Bertinoro, la musica Barocca dell’orchestra italiana

19

Venerdì 24 luglio alle ore 21.30 nel Duomo

BERTINORO (FC) – Prosegue l’edizione 2020 di Entroterre Festival, che questo weekend propone diversi concerti e nomi d’eccezione nel panorama musicale. La manifestazione dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, che dal 18 luglio al 19 settembre, in Emilia-Romagna, porta in scena oltre 70 eventi con l’obiettivo di fare cultura e a valorizzare il territorio, torna venerdì 24, alle 21.30 nel Duomo di Bertinoro (FC) con l’ensemble specializzato in musica barocca, Concerto Italiano.

Concerto Italiano, sotto la guida del direttore e fondatore Rinaldo Alessandrini, darà vita ad una serata dal titolo Stylus Phantasticus: un viaggio musicale tra le note sei e settecentesche di compositori quali Archangelo Corelli, Niccolò Porpora, Antonio Vivaldi, Marco Uccellini, Tarquinio Merula, Francesco Rognoni, Andrea Falconieri e Giuseppe Jacchini.

L’ensemble Concerto Italiano, che svolge un’intensa attività concertistica sia in Italia che all’estero e le cui registrazioni sono state indicate in molti casi come versioni di riferimento dalla critica internazionale, sarà formato per l’occasione da Boris Begelman e Andrea Rognoni, violini, Ludovico Minasi, al violoncello, e Rinaldo Alessandrini al clavicembalo. Tornerà protagonista, sempre a Bertinoro, anche il 29 luglio con un concerto interamente dedicato a J. S. Bach.

Per info e biglietti:

tel. 0522.304.490

info@entroterrefestival.it

biglietteria@entroterrefestival.it

PROGRAMMA

Stylus Phantasticus

Marco Uccellini
Bergamasca a due violini (Sonate, op.3, 1642)

Francesco Rognoni
“Vestiva i colli” del Palestrina a violino solo (Selva de varii passaggi, 1620)

Tarquinio Merula
“Ciaccona” a due violini e basso (Canzoni op.12, 1637)

Marco Uccellini
Sonata quarta “La Hortensia virtuosa” a violino solo (Sonate op.4, 1645)

Tarquinio Merula
“La strada” a due violini e basso (Canzoni op.12, 1637)

Andrea Falconieri
Sonata “L’eroica” (Canzoni, libro primo, 1650)

Arcangelo Corelli
Sonata terza per due violini e violoncello in la maggiore (Sonate a tre op.1, 1681)

Giuseppe Jacchini
Sonata nona per violoncello (Concerti da camera op.3, 1697)

Niccolò Porpora
Sonata quinta per due violini e continuo in mi minore (Sinfonia da camera op.2, 1736)

Antonio Vivaldi
Sonata per due violini e continuo in do maggiore RV 60

BIOGRAFIA

Rinaldo Alessandrini. Inizia lo studio del pianoforte all’età di quattordici anni. Contemporaneamente si impiega a cantare in un coro. A diciotto anni scopre il clavicembalo e decide di dedicarsi completamente a questo strumento. Incontra quindi Ton Koopman, presso il Conservatorio “Sweelinck” a Amsterdam e ne riceve da parte alcuni preziosi consigli e stimoli, iniziando contemporaneamente una serrata attività concertistica. Fonda nel 1984 il gruppo vocale-strumentale Concerto Italiano, dedicandosi via via alla musica madrigalistica e in seguito a quello strumentale e orchestrale. Il complesso è specializzato nell’esecuzione della musica che va da XV al XVIII secolo. Negli ultimi anni si è dedicato alla direzione d’orchestra, privilegiando il repertorio di fine settecento e inizio ottocento, consolidando alcune collaborazioni continuative con il Teatro dell’Opera di Oslo, la Filarmonica Toscanini, l’orchestra del Capitole di Toulouse, e dirigendo alcune tra le migliori orchestre con strumenti d’epoca in Europa e negli USA. Alcune registrazioni di Concerto Italiano sono state indicate come versioni di riferimento dalla critica internazionale (Le quattro stagioni di A. Vivaldi e i Concerti brandeburghesi di J. S. Bach). Nel 2003 dirige i Vespri solenni per la festa dell’Assunzione di Antonio Vivaldi con Gemma Bertagnolli, Roberta Invernizzi e Sara Mingardo nella Chiesa della Santissima Annunziata (Siena). Tra gli anni 2009 e 2015 ha realizzato la trilogia monteverdiana presso il Teatro alla Scala con Robert Wilson (regista). Ha edito per Barenreiter le partiture dell’Orfeo e del Ritorno d’Ulisse in patria di Claudio Monteverdi. Nel 2013 dirige Euridice (Caccini) a Innsbruck ed Orfeo ed Euridice (Gluck) a Oslo. Nel 2014 dirige L’incoronazione di Poppea all’Opéra national de Paris. Nel 2015 dirige L’incoronazione di Poppea presso il Teatro alla Scala di Milano, il Don Giovanni (opera) presso l’opera di Bergen, il Giulio Cesare, presso l’opera di Toulon, La finta semplice di Mozart con l’orchestra della Radio di Monaco di Baviera, l’Isola disabitata di Jommelli presso il Teatro San Carlo di Napoli, l’Orlando (opera) presso la Welsh National Opera.

www.entroterrefestival.it