Andrea Annecchini ft. Giancarlo – “Gerbere in dicembre”

73

Il nuovo singolo è in radio e negli stores dal giorno 8 febbraio

MODENA – “Gerbere in dicembre” il nuovo singolo di Andrea Annecchini, modenese di adozione,  è in radio e negli stores dal giorno 8 febbraio, dopo l’anteprima esclusiva del videoclip sul sito di Radio Bruno (Brescia), https://www.radiobrunobrescia.it/,  il giorno 5 febbraio.

Terzo singolo estratto dall’album “Apri gli occhi” uscito il 21 Marzo 2020 e distribuito da GNERECORDS è scritto dallo stesso Annecchini insieme a Giancarlo Prandelli e si avvale del feat dello stesso. “Gerbere in dicembre” è un brano sulla solitudine, sulla depressione ed emarginazione. Una metafora non casuale: la gerbera sopporta bene l’inverno se tenuta al riparo dalle piogge, dalle gelate e innaffiata poco, reagisce a temperature inferiori a 13 °C andando in stasi vegetativa, dormienza durante la quale potrà perdere interamente la parte aerea per produrla nuovamente e più splendidamente all’arrivo dei primi tepori primaverili.

Questa sensazione di “vegetare“, come la gerbera in dicembre, spesso causata da eventi o persone a cui ci si affida e che tradiscono le aspettative, infligge stati emotivi di prostrazione, che tolgono stabilità ed equilibrio, ponendoci in continua ricerca di una “primavera” che stenta però ad arrivare.

“Per tutti quelli che non sono uguali a me, li devo perdere”, recita il brano toccando un punto davvero cruciale: la dipendenza dagli altri, soprattutto quando si tratta di presenze negative e tossiche, può farci cadere nella depressione, portandoci a perdere l’amore verso noi stessi, ad evadere dalla realtà presente, attaccandoci ad un passato in cui ci si rifugia come un tempio lontano, ma non più reale; “Ho dato l’acqua ai miei ricordi”, canta Andrea, ricordandoci che se ci si rinchiude troppo nei sogni questi, però, possono tramutarsi in una gabbia che rende insopportabile la realtà con un impatto devastante sull’anima.

L’urlo dell’ultimo inciso, però, dà voce con potenza alla volontà di reagire: diventa un inno di indipendenza emotiva, esprime la necessità di riaffermare l’amor proprio, celebrando la propria essenza, non vergognandosi dei propri istinti e passioni, amandosi per quello che si è, anche se non rispondente alle istanze e convenzioni del mondo e della società che ci circonda.

Il video (https://youtu.be/09EGNWCQGZY) nella sua forza essenziale, vuol sottolineare visivamente la tematica illustrata: due personalità narranti che fluttuano in un ambiente asettico, due facce della stessa moneta, che si ritrovano davanti a una lampadina. Questa simboleggia il risveglio dallo stato di torpore dell’anima, senza compromessi.

La valigia è un simbolo del carico di cui ci si deve liberare per andare avanti e dar voce piena alla propria essenza e natura. Un dialogo tra Andrea Annecchini e il Maestro Giancarlo Prandelli, che resta valorizzato dall’essenzialità del contesto, che non si interessa di effetti importanti, animazioni risonanti o locations mozzafiato, ma che cerca piuttosto una comunicazione diretta e immediata, matura, con lo spettatore, dando spazio alla narrazione per rendere così giustizia al contenuto e sollevare la riflessione.

Autore: Andrea Annecchini
Compositore: Giancarlo Prandelli

Beat: GNE
MIX: Giancarlo Prandelli, Chop
Editing programmazioni Mastering presso GNE Records studio – Giancarlo Prandelli
Edizioni: Musicaviva
Label: GNERECORDS
Artwork: GNE
PRESS: AbacusWeb
IMMAGE ET COMMUNICATION: GNERECORDS Italy
Foto di: Federico Folli – Francesco Cancarini – Mario Ugozzoli

VIDEO

Direttore: Alessandro Blaze
Location: I Broom studios
Fotografia: Alessandro Blaze
Assistente: Sara Pederzoli
Foto: Mario Ugozzoli
Actors: Giancarlo PrandelliAndrea Annecchini

Ph Mario Ugozzoli