Armonici Cantori Solandri in concerto il 4 e 5 settembre a Dozza

10
Armonici Cantori Solandri

DOZZA (BO) – Sabato 4 e domenica 5 settembre ( ore 17 – Parco della Rocca a Dozza) direttamente dal Trentino, ospiti di In mezzo scorre il Fiume, percorsi fra musica e natura,- il festival diretto da Luisa Cottifogli, che vuole creare uno stretto dialogo tra musica, arte e natura in luoghi splendidi dell’Appennino tosco-romagnolo-gli Armonici Cantori Solandri, un quartetto alpino di voci maschili che propone un repertorio a cappella, formato da Fausto Ceschi, Gianni Penasa, Danilo Bertolini e Roberto Dell’Eva.

La musica degli Armonici Cantori Solandri, una musica semplice, ma diretta al cuore, unita a parole profonde, è un vero e proprio arsenale identitario per ciò che è diventato un mito: quello degli Alpini che seppero “musicare” l’eredità di chi visse, soffrì e perse la vita durante la Grande Guerra

Il pomeriggio di sabato 4 comincia alle 14.30 con l’escursione lungo la Strada dei vini, a partire dalla piazza antistante la Rocca di Dozza. Lungo il percorso attraverso i vigneti si fa tappa al Podere Gandolfi dove da anni viene praticata la lotta integrata con l’uso di presidi non nocivi, concimazioni organiche e prato stabile. Pratiche agronomiche che fanno di questo podere un giardino di campagna nel quale si svolge anche un percorso naturalistico tra le vigne, l’orto di erbe officinali, i boschi di querce, il lago di acqua sorgiva e le piante dei frutti dimenticati. In questo luogo, aiutati da un bicchiere di vino, i partecipanti possono avere un primo ispirato assaggio dell’arte canora dei cantori della Val di Sole. Per poi concludere con un’ulteriore performance al termine dell’escursione.

Domenica 5 settembre a Sassoleone, alle 10.15, sempre gli Armonici Cantori Solandri sono i protagonisti della Messa Cantata presso la Chiesa Arcipretale di San Prospero (via Martiri della Rappresaglia), celebrante don Angelo Figna. Alla Messa segue un breve concerto di brani provenienti dalla tradizione alpina e dalla tradizione popolare di altri paesi.

A seguire, presso il ristorante Aurora (Piazza del Leone) si può prenotare un pranzo a tema Dalle Alpi agli Appennini (tel. 380.5812656).

I cantori sono i depositari della musica sacra della val di Sole e della Val di Non, avendo raccolto negli anni un repertorio sacro di migliaia di antichi brani tradizionali e moltissimi appartenenti al “cecilianesimo”, diffuso in Trentino dal XIX secolo. Hanno portato la loro arte e la loro tradizione in vari importanti festival italiani quali Ravenna Festival, Sentieri Acustici (Pistoia), Trento Film Festival.

“Il festival” – precisa la direttrice artistica Luisa Cottifogli“propone degli incontri che intendono riporta-re la musica nella Natura, riportarla alle sue origini. Non si tratta infatti solo di concerti così come siamo abituati a vederli e ad ascoltarli, ma anche di percorsi lungo i quali si incontrano artisti che suonano e cantano. Ciascun artista è libero di ispirarsi al luogo in cui si esibisce, mettendosi in sintonia coi suoni e lo spirito del luogo stesso. E’ un modo di intendere la musica molto antico, ancestrale e straniante rispetto alle continue sollecitazioni sonore cui siamo quotidianamente esposti con l’intenso inquinamento acustico nel quale viviamo. Gli ascoltatori vengono invitati ad immergersi in un silenzio meditativo dal quale sgorgano i suoni dei luoghi, degli strumenti, delle voci dei musicisti per entrare in sé: dal silenzio al suono. Un ritorno alle origini e al sé, riassaporando il gusto della bellezza del territorio e della musica che di lì ha origine…..I turi-sti che invitiamo a raggiungerci su Sillaro e Santerno e territori limitrofi sono quelli che amano scoprire i luoghi in punta di piedi, lontano dalle strade più frequentate e conosciute, quelli che si incantano di fronte alla bellezza dei luoghi, che ascoltano il silenzio, i suoni della natura, che sono pronti a stupirsi di fronte alla musica di un artista che incontrano lungo il cammino o ad un concerto che raramente potranno ascoltare altrove così in stretta simbiosi con i suoni dell’ambiente circostante e con lo spiritus loci al quale gli artisti sono chiamati ad ispirarsi”.

In mezzo scorre il Fiume è inserito all’interno della programmazione di Bologna Estate, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.

In collaborazione con: Città Metropolitana di Bologna, Proloco di Sassoleone, Comune e Proloco di Castel San Pietro Terme, Combo Jazz Club di Imola, Locanda Ostello La Casa del Fiume, Comune e Proloco di Castel del Rio, Ecosiste-ma, Comune di Mordano, Proloco e Scuola di Musica di Mordano, Comune di Dozza, Corpo Guardie Ambientali Me-tropolitane (CGAM), Casa Vacanze Pieve di Camaggiore (Coniale), CONAPI, Giaz cafè Castel S. Pietro T., Don An-gelo Figna, Don Aldo Menichetti, Allianz Imola, Agriturismo Ca’ Monti Fontanelice, Rassegna “Musiche in Decanto”, Ente Parchi e Biodiversità Romagna, Vivere sostenibile (media partner), Panda Imola, IF (Imola Faenza Tourism Com-pany), Centro Le Selve Castel del Rio, Ristorante Aurora Sassoleone.

Per info e prenotazioni:

Tutti gli eventi sono gratuiti, tranne i workshop

inmezzoscorreilfiume2020@gmail.com
340-0660043 (NO MESSAGGI)

Per il programma cliccare qui: https://www.luisacottifogli.com

 

Castel S. Pietro Terme- Dozza-Casalfiumanese-Mordano-Borgo Tossignano-Fontanelice-Castel del Rio- Firenzuola

30 luglio- 12 settembre 2021

IN MEZZO SCORRE IL FIUME

percorsi fra musica e natura

Sabato 4 e Domenica 5 settembre 2021 – luoghi vari

Armonici Cantori Solandri

in concerto

ingresso gratuito