Antoniano e Alce Nero insieme per un Natale “Buono come il pane”

28

Dall’inizio della pandemia il numero delle persone servite è cresciuto del 15%. Un progetto per sostenere la mensa e i suoi ospiti

BOLOGNA – Un cofanetto gastronomico per festeggiare il Natale riscoprendo la qualità del cibo fatto in casa e donando un pasto caldo a chi vive in povertà, soprattutto ora che l’emergenza sanitaria ha fatto aumentare le difficoltà. Antoniano e l’azienda specializzata in prodotti biologici Alce Nero lanciano il dono solidale “Buono come il pane”: una speciale confezione regalo che include un pacco di farina di grano duro Cappelli biologica e dieci ricette per riscoprire il piacere di preparare il pane firmate dai celebri chef e pasticcieri Matteo Aloe, Giuseppe Boccuzzi, Matteo Calzolari, Gino Fabbri e Simone Salvini.

Il regalo solidale può essere prenotato sia dalle aziende, come speciale dono benefico per i propri clienti, dipendenti e fornitori, sia dai singoli cittadini. In particolare, le aziende possono prenotare il cofanetto inviando una mail all’indirizzo impresasolidale@antoniano.it, mentre i singoli cittadini potranno richiedere il regalo solidale attraverso il sito internet di Alce Nero a partire dalla seconda settimana di novembre.

Il ricavato sarà destinato ai progetti di Antoniano in favore dei più fragili e, in particolare, alle famiglie in difficoltà di cui Antoniano si prende cura, ai bambini con fragilità seguiti dal centro terapeutico Antoniano Insieme e alla mensa francescana “Padre Ernesto” di Bologna, che, in questo periodo di emergenza Covid-19 ha dovuto fronteggiare un importante aumento delle richieste di aiuto. Le persone servite ogni giorno dalla mensa sono infatti passate dalle 130 prima dell’epidemia alle 150 attuali, con una crescita del 15% che testimonia quanto l’emergenza sanitaria stia avendo ripercussioni importanti sulle persone più in difficoltà.

Antoniano e Alce Nero collaborano da anni per progetti finalizzati al sostegno di chi vive in condizioni di povertà e di disagio e, in questo periodo così difficile, hanno attivato nuove iniziative per intensificare il sostegno nei confronti dei più fragili. Alce Nero, in particolare, ha aderito al “Fondo Emergenza” attivato da Antoniano per fronteggiare l’aumento delle richieste di aiuto e donato prodotti alimentari alle famiglie in difficoltà seguite dalla realtà francescana.

REGALO SOLIDALE ANTONIANO E ALCE NERO
“Buono come il pane”
Donazione minima 6 € cad.

In occasione del Natale e a conclusione di un anno senza precedenti, Antoniano e Alce Nero realizzano un prodotto semplice e di alto valore simbolico per sostenere chi vive in povertà ed emarginazione.

La qualità e il valore dei prodotti Alce Nero diventano dono con una confezione regalo composta da:

– Cofanetto natalizio in edizione limitata, firmato da Alce Nero e Antoniano
– 1 pacco di farina di grano duro Cappelli biologico Alce Nero (500 gr)
– Ricettario frutto dell’esperienza e dell’arte culinaria di grandi Chef e Pasticceri che negli anni hanno collaborato alla Scuola del Pane di Antoniano e Alce Nero, tra cui Matteo Aloe, Simone Salvini, Matteo Calzolari, Gino Fabbri e Giuseppe Boccuzzi

Per informazioni e prenotazioni:
silvia.liciardi@antoniano.it 051-3940285 – per le aziende; sul sito alcenero.com – per i singoli cittadini

ANTONIANO. L’Antoniano è un luogo dove si vive concretamente la solidarietà e dove le iniziative culturali, l’intrattenimento e la comunicazione sociale vengono declinati secondo i valori francescani, riprendendo, rinnovando e alimentando lo spirito francescano e mettendolo al servizio dei più deboli e del mondo dell’infanzia. Nasce dal sogno di un giovane francescano – Padre Ernesto – in un lager della Seconda guerra mondiale: “servire i poveri come in un ristorante” e mettere a frutto il talento dei giovani. Nasce da una promessa per l’avvenire da nutrire con tenacia e realizzare con perseveranza. La prima pietra dell’Antoniano di Bologna è stata posata nel 1953, quando i frati minori del Convento di Sant’Antonio di Bologna hanno posto le basi per una sfida importante: portare l’esperienza quotidiana e concreta del Vangelo in mezzo alla gente sull’esempio di San Francesco d’Assisi. Le iniziative originarie – la mensa per i poveri, l’Accademia d’Arte Drammatica, il cinema-teatro – negli anni Sessanta sono state affiancate da attività del tutto inedite: le produzioni televisive e discografiche. Tra queste, lo Zecchino d’Oro destinato a diventare un attesissimo appuntamento annuale, una chiave dell’immaginario, un tassello importante nella storia della televisione italiana. Nel corso degli anni sono nate nuove realtà, come Antoniano-Insieme per i bambini disabili, e sono stati attivati nuovi progetti in favore dell’infanzia e di chi vive in situazione di emergenza e bisogno. Attraverso il progetto “Operazione Pane” Antoniano, oltre ad essere molto attivo a Bologna, sostiene una rete di 14 mense francescane distribuite su tutto il territorio nazionale, offrendo sostegno per l’erogazione quotidiana dei pasti e per le successive attività di reinserimento sociale e lavorativo per le persone aiutate.

LE ATTIVITÀ DI ANTONIANO NEL SOCIALE. Antoniano è casa e famiglia per le persone più fragili. Apre le proprie porte alle persone che vivono in difficoltà e chiedono aiuto. Tende una mano chi cerca un’opportunità per ripartire. Seguendo gli insegnamenti di San Francesco, Antoniano va incontro alle persone e aiuta chi ha perso il lavoro, chi ha fame, chi non ha un tetto, chi scappa dalla guerra: tutte persone in cerca di una mano che le sostenga e le accompagni verso un futuro più sereno. I valori guida di Antoniano sono rispetto, solidarietà, condivisione e fraternità. Il sostegno offerto ai più fragili si sviluppa in un percorso di 4 passi:

  • Il pasto perché offrire un posto a tavola significa donare dignità e amore come in una famiglia
  • L’ascolto, perché bisogna conoscere l’altro, i suoi pensieri e i suoi bisogni per potergli stare accanto
  • L’accoglienza, perché solo quando ti senti a casa puoi riprendere in mano la vita e affrontare il mondo
  • L’aiuto, perché la sfida quotidiana può essere la spesa o il pagamento di una bolletta, ma anche fare una corsa insieme agli altri bambini.

ALCE NERO. Alce Nero è il marchio di agricoltori e trasformatori biologici impegnati dagli anni ’70 nel produrre cibi buoni, frutto di un’agricoltura che rispetta la terra e la sua fertilità. Da 40 anni Alce Nero percorre la strada del biologico: si dedica alla produzione di un cibo proveniente da campagne libere da erbicidi e pesticidi, custodite e coltivate ogni giorno con rispetto. Un’agricoltura di tradizioni immutate e di innovazione, in equilibrio tra nuove tecnologie, sperimentazione di ricette ed ingredienti, e i rigorosi disciplinari che il biologico autentico impone. I prodotti biologici Alce Nero, più di trecento, sono semplici e quotidiani. Sono prodotti che non hanno dimenticato il gusto, il piacere di riunirsi attorno alla stessa tavola, di essere condivisi. I prodotti coltivati e trasformati in Italia, così come quelli del biologico Fairtrade. Prodotti biologici, tutti. Tutti in equilibrio con la terra.

www.alcenero.com