphone all’area dove normalmente viene messa la tessera fisica, senza bisogno di aprire l’app.

Nuovo servizio raccolta piccoli ingombranti anche al Santo Stefano

Insieme ai primi cassonetti, i cittadini potranno portare i piccoli rifiuti ingombranti e piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) in due punti diversi del quartiere.
Il mezzo di raccolta di questi materiali sarà a disposizione

  • ai Giardini Margherita (ingresso via Castiglione/via dei Sabbioni) il mercoledì dalle 9 alle 13, dal 7 ottobre 2020;
  • in Largo Lercaro il venerdì dalle 15 alle 19, dal 9 ottobre 2020.

La raccolta differenziata

Negli ultimi due anni la raccolta differenziata in città è aumentata di 5 punti percentuali. A giugno 2020 nel centro storico si è raggiunto il 72,6% di raccolta differenziata e al quartiere Savena il 76,4%. La legge regionale fissa al 70% l’obiettivo di raccolta differenziata per il Comune di Bologna nel 2020. Grazie al corretto conferimento da parte dei cittadini, la qualità dei rifiuti differenziati è ottima: 94% per il rifiuto organico, 95% per vetro e lattine, oltre il 96% per carta e cartone, oltre il 92% per gli imballaggi in plastica.

Comune e Hera contro gli abbandoni

Prosegue il contrasto all’abbandono dei rifiuti, sanzionabile per legge e degradante per l’ambiente circostante. Nel 2019 le Guardie Ecologiche Volontarie, le Guardie Ambientali Metropolitane, gli Agenti Accertatori e la Polizia Locale hanno elevato in tutta la città oltre mille verbali. Chi abbandona i rifiuti su suolo pubblico e chi li conferisce in maniera errata rischia una sanzione da 100 a 300 euro.
Il fenomeno incivile dell’abbandono si contrasta anche con il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti, garantito da Hera, che ritira gratuitamente a domicilio per le utenze domestiche i rifiuti che non possono essere facilmente trasportati alle stazioni ecologiche (per esempio mobili, sedie, poltrone, materassi, reti, tavoli, lavatrici, lavastoviglie, forni, frigoriferi).
Per prenotare il ritiro basta chiamare il numero verde gratuito del Servizio Clienti Hera (800 999 500) e fissare l’appuntamento.