Cesenati fan delle api

21

Raccolti i risultati del questionario BeePathNet lanciato nel mese di aprile

CESENA – Per i cesenati le api svolgono un ruolo importante nella conservazione della biodiversità in città. È questo in sintesi il risultato del questionario lanciato lo scorso aprile dal Comune e a cui hanno risposto 430 persone. Promosso con lo scopo di conoscere meglio il mondo delle api che hanno trovato in Cesena una città amica e per sondare la percezione e il grado di conoscenza dei cesenati nei confronti degli insetti impollinatori, delle pratiche di apicoltura e dei prodotti dell’alveare, il questionario sarà nuovamente disponibile sui canali di comunicazione dell’Ente fino a lunedì 14 dicembre per tutti coloro che vorrebbero dare il proprio contributo e per valutare se e quanto le azioni svolte sono riuscite ad aumentare il livello di conoscenza dei cittadini sui temi del progetto BeePathNet. Ma se da un lato il riscontro è positivo, dall’altro non mancano i suggerimenti e le proposte per rendere Cesena ancora di più “amica delle api”. Creare un ambiente favorevole, istituire piccole zone in prossimità di spazi verdi dove le api possano vivere e proliferare, maggiore attenzione e cura dei parchi, valorizzare la produzione locale di miele, piantare fiori e colture a loro favorevoli e avviare una campagna informativa nelle scuole. Sono queste le proposte pervenute dai cittadini e prese in considerazione dall’Amministrazione comunale.

“Questo primo round – commenta l’Assessora alla Sostenibilità ambientale Francesca Lucchi – ci consente di arricchire ulteriormente il percorso BeepathNet avviato anni fa con l’obiettivo di creare una rete europea di città amiche delle api, che possano riconoscere il valore del ruolo degli impollinatori nel rispetto della biodiversità e come strumento utile all’agricoltura e al benessere delle persone. Cesena, come le altre città europee partner del progetto finanziato nell’ambito del programma URBACT III, sta lavorando a tutta una serie di azioni a favore delle api e degli impollinatori insieme ai cittadini e ai soggetti che hanno mostrato interesse su questo tema. Alcune delle azioni già messe in campo riguardano uno sfalcio ridotto in alcune aree verdi della città per permettere alle api di impollinare durante il periodo primaverile ed estivo, altre invece riguardano la creazione di laboratori nelle scuole materne e primarie per far conoscere ai nostri studenti il mondo delle api. Sono state inoltre organizzate iniziative ed eventi in occasione del World Bee Day celebrato dalla città sia quest’anno, in modalità online, che lo scorso anno, in presenza. A tal proposito, così come condiviso dai cittadini che hanno risposto al questionario, è quanto mai fondamentale creare un ambiente più accogliente, rendendo i nostri parchi luoghi per tutti gli insetti, e offrire loro un riparo sicuro”.

Questo secondo round di questionari servirà ad effettuare una comparazione utile ai fini del progetto per valutare l’impatto sui cittadini delle azioni di sensibilizzazione e comunicazione fatte nell’ambito di BeePathNet ed è pensato per raccogliere le risposte anonime dei cittadini prima e dopo le azioni. Per questa ragione i cittadini di Cesena e delle zone limitrofe sono invitati a partecipare al questionario che sarà attivo da oggi al link (https://zavita.si/anketa/a/43?language=8), per questa seconda fase fino al 14 dicembre 2020. Ovviamente maggiore sarà il numero di partecipanti al sondaggio maggiore sarà l’attendibilità statistica dei risultati. Principalmente si richiede di compilarlo a chi l’ha già compilato, per fare la comparazione, ma sono ben accette anche le prime compilazioni, perché forniscono dati in più utili ai fini del progetto