Coronavirus, sport: 500.000 euro per associazioni e società sportive dilettantistiche

49

Uscito l’avviso pubblico

BOLOGNA – La Giunta, su proposta dell’assessore allo Sport Matteo Lepore, ha approvato un avviso pubblico per sostenere le associazioni e le società sportive dilettantistiche a sostegno delle attività svolta e delle spese sostenute a seguito dell’emergenza Covid-19, stanziando 500.000 euro. Si tratta delle risorse finanziarie rese disponibili dalla Regione Emilia-Romagna, a seguito dell’approvazione della graduatoria degli aventi diritto ai contributi “voucher sport” (200.000 euro) e l’integrazione, da parte del Comune di Bologna, di ulteriori 300.000 euro. Le decisione di stanziare risorse a sostegno della pratica sportiva è contenuta in una delibera approvata nell’ultima seduta dalla Giunta guidata da Virginio Merola, su proposta dell’assessore allo sport Matteo Lepore.

“Questo avviso pubblico è un sostegno concreto che abbiamo messo in campo in favore del tessuto sportivo bolognese – afferma l’assessore Lepore –. Con Anci, Regione, enti di promozione sportiva e società sportive ci siamo confrontati a lungo per capire come sostenere al meglio il mondo sportivo della città. Ai 500.000 euro messi in campo oggi si sommano i provvedimenti che abbiamo approvato nelle settimane scorse”.

Possono accedere all’avviso associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte al Coni e con sede legale a Bologna, oppure che svolgono attività sul territorio del comune di Bologna, per le attività sportive realizzate o avviate nella stagione sportiva 2020/21. L’erogazione dei contributi andrà a quei soggetti che si sono impegnati sia per l’avviamento di attività sportive, sia per l’acquisto di dispositivi di sicurezza personale, prodotti, strumenti e attrezzature e/o servizi, per il contenimento della pandemia, finalizzati allo svolgimento di corsi, attività e campionati sportivi nel territorio comunale di Bologna nella stagione sportiva 2020/21.

Le domande di contributo possono essere presentate dal 14 dicembre 2020, fino alle ore 12 del 21 dicembre 2020.

Il Comune di Bologna ha già prorogato al 31 marzo 2021 la sospensione dei pagamenti da parte delle società sportive che gestiscono le palestre scolastiche, rispetto alle attività della stagione 2019 fino a inizio 2020 (ossia fino allo stop imposto il 17 febbraio 2020). A questo si aggiunge lo stop al pagamento delle medesime quote di contribuzione da parte dei gestori delle palestre scolastiche dall’inizio delle attività (settembre 2020) fino al 31 dicembre 2020. I gestori degli impianti sportivi pubblici inoltre continueranno a ricevere fino al 31 gennaio 2021, termine vigente dello stato di emergenza sanitaria, i loro corrispettivi dal Comune. L’ultimo provvedimento in ordine di tempo sono i voucher sport erogati alle famiglie che rientrano in fasce di reddito medio-basse e che hanno sostenuto le spese per l’iscrizione dei propri figli a corsi, attività e campionati sportivi, scongiurando così in questo periodo di emergenza sanitaria l’abbandono della pratica motoria e sportiva dei minori che rientrano nella fascia di età compresa tra i 6 e i 16 anni e dei giovani con disabilità che rientrano nella fascia di età compresa fra i 6 e i 26 anni.