“Avanti, c’è spazio”, venerdì 9 e sabato 10 luglio due nuovi incontri con i cittadini (FOTO)

5

Assessora Mazzoni: “Importante la partecipazione dei cesenati che nel corso dei primi due appuntamenti hanno condiviso idee interessanti”

CESENA – Continuano le attività di “Avanti, c’è spazio!”, il progetto del Comune di Cesena dedicato al coinvolgimento dei cittadini in un percorso avviato per immaginare insieme nuovi usi temporanei degli spazi della Portaccia di Sant’Agostino e dell’ex scuola elementare di Diegaro. Dopo gli incontri dello scorso fine settimana incentrati sul centro storico cittadino e sulla Portaccia, venerdì 9 e sabato 10 luglio secondo doppio appuntamento pubblico per conoscere le esigenze e le potenzialità della frazione di Diegaro.

Venerdì 9 luglio, dalle 18.30 alle 20, all’ex scuola elementare di Diegaro, in Via Canapino 771, si terrà una tavola rotonda per raccogliere informazioni fondamentali, peculiarità e caratteristiche della frazione di Diegaro. Sabato 10 luglio invece, dalle 9 alle 12, alla sede del Quartiere Oltre Savio, Piazza Anna Magnani 143, avrà luogo una mattinata di formazione dal titolo “Gli usi temporanei nel processo di rigenerazione”. Saranno presenti Maria Cristina Garavelli (Officina Meme, Ravenna), Nico Cattapan (esperto in processi di co-progettazione) e Werther Albertazzi (Planimetrie Culturali).

“Visitare insieme ai cittadini i luoghi posti al centro di questo percorso di rigenerazione – commenta l’Assessora alla Programmazione urbanistica Cristina Mazzoni – è importante tanto in un’ottica di riorganizzazione futura degli spazi, quanto guardando al loro passato e alla centralità da questi assunta per la comunità cesenate. Il sopralluogo effettuato nel corso della prima giornata ha riscosso molta curiosità grazie alla nutrita partecipazione dei tanti cittadini che hanno visitato la Portaccia di Sant’Agostino. Accedendo agli spazi oggetto del percorso, i cesenati hanno condiviso non poche idee relative all’uso futuro degli ambienti, a beneficio delle persone e delle famiglie che frequentano il centro storico, soprattutto in riferimento ai più giovani, che potrebbero diventare i veri protagonisti di questi luoghi, e alle iniziative promosse dagli artisti locali. Inoltre, particolare attenzione è stato riservato al rapporto dello spazio con l’acqua e con le opere di risanamento del canale Cesuola. Nel corso del secondo appuntamento invece è stata avviata la formazione a partire da alcune buone pratiche. I cittadini presenti hanno interagito rivolgendo domande sui modelli di gestione, in particolare sul tema della sostenibilità economica dei soggetti gestori. Questi incontri – prosegue l’Assessora – rappresentano un’occasione preziosa non solo per conoscere direttamente delle buone pratiche sugli usi temporanei, ma anche per chiedere ai diretti interessati, attivatori e associazioni, quali siano le principali sfide e complessità nella riattivazione condivisa degli immobili”.

Avanti c’è spazio! È un progetto promosso dal Comune di Cesena, Co-finanziato da Settore Partecipazione Regione Emilia Romagna (L.R. sulla partecipazione n. 15/2018). Il progetto è stato avviato per fornire una risposta concreta a diverse sollecitazioni, bisogni e proposte emerse nell’ambito dei processi partecipativi legati al Piano Urbanistico Generale e alla valorizzazione del Centro Storico. Con “Avanti, c’è spazio!” il Comune mette a disposizione due immobili di sua proprietà per sperimentare pratiche innovative di riuso temporaneo fondate sulla collaborazione attiva delle comunità locali e delle organizzazioni territoriali. Il progetto, che si avvale del supporto tecnico di KCity srl, società milanese specializzata nell’ideazione, gestione e sviluppo di progetti e processi di rigenerazione urbana e di Planimetrie Culturali, associazione bolognese esperta nel campo della riattivazione culturale di spazi e immobili dismessi, prevede – nei prossimi giorni – la pubblicazione di una Manifestazione di interesse finalizzata a raccogliere idee e proposte per la ri-funzionalizzazione temporanea dell’ex scuola elementare di Diegaro e della Portaccia di Sant’Agostino.