Anagrafi quartieri di Modena, aperte a turno 5 giorni su 5

Da lunedì 30 settembre ognuna aprirà una volta a settimana, dalle 8.30 alle 12.30; due volte il Quartiere 3. Sperimentazione per due mesi per elezioni Regionali

MODENA – Tutti i giorni della settimana, a turno da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 12.30, sarà aperta una delle quattro anagrafi di quartiere (due volte quella più frequentata, al Quartiere 3). E si aprono nuove prospettive anche per i servizi anagrafici digitali e per la diffusione sul territorio di punti per il rilascio di certificati.

Con la riapertura dopo la pausa estiva e per fare fronte alle esigenze di certificati di residenza e alle altre operazioni necessarie per garantire il diritto di voto alle Regionali fissate al 26 gennaio, si sperimentano per due mesi nuovi orari per le anagrafi di quartiere.

Finora erano due le aperture settimanali per quartiere, ma solo su quattro giorni: il mercoledì erano chiusi tutti i servizi decentrati. In questo modo si offre il servizio cinque giorni su cinque e, nello stesso tempo, si riorganizza il personale interno per rafforzare l’anagrafe centrale di via Santi. Alle anagrafi di quartiere si possono rivolgere tutti i cittadini, indipendentemente dall’area della città in cui si abita.

Questo il nuovo prospetto delle aperture che entrerà in vigore lunedì 30 settembre: lunedì Quartiere 4 (via Newton 150/b); martedì Quartiere 2 (via Nonantolana 685); mercoledì Quartiere 3 (via Don Minzoni 121); giovedì Quartiere 1 (piazzetta Redecocca 1); venerdì di nuovo Quartiere 3. Informazioni online: www.comune.modena.it/anagrafe.

I nuovi orari si inseriscono nel quadro di una più generale riorganizzazione dei servizi demografici, che si orienta sempre di più verso l’utilizzo delle modalità on line e di punti diffusi sul territorio come la rete di edicole che aderiscono a “Io certifico”.

“Complessivamente – sottolinea Ludovica Carla Ferrari, assessora alla Smart city con delega ai Servizi demografici – oggi la rete anagrafica del Comune si compone dell’anagrafe centrale di via Santi (punto di erogazione delle carte d’identità elettroniche), delle quattro anagrafi di quartiere e delle 12 edicole, tutti punti dove è possibile avere certificati anagrafici con o senza marca da bollo, oltre ai servizi on line che consentono di ottenere certificati anagrafici vari. E sono allo studio ulteriori servizi per andare incontro alle esigenze dei modenesi, come l’ampliamento degli orari un giorno a settimana per agevolare lavoratori e lavoratrici”.

Si lavora, infatti, sulle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie con l’obiettivo di differenziare e moltiplicare gli accessi a vantaggio dell’utenza e riducendo i tempi di attesa anche offrendo un servizio comodo direttamente sul computer o lo smartphone, e impegnando il personale in modo più flessibile non solo in attività dirette di sportello, sempre più su appuntamento, ma anche nella gestione dei servizi via internet, ad esempio nell’erogazione di certificati online.

Nel frattempo, si preparano campagne di sensibilizzazione per diffondere l’uso dell’anagrafe digitale e per attivare nuovi punti sul territorio autorizzati al rilascio di certificati, come altre edicole oltre alle attuali 12 che aderiscono a “Io certifico”.