Comuni Ricicloni, anche a Ferrara i libretti di educazione ambientale per i ragazzi

33

Balboni: “Distribuiremo materiale in scuole primarie comunali.” L’ass. Kusiak: “Ulteriore strumento per didattica sulla tutela”

FERRARA – Sono 250 i libretti dedicati all’educazione ambientale per i ragazzi sul tema del riuso e del riciclo della plastica ricevuti oggi (venerdì 29 gennaio 2021) dall’assessore all’Ambiente Alessandro Balboni, come riconoscimento per il risultato raggiunto nell’anno appena concluso dall’amministrazione comunale di Ferrara nell’ambito della premiazione dei “Comuni Ricicloni” della regione fatta da Legambiente. La realizzazione dei piccoli volumi e la consegna sono opera dell’azienda lombarda IdeaPlast, specializzata nella produzione di oggetti con plastica riciclata.

“Distribuiremo i libretti di educazione ambientale nelle scuole primarie comunali – dice l’assessore Balboni – e ringraziamo questa azienda, che è partner di Legambiente, per il contributo a diffondere una cultura di sensibilità e attenzione per il conferimento differenziato dei rifiuti. L’obiettivo è quello di favorire sempre più il riutilizzo dei materiali di scarto per una riduzione della produzione di nuova plastica”.

Un’occasione utile anche per l’assessore alla Pubblica istruzione Dorota Kusiak, che commenta: “L’educazione ambientale è lo strumento che promuove, sin dall’infanzia, il rispetto dell’ambiente che ci circonda. Sensibilizzare i bambini ad acquisire e sviluppare un atteggiamento di responsabilità e di rispetto verso l’ambiente naturale significa renderli consapevoli del suo valore e dell’importanza di recupero e di riciclo, soprattutto nel momento attuale che rende ancora più urgente adottare un atteggiamento di tutela del mondo e delle sue risorse. Il libretto donato dall’azienda, che ringraziamo, andrà ad arricchire gli strumenti utilizzati nell’educazione ambientale dei giovani ferraresi”.

Nella classifica dei “Comuni Ricicloni”, stilata da Legambiente alla fine di novembre 2020, Ferrara è risultata prima in classifica per la raccolta differenziata tra i comuni capoluogo con l’82,1% di materiali conferiti negli appositi cassonetti e 110,2 chilogrammi per abitante all’anno di rifiuti avviati a smaltimento, ricevendo anche una menzione speciale sugli acquisti verdi effettuati.